Leonardo Talamonti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leonardo Talamonti
LeonardoTalamonti.jpg
Talamonti nel periodo all'Atalanta
Dati biografici
Nome Leonardo José Talamonti
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 183 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Squadra Sportivo Belgrano Sportivo Belgrano
Carriera
Giovanili
Rosario Central Rosario Central
Squadre di club1
2000-2004 Rosario Central Rosario Central 93 (7)
2004-2005 Lazio Lazio 12 (1)
2005-2006 River Plate River Plate 24 (2)
2006-2011 Atalanta Atalanta 85 (1)
2011-2013 Rosario Central Rosario Central 14 (0)
2013- Sportivo Belgrano Sportivo Belgrano 5 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 24 gennaio 2014

Leonardo José Talamonti (Álvarez, 12 novembre 1981) è un calciatore argentino, difensore dello Sportivo Belgrano.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Nato in Argentina ma di origini italiane (suo nonno proveniva infatti da Ripatransone in provincia di Ascoli Piceno), esordisce nella massima divisione argentina nella stagione 2000-2001 con il Rosario Central, squadra in cui è cresciuto calcisticamente, totalizzando 93 presenze e segnato 7 reti, sino al fallimento economico del club posto sotto amministrazione controllata.

Nell'agosto del 2004 viene ingaggiato, con la modalità del prestito con diritto di riscatto da una società di intermediazione[1][2], dalla Lazio del neo-presidente romano Claudio Lotito.[3]

Sotto la guida di Mimmo Caso, il 27 ottobre 2004 esordisce in Serie A nella partita Lazio-Messina (2-0). Nella stagione 2004-2005 totalizza 13 presenze di cui 12 in campionato campionato, segnando la rete del pareggio nella gara terminata 1-1 al Giuseppe Meazza contro l'Inter[4], e una in Coppa Italia contro il Cagliari.

L'annata successiva il giocatore non viene riscattato dalla società romana, tornando a giocare in Argentina nel River Plate, dove colleziona 24 presenze e 2 reti.

Nell'agosto del 2006 torna in Italia, e viene preso in prestito dall'Atalanta, dove riesce a ritagliarsi un posto da titolare. Nel campionato totalizza 20 presenze senza mai segnare; l'affetto dimostrato dai tifosi induce l'Atalanta a ingaggiarlo con un contratto quinquennale nell'estate 2007.

Alla quarta giornata del campionato 2007-2008, durante la partita contro la Lazio, subisce un grave infortunio ai legamenti crociati del ginocchio. Rientra in campo solo a marzo, compromettendo di fatto la sua stagione: saranno solo 9 le presenze con la casacca nerazzurra.

La stagione successiva riparte da titolare disputando 30 presenze con una rete proprio contro gli ex compagni della Lazio, segnando così il suo primo gol con la maglia dell'Atalanta[5].

La stagione 2009-2010 non la inizia nei migliori dei modi: si infortuna prima nella trasferta di Bari[6] e il mister orobico, Antonio Conte, gli preferisce Paolo Bianco. Con l'arrivo del nuovo allenatore, Mutti, ottiene più spazio, ma un nuovo infortunio ne limita ancora l'utilizzo. A fine stagione la compagine atalantina retrocede in Serie B.

La stagione successiva parte titolare nel 4-4-2, ma accusa le solite ricadute muscolari che lo faranno rimanere lontano dal terreno di gioco; conclude la stagione con 9 presenze, tutte in campionato.

Il 4 luglio 2011 risolve consensualmente il rapporto contrattuale con l'Atalanta[7]. Lascia la squadra nerazzurra dopo cinque stagioni, con 86 partite all'attivo (85 in campionato e 1 in Coppa Italia) e un'unica rete.

Successivamente il giocatore trova l'accordo con il Rosario Central, sua ex squadra che milita in Primera B Nacional del campionato argentino[8].

Il 30 luglio 2013 viene acquistato dallo Sportivo Belgrano, club neopromosso nella seconda serie argentina[9].

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 11 giugno 2013.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2000-2001 Argentina Rosario Central PD 1 0 - - - CL 0 0 - - - 1 0
2001-2002 PD 19 1 - - - - - - - - - 19 1
2002-2003 PD 34 1 - - - - - - - - - 34 1
2003-2004 PD 35 5 - - - CS+CL 2+7 0 - - 44 5
ago. 2004 PD 4 0 - - - - - - - - 4 0
ago. 2004-2005 Italia Lazio A 12 1 CI 1 0 CU 0 0 SI 0 0 13 1
2005-2006 Argentina River Plate PD 24 2 - - - CS+CL 2+6 0 - - - 32 2
ago. 2006 PD 0 0 - - - CS+CL 0 0 - - - 0 0
ago. 2006-2007 Italia Atalanta A 20 0 CI 0 0 - - - - - - 20 0
2007-2008 A 9 0 CI 0 0 - - - - - - 9 0
2008-2009 A 30 1 CI 0 0 - - - - - - 30 1
2009-2010 A 17 0 CI 1 0 - - - - - - 18 0
2010-2011 B 9 0 CI 0 0 - - - - - - 9 0
Totale Atalanta 85 1 1 0 - - - - 86 1
2011-2012 Argentina Rosario Central BN 9 0 Cd'A 1 0 - - - - - - 10 0
2012-2013 BN 5 0 Cd'A 1 0 - - - - - - 6 0
Totale Rosario Central 107 7 2 0 9 0 - - 118 7
2013-2014 Argentina Sportivo Belgrano BN 5 0 Cd'A - - - - - - - - 5 0
Totale carriera 233 11 4 0 17 0 0 0 254 11

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Atalanta: 2010-2011

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pietro Pinelli, Lequi e Talamonti, gli oggetti non più misteriosi in Il Corriere della Sera, 17 novembre 2004, p. 53. URL consultato il 17 maggio 2009.
  2. ^ Pietro Pinelli, Leonardo, «genio» a buon mercato della Lazio in Il Corriere della Sera, 1° novembre 2004, p. 47. URL consultato il 17 maggio 2009.
  3. ^ Pietro Pinelli, Lazio, il «mistero» dei cinque sudamericani in Corriere della Sera, 11 ottobre 2009, p. 53. URL consultato il 17 maggio 2009.
  4. ^ Carlo Laudisa, L'Inter è cambiata. Ora gioca male. in La Gazzetta dello Sport, 31 ottobre 2004, p. 7. URL consultato il 17 maggio 2009.
  5. ^ La scheda: Leonardo Josè Talamonti, mediagol.it, 30 aprile 2009.
  6. ^ calciomercato.it, 24 settembre 2009, http://www.calciomercato.it/news/59139/Tegola-per-Gregucci.html.
  7. ^ LEONARDO TALAMONTI RISOLUZIONE CONSENSUALE DEL CONTRATTO, Atalanta.it, 4 luglio 2011.
  8. ^ UFFICIALE: Matías Lequi, Biglieri e Talamonti al Rosario Central, Tuttomercatoweb.com, 22 luglio 2011.
  9. ^ UFFICIALE: Leonardo Talamonti allo Sportivo Belgrano

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]