Leggenda mortale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leggenda mortale
So cosa hai fatto 3.png
Benjamin Willis in una delle scene del film
Titolo originale I'll Always Know What You Did Last Summer
Paese di produzione USA
Anno 2006
Durata 92 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere Horror
Regia Sylvain White
Soggetto Lois Duncan
Produttore Erik Feig, Nancy Kirhoffer, Amanda Cohen, Neal H. Moritz
Produttore esecutivo Jefferson Richard
Casa di produzione Sony Pictures, Screen Gems
Distribuzione (Italia) Columbia Pictures
Fotografia Stephen M. Katz
Montaggio David Checel
Musiche Justin Burnett
Scenografia Eric Weiler
Costumi Amy Jean Roberts
Trucco Julie Kreger
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Leggenda mortale (I'll Always Know What You Did Last Summer) è un film del 2006 diretto da Sylvain White e scritto da Lois Duncan e Michael D. Weiss. Il film, uscito il 15 agosto negli Stati Uniti, conclude la trilogia cominciata con So cosa hai fatto e proseguita con Incubo finale.

Questo film è la trasposizione di un libro di Lois Duncan.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Amber, Zoe, Colby, Roger e P.J. preparano uno scherzo per terrorizzare alcuni amici, organizzando una messa in scena riguardante "Il Pescatore", un omicida armato di uncino che aveva compiuto due massacri alcuni anni prima. Purtroppo questo innocente scherzo si trasforma in una tragedia quando terminato un finto duello tra il Pescatore (interpretato da Roger) e P.J. sul tetto di un edificio, questi si lancia nel vuoto con il suo skateboard e invece di atterrare su dei materassini come programmato, si schianta su un trattore parcheggiato al loro posto. A distanza di un anno, tutti iniziano a ricevere strani messaggi riguardante l'accaduto e il famoso assassino inizia a dargli la caccia uno ad uno. Dopo aver ricevuto 50 Sms anonimi, tutti con lo stesso contenuto ("So cosa hai fatto la scorsa estate"), Amber ricontatta tutti i suoi amici con cui aveva giurato di non raccontare a nessuno dell'incidente occorso a P.J. Mentre si interrogano sul da farsi, Roger, nel frattempo divenuto un alcolizzato e un tossico-dipendente, viene sorpreso e ucciso dal "Pescatore" poco prima di suicidarsi. Gli amici giunti sul posto, scambiano quindi il suo assassinio per un vero suicidio e scoprendo l'uncino usato per lo scherzo ancora sotto il letto di Roger, si convincono che la questione sia risolta e i messaggi di minaccia erano in realtà stati inviati dal loro amico che aveva ormai perso la testa. Tornata a casa però, Amber trova tutte le sue foto distrutte e l'ennesimo messaggio dell'assassino. Nel frattempo i ragazzi iniziano a sospettare di Lance, il cugino di P.J. da sempre innamorato di Amber, fin quando questi non confida proprio a quest'ultima, che lui aveva sempre saputo chi aveva organizzato lo scherzo e mostra ad Amber che l'assassino ha fatto visita anche a lui lasciando un messaggio inciso sulla sua moto ("Tu Sai"). I principali sospetti passano quindi sul padre di P.J. lo sceriffo Davis. Dopo i ripetuti incontri con il Pescatore, i ragazzi si decidono a confidare tutto al vice-sceriffo, ma giunti a casa sua vi trovano il padre di P.J. e decidono di continuare a tacere. Optano quindi per scappare, abbandonando definitivamente la città, ma Zoe ha un concerto la sera stessa e decide di non venire in quanto la serata sarà piena di agenti discografici. Amber, Colby e Lance decidono quindi di posticipare la partenza a subito dopo l'esibizione di Zoe. Appena rientrata nel backstage però, Zoe viene attaccata dal Pescatore che la uccide davanti agli occhi di Amber e Lance. Giunto sul posto, anche lo sceriffo Davis è vittima del Pescatore. Subito dopo viene ucciso anche Colby, sorpreso mentre si stava ubriacando nel locale cucina in attesa del termine del concerto. Mentre fuggono, Amber e Lance incontrano il vice-sceriffo che cade anche lui vittima dell'assassino. In un momento di distrazione, Amber riesce ad investire il Pescatore con una jeep ma questi si rialza rivelando la sua identità: È ancora una volta Ben Willis, l'omicida dei massacri precedenti, morto anni prima alle Bahamas per mano di Julie James. Il Pescatore mostra un volto mostruoso e si rivela immortale e invulnerabile anche alle armi da fuoco: Si tratta infatti della leggenda di Ben Willis, riportata in vita dall'incidente causato dal gruppo di amici. Durante un combattimento però, l'assassino mostra il suo unico punto debole: l'uncino è infatti l'unica arma in grado di ferirlo. Così, durante una dura lotta con Lance, Amber riesce piantare l'uncino in testa al Pescatore e a spingerlo in una trebbiatrice. Un anno dopo tutto sembra finito, Amber sta tornando a Los Angeles dal Nevada per raggiungere Lance con cui nel frattempo si è fidanzata. Mentre è in viaggio però, buca una gomma ed è costretta a fermarsi. Improvvisamente il Pescatore si materializza alle sue spalle e l'urlo di Amber squarcia il silenzio dell'ultima dissolvenza in nero.

Critica[modifica | modifica sorgente]

Alcuni critici, per via della trama, lo hanno considerato un remake del primo capitolo. Tuttavia, il resto del film è completamente diverso del primo.

Sequel[modifica | modifica sorgente]

Nonostante il film debba far parte di una trilogia, è stata annunciata la prossima uscita di un altro sequel, Fisherman, forse prossima partenza per una seconda trilogia.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • È stato girato in Utah nel settembre 2005.
  • Il titolo del film doveva essere "The Hook" (L'uncino).
  • Il film è uscito solo per l'home video.
  • Il nome completo della band di Zoe è "Zoe and The Hooks", chiaro riferimento all'arma utilizzata dal Pescatore.
  • Nel cofanetto dove sono presenti tutti i film della trilogia (So cosa hai fatto, Incubo finale e Leggenda mortale) il terzo capitolo viene indicato come vietato ai minori di 14 anni, mentre sulla confezione del DVD del terzo capitolo pubblicato individualmente c'è scritto visione in presenza di un adulto

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema