Lee Tamahori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Warren Lee Tamahori (Wellington, 17 giugno 1950) è un regista neozelandese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Di origini Māori da parte di padre e britanniche da parte di madre, Tamahori ha iniziato a lavorare negli anni settanta come fotografo e regista di spot pubblicitari. Negli anni ottanta inizia a lavorare come aiuto regista fino al 1994, quando debutta alla regia con il suo primo lungometraggio, Once Were Warriors - Una volta erano guerrieri. Grazie al successo del film, in seguito inizia a lavorare a Hollywood, dove dirige i film Scomodi omicidi, L'urlo dell'odio e Nella morsa del ragno.

Nel 2002 dirige La morte può attendere, ennesimo capitolo delle avventura dell'agente segreto James Bond, interpretato da Pierce Brosnan. Dopo aver diretto un episodio della serie tv I Soprano (ep. 3, st. 2: Il ritorno di Richie Aprile), nel 2007 dirige il film di fantascienza Next, tratto da un racconto di Philip K. Dick.

Nel gennaio del 2006 Tamahori è stato arrestato a Los Angeles per adescamento e prostituzione: vestito da donna, il regista ha cercato di proporre un rapporto sessuale ad un poliziotto in borghese[1].

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Arrestato per adescamento il regista Lee Tamahori

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 17421402 LCCN: no97059594