Le bizzarre avventure di JoJo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Le bizzarre avventure di Jojo)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Le bizzarre avventure di JoJo
manga
Copertina del primo volume dell'edizione italiana.
Copertina del primo volume dell'edizione italiana.
Titolo orig. ジョジョの奇妙な冒険
(Jojo no kimyō na bōken)
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Hirohiko Araki
Editore Shueisha
1ª edizione 19871999
Editore it. Star Comics
1ª edizione it. novembre 1993 – aprile 2004
Collanaed. it. Action (serie da 1 a 5 n. 1-94, serie 6 n. 100-126)
Periodicità it. mensile
Formato it. 12 cm × 18 cm cm
Pagine it. 128
Testi it. Simona Stanzani
Temi avventura
Le bizzarre avventure di JoJo
OAV
Titolo orig. ジョジョの奇妙な冒険
(Jojo no kimyō na bōken)
Autore Hirohiko Araki
Regia Hiroyuki Kitakubo
Sceneggiatura Takao Kawaguchi
Character design Junichi Hayama
Dir. artistica Satoru Kuwabara
Studio Studio APPP
1ª edizione 1993 – 2001
Episodi 13 (completa)
Target shōnen
Temi avventura
Le bizzarre avventure di JoJo
serie TV anime
Titolo orig. ジョジョの奇妙な冒険
(Jojo no kimyō na bōken)
Autore Hirohiko Araki
Regia Naokatsu Tsuda, Kenichi Suzuki
Sceneggiatura Yasuko Kobayashi
Character design Takako Shimizu
Dir. artistica Shunichiro Yoshihara
Studio David Production
1ª TV 2012 – 2013
Episodi 26 (completa)
Target shōnen
Temi avventura

Le bizzarre avventure di JoJo (ジョジョの奇妙な冒険 Jojo no kimyō na bōken?) è un manga scritto e disegnato da Hirohiko Araki, e pubblicato in Giappone sulla rivista Weekly Shonen Jump, della casa editrice Shūeisha, dal 1987 al 1999, attualmente è pubblicato sulla rivista seinen Ultra Jump. In Italia è pubblicato dalla Star Comics dal 1993 ad oggi. L'autore è attualmente al lavoro sull'ottava e penultima serie, Jojolion. Il manga è stato anche adattato in due serie di OAV complementari, realizzate tra il 1993 ed il 2001, per un totale di 13 episodi, tutti incentrati sulla terza serie. Nell'ottobre 2012 è cominciato il nuovo anime che si pone come obiettivo l'animazione di tutte le 8 serie.

La storia è articolata intorno alle peripezie della famiglia Joestar; ciascuna delle otto serie si sofferma sulle avventure di uno diverso dei suoi discendenti, e ognuna si svolge in un diverso momento storico. Tutti i protagonisti ottengono in una maniera o nell'altra il nomignolo JoJo. In tutta l'opera è presente una quantità innumerevole di citazioni musicali e cinematografiche, inizialmente velate e nascoste, e successivamente sempre più palesi.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Parte 1 Phantom Blood (ファントムブラッド Fantomu buraddo?)

Il protagonista Jonathan Joestar, nell'Inghilterra alla fine del diciannovesimo secolo, è il figlio del ricco lord George Joestar I. Questi adotta Dio Brando, coetaneo di Jonathan e figlio di Dario Brando, uno sbandato che lo stava derubando a seguito di un incidente e che lui crede gli abbia salvato la vita. Dio, la cui vera indole è ambiziosa e perversa, vuole impadronirsi del casato dei Joestar, prima privando Jonathan di ogni amicizia e affetto, e poi cercando di uccidere il genitore adottivo con lo stesso veleno con cui aveva ucciso il padre. Scoperto e messo alle corde, usa su di sé la "Maschera di Pietra", un portentoso artefatto di origine azteca in grado di trasformare l'uomo in un vampiro immortale, il cui unico punto debole è la luce solare. Per affrontarlo, Jonathan apprende la tecnica delle "onde concentriche" dal misterioso avventuriero Will Antonio Zeppeli, grazie alla quale può scontrarsi contro zombie e cavalieri medievali evocati da Dio Brando, tra i quali Jack lo Squartatore, Bruford, Tarkus, e Doobie lo spettro, fino allo scontro finale con il nemico.

