Legge di Engel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La legge di Engel indica che la proporzione del reddito di una famiglia che viene consacrato all’alimentazione diminuisce quando il reddito aumenta.

Esaminando le spese di circa 200 famiglie belghe, raccolte da Edouard Ducpétiaux, l'economista tedesco Ernst Engel ha costatato che la proporzione del reddito che viene consacrato all’alimentazione diminuisce quando il reddito aumenta. Siccome questa relazione è valevole per tutti i paesi, si parla oggi di legge di Engel. Ciò significa che l’elasticità della domanda rispetto al reddito è inferiore all’unità. Infatti, sia y il reddito, p il prezzo e q la quantità di beni alimentari. La proporzione del reddito consacrato all’alimentazione è:

  \omega = \frac{p \cdot q}{y}

Se questa proporzione diminuisce quando il reddito aumenta la derivata è negativa. Si ha allora:

 \frac{\mathrm{d} \omega}{\mathrm{d} y}=\frac{py \frac{\mathrm{d} q}{\mathrm{d} y}-p q}{y^2} < 0  \rightarrow \eta = \frac{\mathrm{d} q}{\mathrm{d} y}\frac{y}{q} < 1

La legge di Engel è una delle leggi tra le più generali in economia. Tutte le stime effettuate mostrano che la legge è verificata per i paesi sviluppati come per i paesi in via di sviluppo. Ciò non significa che le elasticità siano uguali. Si trova sovente delle elasticità basse per i paesi sviluppati o per i redditi alti e delle elasticità più alte per i paesi in via di sviluppo o per i redditi bassi.

Si può rappresentare graficamente la relazione tra la spesa per un bene e il reddito. Questa relazione è chiamata la curva di Engel.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • E. Ducpétiaux - Budgets économiques des classes ouvrières en Belgique - Bruxelles, 1855
  • E. Engel - « Die Productions- und Consumtionsverhältnisse des Königreichs Sachsen », Statistischen Büreaus des Königlich Sächsischen Ministeriums des Innern - 1857
  • H. Houthakker - « An International Comparison of Household Expenditure Patterns, Commemorating The Centenary of Engel’s Law » - Econometrica, vol. 25, 1957, pp. 532-551