Leonardo Manera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Leonardo Manera, pseudonimo di Leonardo Bonetti (Milano, 20 aprile 1967), è un comico e cabarettista italiano.

Per la televisione ha partecipato a diversi programmi comici come State boni, Seven Show, Paperissima, Quelli che il calcio, Ciro, Belli dentro, Zelig, Zelig Circus, Zelig off e Colorado. Nel 2009 è stato il conduttore del varietà televisivo Grazie al cielo sei qui, in onda su La7.

Per Radio 2, tra il 2004 e il 2005, ha condotto con Giovanna Zucconi Sumo, programma di approfondimento e intrattenimento su temi di attualità e cultura.

Cabaret[modifica | modifica sorgente]

Cabarettista ed autore di molti dei suoi testi, ha ottenuto vari riconoscimenti a livello nazionale come ad esempio vincendo nel 1996 il "Festival nazionale del Cabaret" e l'anno seguente il "Festival di cabaret Città di Cremona", oltre al premio della critica alla "Zanzara d'oro", trasmesso su Rai Uno. Nel 2011 vince il Delfino d'Oro alla carriera come miglior cabarettista dell'anno al Festival nazionale Adriatica cabaret.

Alcuni suoi personaggi sono diventati particolarmente celebri, come il ventriloquo Vasco a cui hanno causato "una lesione alla retina", il mimo Mimmo, il depresso monocorde che invia "Un saluto festoso a tutti", l'alienato che ripete ossessivamente "Adriana ... Adriana" o Piter, parodia del ragazzo della provincia bresciana e Petrektek, insieme a Claudia Penoni che impersona Kripztak, nella parodia del cinema polacco (ispirandosi in realtà ai film del regista finlandese Aki Kaurismaki).

Cinema e teatro[modifica | modifica sorgente]

Dal 1999 inizia anche a impegnarsi come attore, recitando nei film La grande prugna (1999) di Claudio Malaponti e Ma femme s'appelle Maurice (2001) di Jean Marie Poiret.

Attivo anche sulla scena teatrale, è stato protagonista degli spettacoli Se non m'illudo mi chiudo (2000), Abbracciati da sola che c'ho d'andar via (2002), Aspetto e spero, per la regia di Paola Galassi tra il 2003 e il 2005, Costole (2006-2008) e Notti amare (2008-2009) diretti da Marco Rampoldi. Tra il 2010 e il 2011, ancora diretto da Marco Rampoldi, ha portato sulle scene grazie ad una produzione indipendente il monologo Italian Beauti (Viaggio in un paese di mostri). Sempre con Rampoldi alla direzione nel 2013 porta in scena il fortunato monologo L'ottimista (il Candido di Voltaire e la Ricerca della felicità).

A teatro nel 2011 è autore ed interprete di Recital, nel quale ripercorre i suoi quarantaquattro anni nell'Italia del XXI secolo attraverso un mix di ricordi personali, presentandolo anche al Dallo Sciamano allo Showman[1]; nello stesso anno gira anche la commedia nera Una notte da paura, diretta dal maestro dell'horror Claudio Fragasso.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Leonardo Manera e gli Inadatti in un «Recital» tutto da ridere in Bresciaoggi.it, 10 agosto 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]