Lee Jun Ki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Lee Jun Ki
Fotografia di Lee Jun Ki
Nazionalità Corea del Sud Corea del Sud
Genere K-pop
Periodo di attività 2006 – in attività
Etichetta Mentor Entertainment
Sito web

Jun Ki Lee, ( 이준기?, Yi Chungi) (Busan, 17 aprile 1982), è un cantante e attore sudcoreano. Ha raggiunto la popolarità nel ruolo di Gong-gil nel film Wang-ui namja. Nel 2008 e nel 2009, Lee Jun Ki è stato nominato ambasciatore per il turismo in Corea.[1][2]

Biografia e carriera[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver studiato recitazione presso la Seoul Institute of the Arts[3], Lee Jun Ki ottiene il suo primo ruolo importante nel film Wang-ui namja dove interpreta il tuolo di un giovane effeminato del tardo quindicesimo secolo, costretto ad essere l'amante del re Yeonsangun di Joseon. Inaspettatamente il film è diventato il maggior successo cinematografico della storia in Corea del sud, con oltre dodici milioni di spettatori.[4] In seguito al successo del film, Lee Jun Ki è stato considerato una icona dell'estetica maschile coreana.[5]

Grande attenzione mediatica, ma minor successo ottengono i lavori seguenti dell'attore: la serie televisiva My Girl ed il film Fly, Daddy, Fly.[6] Nel 2007 Lee Jun Ki nrecita nella produzione nippo-coreana Virgin Snow al fianco di Aoi Miyazaki[7], che ottiene notevole successo in entrambi i paesi[8] e nella serie televisiva Time Between Dog And Wolf, che viene nominato da un sondaggio condotto da Yahoo! come miglior serie drammatica.[9] Nello stesso sondaggio Lee Jun Ki viene anche nominato come miglior attore.[9] Nel corso dell'anno, parteciperà anche al film May 18, che racconta un evento storico del 1980 noto come massacro di Gwangju, che ottine oltre sei milioni di spettatori.[10]

Da aprile a luglio del 2008, Lee ha participato alla realizzazione della serie televisiva Iljimae, nel quale interpreta il ruolo di un personaggio "alla Robin Hood", durante l'era chosun[11], che è diventato uno dei maggiori successi dell'anno televisivo coreano.[11] La serie in seguito è stata trasmessa anche in Giappone da TV Tokyo.[11] Nel 2009, Lee Jun Ki interpreta il ruolo del protagonista nella serie televisiva Hero, trasmessa da MBC.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

  1. "One Word"
  2. "Don't Know Love"
  3. "Foolish Love" (Pabbo Sarang)
  1. "Fly High" feat. Seo In Young
  1. "Pinky Finger"
  1. "J Style"
  2. "Soliloquy"
  3. "I'm Ready"(2009)
  4. "Selfless Dedicated Trees"

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (KO) 이준기 "'일지매' 통해 욕심이 많이 생겼다", Newsen, 11 agosto 2008. URL consultato il 16 novembre 2009.
  2. ^ Rahn Kim, Lee Becomes Tourism Ambassador in Korea Times, 5 agosto 2008. URL consultato il 16 novembre 2009.
  3. ^ (KO) Lee Hyo Lee arranged a blind date with Lee Jun-ki and Boa in Chosun, 30 aprile 2009. URL consultato il 16 novembre 2009.
  4. ^ (KO) 왕의 남자 (The King and the Clown). URL consultato il 16 novembre 2009.
  5. ^ Sun Jung, The Shared Imagination of Bishōnen, Pan-East Asian Soft Masculinity in Intersections: Gender and Sexuality in Asia and the Pacific, n. 20, Australian National University, aprile 2009. URL consultato il 16 novembre 2009.
  6. ^ Chinese Netizens: KBS among Top 10 Firms, KBS Global, 26 settembre 2006. URL consultato il 16 novembre 2009.
  7. ^ Lee Jun-ki Appears in Korea-Japan Joint Film in KBS Global, 22 settembre 2006. URL consultato il 16 novembre 2009.
  8. ^ Lee Jun-ki’s Film Places 9th at the Japanese Box Office in KBS Global, 17 maggio 2007. URL consultato il 16 novembre 2009.
  9. ^ a b (KO) Lee Jun Ki has the honor of being the best actor/actress among the South Korean and Japanese Netizens, 13 ottobre 2008. URL consultato il 16 novembre 2009.
  10. ^ Hyo-won Lee, Hawaii Film Fest to Spotlight Lee Jun-ki in Korea Times, 4 settembre 2007. URL consultato il 16 novembre 2009.
  11. ^ a b c Kim Hyung-eun, Pretty boy Lee shows off his introspective side, 10 luglio 2009. URL consultato il 16 novembre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]