Le fiamme di Toledo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le fiamme di Toledo
Autore Giulio Angioni
1ª ed. originale 2006
Genere romanzo
Sottogenere storico
Lingua originale italiano
Ambientazione Europa del 1500 (Sardegna, Italia, Spagna)
Personaggi Sigismondo, Maestre Varrón, Gaspar Centelles, Virginia, Justillo, Diego.

Le fiamme di Toledo è un romanzo di Giulio Angioni pubblicato nel 2006 da Sellerio.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Sigismondo Arquer, primogenito di una famiglia di magistrati di Cagliari e lui stesso già sui vent'anni procuratore generale del Regno di Sardegna allora parte della corona degli Asburgo di Spagna, in queste pagine "rivede" la sua vita nel chiuso della sua cella del carcere dell'inquisizione di Toledo, raccontandosela e raccontando per noi in prima persona. Lo fa per intendere com'è che ieri è arrivato a essere condannato al rogo, dove salirà fra tre giorni, il 4 giugno 1571, a 41 anni e dopo quasi nove anni di carcere. La conclusione a Sigismondo appare chiara e dura: che non può vivere una vita rovinata dall'abiura delle sue convinzioni più profonde.

Il racconto è pure una sorta di esame di coscienza, fatto in articulo mortis, che si svolge ripercorrendo una vita molto movimentata, vissuta pericolosamente tra Sardegna, Toscana, Svizzera, Spagna, e con contatti con i grandi dell'epoca, da Filippo II ai riformatori italiani ed europei contemporanei di Sigismondo. I fatti narrati sono quasi in toto realmente accaduti a persone realmente esistite, che in queste pagine hanno i loro veri nomi, e come fatti qui accadono nei luoghi del loro reale accadere.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura