Leontopodium nivale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Stella alpina dell'Appennino
Leontopodium nivale subsp alpinum.jpg
Leontopodium nivale
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Asteridae
Ordine Asterales
Famiglia Asteraceae
Sottofamiglia Asteroideae
Tribù Gnaphalieae
Genere Leontopodium
Specie L. nivale
Nomenclatura binomiale
Leontopodium nivale
(Ten.) Huet
Nomi comuni

Stella appenninica

La stella alpina dell'Appennino (Leontopodium nivale (Ten.) Huet) è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Asteraceae.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del genere Leontopodium deriva dal greco leon (leone) e podium (piccolo piede) per la forma delle brattee lanose che circondano il gruppo dei capolini, che quando sono ripiegate in cima (nella specie alpina) ricordano gli artigli di una zampa leonina.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Pianta perenne, bianco lanosa-alta, alta 5-8 cm; fusto breve e foglioso; foglie basali spatolate, da oblanceolate a subrotonde; foglie cauline lineari; corona apicale di foglie bratteali densamente lanose, che sorreggono un fascetto di capolini, dei quali uno centrale circondato circondato da altri 3-5; fiori tubulosi, giallo paglierini. Fiorisce da luglio ad agosto.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Creste pietrose, (anche su cuscinetti di Silene acaulis) tra 2000 e 2800 m.

Periodo di fioritura[modifica | modifica wikitesto]

Luglio - Agosto.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Majella, Gran Sasso, Monti Sibillini, Pizzo di Sevo, Monte Greco, Monte Terminillo. Poco comune. Note: subendemismo Balcanico-Appenninico (Montenegro e Appennino Centrale).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Galetti, Abruzzo in fiore, Edizioni Menabò - Cooperativa Majambiente, 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica