Legacy of Kain: Soul Reaver 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Legacy of Kain: Soul Reaver 2
Sviluppo Crystal Dynamics
Pubblicazione Eidos Interactive
Serie Legacy of Kain
Data di pubblicazione PlayStation 2:
Giappone 14 febbraio 2002
Flags of Canada and the United States.svg 31 ottobre 2001
Flag of Europe.svg 23 novembre 2001

Microsoft Windows:
Flags of Canada and the United States.svg 20 novembre 2001
Flag of Europe.svg 30 novembre 2001

Genere Avventura dinamica
Tema Horror
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma PlayStation 2, Windows
Supporto 1 DVD o 1 CD
Requisiti di sistema Windows 98, CPU 450 MHz, RAM 128 MB, Scheda video 16 MB, HD 850 MB, DirectX 8.0
Periferiche di input Mouse, tastiera o gamepad

Legacy of Kain: Soul Reaver 2 è un videogioco della saga Legacy of Kain, seguito di Legacy of Kain: Soul Reaver, sviluppato dalla Crystal Dynamics e pubblicato dalla Eidos Interactive nel 2001.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In questo capitolo Raziel, fuggito dalla trappola di Kain, si ritrova nella fortezza di Moebius e lì scopre di trovarsi in un tempo dove i pilastri di Nosgoth non sono ancora stati corrotti e per scoprire la sua tormentata storia decide di andare a cercare il saggio vampiro Vorador. Nella fortezza di Moebius questi si dimostra disponibile, ma Raziel è poco fiducioso, poiché Moebius annulla, anche se solo temporaneamente, la sua arma, la Mietitrice d'Anime. Li, poi, trova la bara di William il giusto, sepolto con tutti gli onori, poiché ucciso da Kain. Lì la Mietitrice di Raziel si fonde a quella spaccata di William, prosciugando al protagonista molta della sua energia vitale, e acquisendo una volontà più forte.

Raziel decide di trovare la casa di Vorador, per avere risposte riguardo al suo vero ruolo nei progetti del fato. Arrivato alla dimora di Vorador scopre dal vampiro che può trovare le sue risposte solo dall'antico Janos Audron, creatore dello stesso Vorador. Tuttavia per rendere la sua ricerca valida Raziel deve tornare indietro nel tempo, in un'epoca in cui Janos sia ancora vivo, ma Moebius lo inganna e lo spedisce invece nel futuro, dove Moebius, morto da secoli, ha sterminato gran parte dei vampiri e demoni e umani lottano per la sopravvivenza in un mondo devastato. Raziel riesce infine ad arrivare all'epoca giusta e a raggiungere Janos. Quest'ultimo incoraggia Raziel a trovare il potere del fuoco per la sua "mietitrice d'anime", e mentre Raziel la sta cercando un gruppo di Sarafan, fa irruzione da Janos e lo uccide strappandogli il cuore. Raziel assiste alla scena e si rende conto che l'assassino di Janos è lui stesso quando ancora era umano, un sacerdote Sarafan. Una storia narrava che il Cuore delle Tenebre, ovvero quello appartenuto a Janos Audron, aveva il potere di ridare la vita a un vampiro (verrà infatti utilizzato in futuro da Mortanius per far rinascere Kain come vampiro).

Raziel decide che Janos non può morire e così segue gli umani per recuperare il cuore. Nell'inseguimento, demoni di ogni tipo gli si avventano contro per fermarlo, e qui si rende conto che essi sono stati evocati da Moebius stesso, visto che si trovano in un'epoca precedente a quella dell'avvento di Nemesis (vedere Blood Omen: Legacy of Kain). I demoni falliscono e Raziel riesce quindi a raggiungere la fortezza. Lì Moebius usa i poteri della sua asta per impedire a Raziel di usare la mietitrice nella sua forma spettrale, ma egli trova quella materiale e la prende per difendersi dai Sarafan, e con sua sorpresa essa si impadronisce di lui attribuendogli una forza spaventosa e invulnerabilità. Uccide tutti i suoi ex fratelli (Dumah, Turel, Rahab, Zephon, Melchiah) e la sua controparte umana, scoprendo così come era avvenuta la loro morte da Sarafan. Dopo aver ucciso sé stesso come umano la Mietitrice spettrale riprende forza e avvolge la sua forma materiale, le due armi attaccano così all'improvviso Raziel. Il vampiro capisce finalmente la verità, il suo destino è di diventare l'entità della spada che diventerà così la leggendaria mietitrice d'anime, destinandolo così in un circolo temporale destinato a ripetersi per sempre. Kain, rimasto nascosto fino a quel momento, interviene e strappa la Mietitrice materiale dalle mani di Raziel. In questo modo Raziel sopravvive, e Kain ha di nuovo la Mietitrice materiale. Questo evento cambia il corso del destino ancora una volta, Kain riceve le nuove memorie provocate dalla nuova linea temporale e capisce di essere caduto in una trappola degli Hylden. Mentre Raziel privo di forze cade nel Regno spettrale, Kain cerca di metterlo in guardia dal non riportare in vita Janos Audron ma il vampiro è troppo stanco e non sente le sue parole. Appena giunge nel Regno spettrale Raziel, ritrova la forma spettrale della Mietitrice, ancora legata a lui, e capisce che l'esito finale del suo destino non è stato cambiato, ma solo posticipato.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo capitolo di Soul Reaver mostra un gameplay fedele al suo predecessore. La maggior differenza è riscontrabile nell'utilizzo della Mietitrice che, a differenza del primo Soul Reaver, è utilizzabile a piacimento dal giocatore nel Regno materiale (nel capitolo precedente appena si subiva un danno nel Regno materiale l'arma spariva, mentre era sempre utilizzabile in quello spirituale). Se il giocatore sceglie di estrarre la lama, questa possiede una potenza illimitata, ma consuma l'anima delle sue vittime al posto di Raziel che non recupera così vita.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]