Leonardo Corona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Leonardo Corona (Murano, 1561Venezia, 1605) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fu allievo dapprima del padre Michele, miniatore, poi di Rocco da S.Silvestro, e poi di Tiziano. Fu grande ammiratore di Tintoretto e subì le influenze di Palma il Giovane.[1]

Fu attivo soprattutto a Venezia dove nella basilica dei Santi Giovanni e Paolo realizzò una Annunciazione e nella chiesa di Santo Stefano dipinse un'Assunzione.

Si ricordano, inoltre, i suoi lavori a chiaroscuro nel Palazzo Ducale di Venezia e il Supplizio di S.Agata, opere anteriori al 1587.

Prima del 1585 collaborò con il Palma ai lavori di S.Giuliano, mettendosi in evidenza con 'L'ingresso di Cristo a Gerusalemme e con le Virtù.

Nel 1590 dipinse la Caduta della manna a S.Giovanni Elemosinario ed intorno al 1605 le Storie della Passione per l'Ateneo Veneto, caratterizzate da intensi chiaroscuri.

Tra i suoi allievi si ricordano invece Sante Peranda e Anna Baldassarre.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Le muse, De Agostini, Novara, Vol.III, pag.446

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

(Intorno a) Leonardo Corona (1552-1596) : documenti, fonti e indagini storico-contestuali Sapienza, Valentina 1973

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 35374655

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie