Leonardo Muraro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leonardo Muraro

Presidente della Provincia di Treviso
In carica
Inizio mandato 29 maggio 2006
Predecessore Luca Zaia

Dati generali
Partito politico Lega Nord

Leonardo Muraro (Mogliano Veneto, 8 agosto 1955) è un politico italiano, presidente della Provincia di Treviso dall'aprile 2005.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Perito industriale, Muraro è stato lavoratore dell'ENEL nell'area della produzione idroelettrica. Nel 2011 ha conseguito la laurea in Scienze politiche presso l'università di Padova[1].

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Dal 1996 al 2002 è stato consigliere comunale a Mogliano Veneto come capogruppo leghista. Con le elezioni del 1998 è stato eletto al consiglio provinciale, venendo nominato assessore alle politiche per il territorio e l'ambiente. È stato rieletto in Provincia con le elezioni del 2002: in questo secondo mandato ha ricoperto anche la carica di vicepresidente.

È subentrato nella carica di presidente della Provincia a Luca Zaia che, con le elezioni del 2005, era stato nominato vicepresidente della Regione Veneto. È stato confermato alla guida della provincia di Treviso con le elezioni amministrative del 2006, alla testa di una coalizione di centrodestra.

Dal 2008 è membro del direttivo dell'Unione delle Province d'Italia, con mandato al Federalismo. Nel settembre 2009 viene eletto presidente dell'Unione Regionale Province Venete.

Alle amministrative del 2011, Muraro si riconferma presidente della provincia trevigiana: la coalizione di centro-destra che lo sosteneva ha guadagnato il 57,46% dei consensi, di cui le liste a lui più vicine, la Lega Nord e Razza Piave, hanno raggiunto rispettivamente il 29,57% e l'11,24% del totale[2].

Polemiche[modifica | modifica sorgente]

Il 18 novembre 2010 è salito agli onori della stampa nazionale per alcune dichiarazioni rilasciate durante un'intervista su Antenna Tre Nordest: commentando il caso dei tre serbi arrestati mentre razziavano le case colpite dall'alluvione del Padovano, Muraro ha affermato:

« In questi casi sarei per la fucilazione. Darei alle forze dell'ordine l'autorità di provvedere all'esecuzione sul posto dei colpevoli[3]»

Subito dopo ha specificato che le sue affermazioni volevano essere solamente una provocazione per "sollevare un caso"[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Muraro laureato in la Tribuna di Treviso, 1º aprile 2011, p. 23. URL consultato il 14 febbraio 2014.
  2. ^ Dati del Ministero dell'Interno della Repubblica Italiana
  3. ^ a b Maltempo, "sciacalli da fucilare". Muraro (Lega): è una provocazione in ANSA, 18 novembre 2010. URL consultato il 18-11-2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Presidente della Provincia di Treviso Successore Provincia di Treviso-Stemma.png
Luca Zaia dal 29 maggio 2006 in carica