Legge 19 dicembre 1992, n. 488

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Legge 488/1992)

La legge 19 dicembre 1992 n. 488 è una legge dello Stato Italiano emanata nel 1992 che ha sostituito, in termini di politica degli incentivi per il Mezzogiorno d'Italia, le vecchie normative e ha esteso i benefici non solo al Sud, ma anche ad altre aree del Paese definite depresse.

La legge è divenuta operativa a partire dal 1996, con l'emissione dei primi bandi.

Settori interessati[modifica | modifica wikitesto]

Gli stanziamenti sono avvenuti con le diverse leggi finanziarie dello stato, mentre l'istruttoria dei progetti delle imprese è stato affidato alle banche concessionarie o agenti e la validazione finale al Ministero dello Sviluppo Economico.

I settori interessati sono stati all'inizio solo il manifatturiero e successivamente quello turistico, delle costruzioni e del commercio. La legge nel 2005 ha subito notevoli modifiche nelle modalità di funzionamento e dal 2007 non è stata più rifinanziata essendosi il Governo della Repubblica Italiana orientato verso altre forme di incentivi, come il credito d'imposta per gli investimenti realizzati.

Gestione dei finanziamenti[modifica | modifica wikitesto]

La gestione è stata affidata a Banche ed Istituti di Credito denominate "concessionarie" le quali, a fronte di una convenzione con la quale percepivano una commissione, fornivano un servizio che andava dall'attività di istruttoria fino a quella della relazione finale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]