Le notti del terrore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le notti del terrore
Zombi Notti del Terrore.jpg
Uno zombi in una scena del film
Titolo originale Le notti del terrore
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1981
Durata 85 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85:1
Genere horror
Regia Andrea Bianchi
Sceneggiatura Piero Regnoli
Produttore Gabriele Crisanti
Casa di produzione Esteban Cinematografica
Fotografia Gianfranco Maioletti
Effetti speciali Gino De Rossi
Musiche Elsio Mancuso, Burt Rexon
Scenografia Giovanni Fratalocchi
Trucco Mauro Gavazzi, Rosario Prestopino
Interpreti e personaggi

Le notti del terrore è un film horror del 1981 diretto da Andrea Bianchi. In Italia è noto altresì come Zombi Horror, all'estero come The nights of terror e Burial ground.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un professore di archeologia, durante gli scavi in una necropoli, risveglia, non volutamente, uno stuolo di zombie che lo uccidono orribilmente: sono etruschi che grazie a pratiche magiche sono tornati in vita come zombie. Alla villa del professore, già morto e divenuto zombie, sono presenti a una festa il conte George, sua moglie, suo figlio e parecchi invitati. Gli zombi, tra cui lo stesso archeologo, attaccano gli invitati che devono cercare una difficile via di fuga. Alla fine gli zombi, con un'audace trappola (si spacciano per pacifici frati) avranno la meglio, uccidendo tutti quanti.

VHS e DVD[modifica | modifica wikitesto]

Il film è uscito, in lingua italiana, per diverse edizioni in VHS e con titoli diversi.

  • Edizione Cosmo Video - Zombi Horror
  • Edizione SSV (Star Video) - Notti del Terrore
  • Edizione Gong Video (Cosmo Video) - Zombie Horror
  • Edizione Gala Film International - Le Notti del Terrore
  • Edizione Avo Film - Zombi Horror
  • Edizione Pulp Video - Le Notti del Terrore

In DVD, si conta, invece, una sola uscita per il mercato italiano, dalla Pulp Video. Il DVD possiede la traccia audio italiana e quella inglese, come extra solamente il trailer e una galleria fotografica. La visione fu vietata ai minori di 18 anni.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema