Legami intermolecolari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le forze Intermolecolari sono interazioni deboli di natura elettrostatica tra molecole neutre e ioni. Le energie coinvolte in questi tipi di interazioni sono di gran lunga minori rispetto a quelle coinvolte nei legami chimici intratomici (fino a 4000 kJ/mol per un legame ionico ad esempio).

A differenza dei legami intratomici, che legano tra loro atomi differenti di una stessa molecola, le forze intermolecolari si esplicano tra due o più molecole (che possono essere tra loro uguali, come avviene in una sostanza pura, o differente, come avviene in una miscela o all'interfaccia tra due differenti materiali).

Le forze intermolecolari contribuiscono a determinare alcune caratteristiche delle sostanze, come ad esempio punto di fusione o di ebollizione. Un'elevata forza fra le molecole di una soluzione fa innalzare il punto di ebollizione di quest'ultima, perché riuscire a portare le molecole in fase vapore risulta più difficile in quanto bisogna fornire un surplus di energia (presumibilmente sotto forma di calore) per rompere questi legami. Stesso discorso si può fare per il punto di fusione.

Esistono le seguenti tipologie di forze intermolecolari (in ordine di forza crescente):

Le forze intermolecolari e gli stati della materia[modifica | modifica wikitesto]

A differenza dei legami ionici,covalenti e metallici, nei legami intermolecolari si parla di legami tra atomi o molecole e le loro strutture (lewis). Ciò vuol dire che lo stato fisico della materia si basa sui legami chimici dei vari elementi o molecole. Per sapere ad esempio se una molecola si trova in natura allo stato solido,liquido o gassoso bisogna sapere come sono legati tra loro gli atomi basandoci sulla teoria del VSEPR (Valence Shell Electron Pair Repulsion) che ci dà informazioni:

  • sulla disposizione degli atomi in una molecola dipende dal numero totale di elettroni al livello di valenza, nell'atomo.
  • poiché tali coppie elettroniche di uguale segno si respingono, esse si dispongono alla maggior distanza possibile.

Con tale teoria si può affermare che in una molecola che forma due angolo di 180 gradi si ha una struttura lineare, ovvero in natura si ha la formazione di un gas, se si ha una struttura composta da tre coppie elettroniche si ha una struttura triangolare polare, quindi si ha 3 angoli di 120 gradi, in natura (a temperatura, pressione etc ambientale) si ha un liquido.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia