Legge delle proporzioni definite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La legge delle proporzioni definite, enunciata da Joseph Proust nel 1799,[1] è una legge che regola la formazione dei composti chimici a partire dagli elementi che li compongono. Essa recita:

quando due o più elementi reagiscono, per formare un determinato composto, si combinano sempre secondo proporzioni in massa definite e costanti.

Ad esempio il carbonato di rame, qualunque fosse la sua origine (naturale o preparato in laboratorio), conteneva rame, carbonio e ossigeno sempre nelle stesse proporzioni.

Secondo Proust, "...un composto è un prodotto privilegiato al quale la natura ha dato una composizione costante".

Esistono però delle eccezioni costituite dai cosiddetti composti non stechiometrici.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) 1799 - Stoichiometry, rsc.org. URL consultato il 24 agosto 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia