Leccinum aurantiacum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Leccinum aurantiacum
Leccinum aurantiacum.jpg
Leccinum aurantiacum
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Boletales
Famiglia Boletaceae
Genere Leccinum
Specie L. aurantiacum
Nomenclatura binomiale
Leccinum aurantiacum
(Bull.) Gray, 1821
Caratteristiche morfologiche
Leccinum aurantiacum
Cappello semisferico disegno.png
Cappello semisferico
Pores icon.png
Imenio pori
Adnate gills icon2.svg
Lamelle adnate
Olive spore print icon.png
Sporata oliva
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Virante icona.svg
Carne virante
Mycorrhizal ecology icon.png
Micorrizico
Foodlogo.svg
Commestibile

Il Leccinum aurantiacum è un fungo edule appartenente alla famiglia delle Boletaceae, abbastanza pregiato ma poco conosciuto.

Descrizione della specie[modifica | modifica sorgente]

Cappello[modifica | modifica sorgente]

Abbastanza grande, fino a 20 cm di larghezza; inizialmente emisferico, poi convesso infine piano; cuticola di colore aranciato oppure rosso mattone, opaca e quasi vellutata a tempo secco, viscida con l'umidità.

Tubuli[modifica | modifica sorgente]

Più lunghi della carne del cappello, alti fino a 2 cm, di colore grigio.

Pori[modifica | modifica sorgente]

Piccoli, circolari; da biancastri a grigi, 2-3 per mm.

Gambo[modifica | modifica sorgente]

10-16 x 2-3 cm, molto lungo, cilindrico o fusiforme, più sottile in prossimità del cappello, coriaceo, ricoperto di squamette inizialmente chiare, poi di colore rosso (concolori al cappello).

Carne[modifica | modifica sorgente]

Bianca, al taglio vira lentamente al grigio.
Tenera nel cappello, coriacea nel gambo. Dopo cottura diventa compatta, leggermente croccante e di colore molto scuro.

  • Odore: subnullo.
  • Sapore: grato, acidulo e leggermente dolciastro.

Spore[modifica | modifica sorgente]

13-18 x 3,5-5 µm, lisce, ellissoidali, verde oliva in massa.

Giovani esemplari di L. aurantiacum
Leccinum aurantiacum (Bull.) Gray, A Natural Arrangement of British Plants (London) 1: 646 (1821)

Habitat[modifica | modifica sorgente]

Estate-autunno, nei boschi, predilige il Pioppo.

Commestibilità[modifica | modifica sorgente]

Foodlogo.png Ottima. I cappelli più grossi sono anche quelli più saporiti, purché integri.
Asportare il gambo in quanto coriaceo, scadente ed indigesto.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Dal latino aurantiacum = aranciato, per via del colore del cappello.

Squame del gambo

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica sorgente]

  • Boletopsis rufa (Schaeff.) Henn., Die Natürlichen Pflanzenfamilien nebst ihren Gattungen und wichtigeren Arrten insbesondere den Nutzpflanzen: I. Tl., 1. Abt.: Fungi (Eumycetes): 194 (1900)
  • Boletus aurantiacus Bull., Hist. Champ. France (Paris): 320 (1791)
  • Boletus aurantiacus var. rufus (Schaeff.) Mérat, Nouv. Flore des Environs de Paris: 46 (1821)
  • Boletus rufus Schaeff., Syst. Nat. 2(2): 1435 (1792)
  • Boletus scaber var. aurantiacus (Bull.) Opat., Commentation Historico-Naturalis de Familia Fungorum Boletoideorum (Berolini): 34 (1836)
  • Boletus versipellis var. aurantiacus (Bull.) Vassilkov,: 38 (1948)
  • Krombholzia aurantiaca (Roques ex Bull.) Gilbert{?}
  • Krombholziella aurantiaca (Bull.) Maire, Publ. Inst. Bot. Barcelona 3(4): 46 (1937)
  • Krombholziella rufa Schaeff. ex Alessio, Boletus Dill. ex L. (Saronno): 474 (1985)
  • Leccinum populinum M. Korhonen, Karstenia 35(2): 55 (1995)
  • Leccinum quercinum sensu auct.; fide Checklist of Basidiomycota of Great Britain and Ireland (2005)
  • Leccinum rufum (Schaeff.) Kreisel, Boletus, SchrReihe 1: 30 (1984)
  • Leccinum rufum (Schaeff.) Kreisel, in Michael, Hennig & Kreisel, Handbuch für Pilzfreunde, 5 edition (Stuttgart) 1: 346 (1983)
  • Trachypus aurantiacus (Bull.) Romagn., (1939)
Esemplare dal gambo piuttosto ingrossato

Nomi comuni[modifica | modifica sorgente]

  • Leccino
  • Rossino
  • Porcinello rosso
  • Bedolin
  • Donna rossa (nel biellese)
  • Crava o Cravëtta rossa (Capra o Capretta rossa, per distinguerlo dalla Crava o Cravëtta nera, vale a dire il Leccinum Scabrum, nel Cuneese)
  • alberel (nel bellunese)
  • Gamba grigia (bassa provincia di Cuneo)

Specie simili[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

(EN) Leccinum aurantiacum in Index Fungorum, CABI Bioscience.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia