Leda (astronomia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'asteroide della fascia principale con lo stesso nome, vedi 38 Leda.
Leda
(Giove XIII)
Leda (moon).jpg
Satellite di Giove
Scoperta 11 settembre 1974[1]
Scopritore Charles Thomas Kowal
Parametri orbitali
Semiasse maggiore ~11.094.000 km[2]
Periodo orbitale ~240,5 giorni[2]
Inclinazione orbitale 1,5 - 50,6°
Eccentricità ~0,15[2]
Dati fisici
Diametro medio 20 km[3][4][5]
Massa
1,09×1016 kg
Densità media 2,6 g/cm3
Acceleraz. di gravità in superficie 0,073 m/s2
Temperatura
superficiale
~124 K (media)
Pressione atm. nulla

Leda è un satellite naturale di Giove.

È stato scoperto da Charles Thomas Kowal all'Osservatorio di Monte Palomar il 14 settembre 1974, dopo tre notti di osservazioni, dall'11 al 13 settembre; Leda era presente in tutte le lastre fotografiche.[1][6]

È chiamato come la Leda della mitologia greca, regina di Sparta, madre di Castore e Polluce, Elena e Clitennestra, che Zeus sedusse trasformandosi in cigno.[7] Il nome fu proposto dallo scopritore, Kowal, e approvato dall'Unione astronomica internazionale nel 1975.[8] È designata anche Giove XIII.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Leda appartiene al gruppo di Imalia, quattro satelliti che orbitano Giove a una distanza compresa tra 11 a 13 milioni di chilometri, e con un'inclinazione di 27,5° circa.[2]

Si tratta di un piccolo satellite; infatti assumendo che possieda un'albedo pari a 0,04, similmente agli altri membri del gruppo di Imalia,[3][4] considerando la sua magnitudine apparente di 20,2[4] ne consegue un diametro di circa 20 km.[4] Conseguentemente la massa stimata è di 1,09×1016 kg.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b C. T. Kowal, Aksnes, K.; Marsden, B. G.; and Roemer, E., Thirteenth satellite of Jupiter in Astronomical Journal, vol. 80, 1974, pp. 460–464, Bibcode:1975AJ.....80..460K, DOI:10.1086/111766.
  2. ^ a b c d R. A. Jacobson, The orbits of outer Jovian satellites in Astronomical Journal, vol. 120, nº 5, 2000, p. 2679, Bibcode:2000AJ....120.2679J, DOI:10.1086/316817.
  3. ^ a b Rettig, Terrence W.; Walsh, Kevin; Consolmagno, Guy J., Implied Evolutionary Differences of the Jovian Irregular Satellites from a BVR Color Survey in Icarus, vol. 154, nº 2, 12/2001, pp. 313-320, Bibcode:2001Icar..154..313R, DOI:10.1006/icar.2001.6715.
  4. ^ a b c d Planetary Satellite Physical Parameters - Jovian System, Jet Propulsion Laboratory. URL consultato il 24 novembre 2007.
  5. ^ Sheppard, Scott S.; Jewitt, David C., An abundant population of small irregular satellites around Jupiter in Nature, vol. 423, nº 6937, 05/2003, pp. 261-263, Bibcode:2003Natur.423..261S, DOI:10.1038/nature01584.
  6. ^ IAUC 2702: Probable New Satellite of Jupiter 1974 September (discovery)
  7. ^ Planet and Satellite Names and Discoverers, USGS Astrogeology Research Program - Gazetteer of Planetary Nomenclature. URL consultato il 24 novembre 2007.
  8. ^ B. G. Marsden, Satellites of Jupiter in IAUC Circular, vol. 2846, 7 ottobre 1974.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Satelliti naturali di Giove Il sistema di anelli di Giove
Gruppo di Amaltea: MetisAdrasteaAmalteaTebe
Satelliti medicei: IoEuropaGanimedeCallisto
Gruppo di Imalia: LedaImaliaLisiteaElara
Gruppo di Ananke: AnankePrassidiceArpaliceGiocastaEuanteTioneEuporiaS/2003 J 3S/2003 J 18TelsinoeEliceOrtosiaS/2003 J 16ErmippeMnemeS/2003 J 15S/2010 J 2
Gruppo di Carme: ErseS/2003 J 10PasiteaCaldeneArcheIsonoeErinomeCaleEtnaTaigeteS/2003 J 9CarmeS/2003 J 5S/2003 J 19CaliceEuceladeCallicore
Gruppo di Pasifae: EuridomeS/2003 J 23EgemonePasifaeSpondeCilleneMegacliteS/2003 J 4CalliroeSinopeAutonoeAedeCoreS/2010 J 1S/2011 J 2
Altre: TemistoCarpoS/2003 J 12S/2003 J 2S/2000 J 11S/2011 J 1
Stub astronomia.png Questo box:     vedi · disc. · mod.
Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare