Leonard Compagno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Leonard J. V. Compagno (...) è un ittiologo statunitense.

Laureato in Scienze Biologiche con specializzazione in Zoologia e Biologia Marina, è riconosciuto come autorità internazionale ed è una delle figure di maggior spicco del mondo per le sue conoscenze sulla tassonomia degli squali. È autore di molti articoli scientifici e libri sugli squali.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato la sua carriera accademica all'Università di Stanford dove ha completato il suo dottorato di ricerca in Squali Carcharhiniformes: morfologia, sistematica e filogenesi. Nel 1984 scrisse il primo volume della serie: Catalogue of World Sharks (Catalogo degli Squali del Mondo), scritti per l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO). Ha pubblicato oltre 500 lavori, tra libri, capitoli di libri, articoli scientifici e abstract, mentre di recente è stato co-autore di A Field Guide to the Sharks of the World (Una guida da campo sugli squali del mondo).

È stato professore aggiunto alla San Francisco State University dal 1979 al 1985, Curatore della sezione Pesci presso il Dipartimento di Scienze Naturali, Direttore del Centro di Ricerca sugli Squali (SRC - Shark Research Centre) del Iziko Museums di Città del Capo [1] e ha anche ricoperto la carica di direttore del Shark Research Institute (SRI) [2].

È stato consulente scientifico per diversi film internazionali, tra cui l'originale Jaws della Universal Studios e diretto da Steven Spielberg, Great White Shark e Sensitive Sharks per la BBC Natural History Unit e Jurassic Shark della Survival Anglia. Leonard è anche un appassionato conservatore di squali, ed il miglior esempio è stato il ruolo fondamentale che ha giocato nell'opera di convincimento del governo del Sudafrica di proteggere lo squalo bianco nel 1991.

Nel suo nuovo ruolo di Direttore per la Ricerca presso il Centro SOSF Shark, Leonard continua la sua ricerca e i suoi studi nella sistematica, morfologia, evoluzione e biologia della conservazione dei pesci cartilaginei, combinando metodi di ricerca affermati a tecniche all'avanguardia e di nicchia.[3]

Oltre al suo ruolo all'interno del SOSF, il dott. Compagno è anche il cofondatore della Società Americana per gli Elasmobranchi, socio ordinario della Società Reale del Sudafrica e il vicepresidente regionale in Sud Africa per il Gruppo di Specialisti sugli Squali del IUCN [4].

Alcune pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Leonard Compagno, 1984a. FAO species catalogue. Vol. 4. Sharks of the world. An annotated and illustrated catalogue of sharks species known to date. Part 1. Hexanchiformes to Lamniformes. FAO Fish Synop., (125) Vol.4, Pt.1: 249 p. - Una copia è disponibile online sul sito Fao.org
  • Leonard Compagno, 1984b. FAO species catalogue. Vol. 4. Sharks of the world. An annotated and illustrated catalogue of shark species known to date. Part 2. Carcharhiniformes. FAO Fish.Synop., (125) Vol.4, Pt.2: 251-655 - Una copia è disponibile online sul sito Fao.org
  • Leonard Compagno, 1988. Sharks of the Order Carcharhiniformes. Princeton University Press, Princeton, New Jersey, 486 pp + 21 Figures, + 35 Plates. ISBN 0-691-08453-X
  • Leonard Compagno, 1999. Checklist of living elasmobranches, p. 471-498. In: W.C. Hamlett, ed. Sharks, skates and rays: the biology of elasmobranchs fishes, Johns Hopkins University Press. Maryland, 515 pp. - Una copia parziale è disponibile online sul sito Google.books.it
  • Leonard Compagno, 2001. Sharks of the world. An annotated and illustrated catalogue of shark species known to date. Vol. 2. Bullhead, mackerel, and carpet sharks (Heterodontiformes, Lamniformes and Orectolobiformes). FAO Species Catalogue for Fishery Purposes. No 1, Vol. 2. Roma, FAO. 269 pp. - Una copia è disponibile online sul sito Fao.org
  • Leonard Compagno, Dando M., Fowler S., 2005. A Field Guide to the Sharks of the World. HarperCollins Publishers Ltd., London. 368 pp., 64 colour plates. Princeton Field Guide: ISBN 978-0-69112-072-0. Collins Field Guide: ISBN 978-0-00713-610-0.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Direttore del Shark Research Centre (SRC), Iziko Museums, Cape Town
  2. ^ (EN) Direttore del Shark Research Institute (SRI)
  3. ^ (EN) Direttore per la Ricerca del Centro Saveourseas SOSF Shark
  4. ^ (EN) Collaboratori della Lista rossa IUCN

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci