Leiognathidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Leiognathidae
Equulites leuciscus.jpg
Equulites leuciscus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Osteichthyes
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Famiglia Leiognathidae

I Leiognathidae sono una famiglia di pesci ossei appartenenti all'ordine Perciformes.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Sono presenti negli oceani Indiano e Pacifico soprattutto nelle fasce tropicali. Una specie (Equulites klunzingeri) è presente nel mar Mediterraneo dove è giunto dal mar Rosso in seguito alla migrazione lessepsiana[1].

Sono strettamente costieri, di solito frequentano fondi sabbiosi. Alcune specie penetrano nei corsi d'acqua dolce.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'aspetto di questi pesciolini è alquanto uniforme, hanno corpo alto e compresso lateralmente, dai colori argentati. La bocca spesso si può allungare a tubo come nelle mennole o nel pesce San Pietro. Le pinne dorsale ed anale sono lunghe e quasi simmetriche, nella loro parte anteriore portano raggi spiniformi ed hanno un'altezza maggiore. La pinna caudale è biloba. Al tatto appaiono vischiosi come le bavose a causa del muco che li ricopre.

Anche se qualche specie può sfiorare i 30 cm la maggioranza di questi pesciolini raggiunge a malapena i 20 cm.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Si nutrono di piccoli invertebrati bentonici dell'infauna e dell'epifauna dei fondi mobili.

Pesca[modifica | modifica wikitesto]

Vengono pescati di frequente con reti a strascico e da posta ma la loro importanza economica è limitata ad alcuni contesti di pesca artigianale.

Specie[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Leiognathus klunzingeri

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tortonese E. Osteichthyes, Calderini, 1975
pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci