Le campane di Santa Maria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le campane di Santa Maria
BingCrosbyTheBellsofSaintMarysTrailerScreenshot1945.jpg
Titolo originale The Bells of St. Mary's
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1945
Durata 126 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Leo McCarey
Soggetto Leo McCarey
Sceneggiatura Dudley Nichols
Produttore esecutivo Leo McCarey
Casa di produzione RKO Radio Pictures
Fotografia George Barnes
Montaggio Harry Marker
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Le campane di Santa Maria è un film del 1945 diretto da Leo McCarey con Bing Crosby, Ingrid Bergman, Henry Travers.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nella parrocchia di Santa Maria, che è anche una scuola, arriva padre O'Malley. La situazione che trova non è delle migliori: un miliardario sta tentando di far abbattere la scuola assieme ad altri edifici per un investimento immobiliare. Dopo gli iniziali contrasti con la madre Superiora Suor Benedetta, padre O'Malley riuscirà, con l'aiuto della suora stessa, a salvare la scuola e la parrocchia e a far sì che il milionario rinunci ai suoi progetti cedendo un edificio alla parrocchia. Suor Benedetta dovrà ritirarsi in sanatorio per la tubercolosi.

Critica e produzione[modifica | modifica wikitesto]

  • Bing Crosby aveva già interpretato il personaggio di padre Chuck O'Malley nel film La mia via, diretto l'anno precedente sempre da McCarey. Con quella pellicola Crosby aveva vinto l'Oscar al miglior attore. Anche Le campane di Santa Maria farà guadagnare la nomination a Crosby come miglior attore e alla Bergman come migliore attrice, ma nessuno dei due vincerà la statuetta. L'unico Oscar verrà assegnato al fonico Stephen Dunn per la migliore ripresa sonora.
  • La pellicola è stata restaurata e colorata in epoca recente[senza fonte], in occasione della sua messa in onda in televisione.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema