Lee Remick

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lee Remick

Lee Remick (Quincy, 14 dicembre 1935Los Angeles, 2 luglio 1991) è stata un'attrice statunitense, candidata all'Oscar e vincitrice di due Golden Globe.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lee Ann Remick (questo era il suo nome completo) nacque a Quincy, nel Massachusetts (USA) il 14 dicembre 1935.

Studiò al Barnard College, poi cominciò a ballare e debuttò come attrice in televisione nel 1953, a soli 17 anni, in un episodio del telefilm “Armstrong Circle Theatre". Lavorò in sceneggiati e programmi Tv fino al 1956. L’anno dopo, infatti, debuttò nel cinema (senza, tuttavia, abbandonare l’attività televisiva) con “Un volto nella folla” di Elia Kazan.

Nel 1958 fu accanto a Paul Newman e Joanne Woodward ne La lunga estate calda di Martin Ritt, tratto da “La carne” di William Faulkner. Lee Remick ottenne la consacrazione a grande star grazie al suo ruolo (soffiato ad una bizzosa Lana Turner) di apparente vittima di uno stupro in Anatomia di un omicidio (1959) di Otto Preminger. La carriera della diva proseguì con grandi titoli come: “Wild River” (“Fango sulle stelle”, 1960, di Elia Kazan, con Montgomery Clift), I giorni del vino e delle rose (1962), film per il quale la Remick ebbe una nomination all’Oscar per il suo ruolo di moglie alcolizzata di Jack Lemmon, “The Running Man” (1963) di Carol Reed, La carovana dell'alleluja (1965) di John Sturges, con Burt Lancaster, “The Detective” (1968), “No Way to Treat a Lady” (1968), “Un equilibrio delicato” (1973), Il presagio (1976, di Richard Donner, un cult movie del genere horror con Gregory Peck), ecc. Fu fatto il nome della Remick anche per “Something's Got to Give” (1962), l’ultimo incompleto film della Monroe, ma il protagonista maschile, Dean Martin, si oppose, caldeggiando il ritorno sul set di Marilyn, appena licenziata e prossima alla morte.

Lee fu attiva anche a Broadway, dove nel 1966 ottenne una nomination per il Tony Award come migliore attrice drammatica in "Wait Until Dark."

Nel 1970 la Remick si trasferì in Gran Bretagna dove girò parecchi altri film. Dagli anni Ottanta l’attività televisiva della diva si fece più intensa e ricca di titoli di famosi sceneggiati e film Tv. Tra il 1974 e il 1980 collezionò 5 candidature ai premi Emmy.

Nel 1988 formò una propria compagnia di produzioni cinematografiche con James Garner e Peter K. Duchow.

Democratica convinta, amica di John e Robert Kennedy, si sposò una prima volta il 3 agosto del 1957 con Bill Colleran da cui ebbe due figli, Kate (nata nel 1959) e Matt (nato nel 1961, musicista rock e paroliere). Divorziarono il 23 novembre 1968. Il 12 dicembre 1970 Lee Remick sposò il produttore Kip Gowans a cui fu legata fino alla propria morte e con cui lavorò in numerosi film Tv, tra cui “The Women's Room” (1980), e “Rearview Mirror” (1984).

L’attrice ricevette, tra i numerosi premi della sua carriera, anche il Women's International Center (WIC) Living Legacy Award nel 1990.

Malata di cancro al fegato ed ai reni, debole ed irriconoscibile, Lee Remick apparve per l’ultima volta in pubblico il 29 aprile 1991 per inaugurare la propria stella sull’Hollywood Walk of Fame. Durante la cerimonia, fu sostenuta dall’amico Jack Lemmon. Aveva scoperto di essere malata di cancro mentre girava un film (l’ultimo, “Dark Holiday”, per la Tv) in Francia nel 1989. Morì il 2 luglio 1991, a Los Angeles, a 55 anni. Fu cremata. Al funerale furono presenti, tra gli altri, Elizabeth Taylor, Jack Lemmon e Gregory Peck. Questi ultimi pronunciarono le omelie funebri. I figli della diva cantarono una canzone da uno dei suoi musical interpretati a Broadway, "Anyone Can Whistle."

Nella sua carriera (dal 1953 al 1989) la Remick aveva partecipato a 67 produzioni tra cinema e televisione.

Lee Remick ha una stella sulla Walk of Fame, categoria cinema, al 6104 di Hollywood Boulevard.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il volto perfetto, dagli occhi chiari, penetranti, il nasino all'insù l'hanno sempre destinata a parti di Bellezza Gelida, da una doppia anima, rigida in superficie ma anche provocante.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 79169224 LCCN: n85244703