Leo Buscaglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« La vostra responsabilità più grande è diventare tutto ciò che siete, non soltanto per il vostro beneficio, ma anche per il mio. »
(Leo Buscaglia, Vivere, amare, capirsi)
Leo Buscaglia, 1987

Felice Leonardo Buscaglia detto Leo (Los Angeles, 31 marzo 1924Glenbrook, 11 giugno 1998) è stato un docente e scrittore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Leo Buscaglia è nato a Los Angeles negli Stati Uniti da genitori italiani, nativi di Aosta.

Cresciuto bilingue, frequenta le scuole a Los Angeles e svolge il servizio militare nella marina americana durante la Seconda Guerra Mondiale.

Dopo la guerra frequenta la University of Southern California dove consegue i diversi gradi accademici fino al dottorato in Pedagogia nel 1963.

Dopo le prime esperienze di insegnamento nelle scuole di Pasadena, dal 1965 al 1984 insegna al Department of Special Education presso la University of Southern California. Fu il primo ad istituire un corso universitario negli Stati Uniti incentrato sul tema dell'amore come elemento unificatore in diverse culture e religioni. Noto come "Il professore dell'Amore", fu votato dai propri studenti come l'insegnante piu' popolare nell'anno 1969-70.

È stato autore di numerosi bestseller sull'educazione e sull'amore, tradotti in oltre 12 lingue.

Negli anni Ottanta le sue "lezioni sull'amore", trasmesse dalla televisione pubblica, sono state una delle trasmissioni più seguite.[1]

Nella sua carriera Buscaglia ricevette numerosi riconoscimenti, incluso il titolo di Cavaliere dal governo italiano nel 1988 e il Columbian Award insignitogli dai Federated Italo Americans of Southern California nel 1991.

Muore nel 1998 per un attacco cardiaco.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Vivere, amare, capirsi
  • Amore
  • La coppia amorosa
  • La cucina dell'amore
  • Nati per amare
  • La via del toro
  • Autobus per il paradiso

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://autori.librimondadori.it/leo-buscaglia
  • Vincent A. Lapomarda, in The Italian American Experience, a cura di S.J. LaGumina (New York: Garland, 2000) 72-73.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 79337159