Parte 2 Battle Tendency (戦闘潮流 Sentō chōryū?)

La seconda serie racconta le avventure del nipote di Jonathan, Joseph Joestar, ed è ambientata in varie località tra cui New York, Messico, Italia e Svizzera. L'anno è il 1938 e in Messico e a Roma si scopre l'esistenza di misteriosi esseri, inglobati nella pietra, che secondo una profezia stanno per risvegliarsi. Sono i creatori delle maschere di pietra, il cui obiettivo è impadronirsi della Pietra Rossa dell'Asia, necessaria per il funzionamento di una speciale maschera in grado di renderli immuni alle sole cose che possono danneggiarli: il sole e le onde concentriche. Con l'aiuto di Caesar Antonio Zeppeli (nipote italiano di Will A. Zeppeli) e della misteriosa Lisa Lisa (alias sua madre Elizabeth Joestar), Joseph si allena a Venezia per affinare il potere delle onde concentriche ereditato dal nonno. I tre protagonisti si muovono dall'Italia alla Svizzera per impedire che le creature si impadroniscano della pietra e per affrontarle.

Parte 3 Stardust Crusaders (スターダストクルセイダース Sutādasuto kuruseidāsu?)

La storia prende le mosse nel 1989 con la notizia che Dio Brando, dato per morto dopo lo scontro finale con Jonathan Joestar al termine della Prima serie, è in realtà ancora vivo: la sua testa, staccatasi dal corpo, riuscì negli ultimi attimi prima dell'esplosione ad appropriarsi del corpo di Jonathan Joestar, per poi rinchiudersi in una bara e sprofondare nelle profondità marine. Quasi cento anni dopo, la bara viene recuperata e portata in superficie da un gruppo di incauti marinai. Il nuovo JoJo, Jotaro Kujo, nipote giapponese di Joseph Joestar, scopre di essere un portatore di "Stand": una estensione del corpo e della mente del suo portatore, generata dalla sua stessa energia vitale. Questo potere è risvegliato nella famiglia Joestar dai "segnali di pericolo" inviati dal corpo di Jonathan Joestar, di cui Dio Brando si è impadronito. Lo Stand, i cui poteri differiscono da persona a persona, viene controllato con successo da Jotaro (Star Platinum) e Joseph (Hermit Purple), ma rischia di uccidere Holly Joestar, la madre di Jotaro e figlia di Joseph: l'unico rimedio per evitare la morte è uccidere la fonte del male, Dio Brando, che dimora in un antico palazzo de Il Cairo, in Egitto. Inizia così un avventuroso viaggio dal Giappone fino all'Egitto attraverso l'Asia e l'India, nel quale Jotaro e il suo gruppo di alleati portatori di Stand (tra cui l'ultrasessantenne Joseph Joestar) affrontano numerosi nemici anch'essi dotati di Stand, al servizio di Dio Brando.

Parte 4 Diamond is Unbreakable (ダイヤモンドは砕けない Daiyamondo wa kudakenai?)

Siamo nel 1999 e il nuovo protagonista è Josuke Higashikata, figlio illegittimo dell'attempato Joseph Joestar. Recatosi nella cittadina giapponese di Morio-cho (fittizia) per metterlo in guardia da un'oscura minaccia che incombe sulla città, Jotaro incontra questo suo zio che ha soli sedici anni e gli insegna ad avvalersi del suo potere Stand. Nella piccola cittadina Jotaro e Josuke vanno alla ricerca dell'Arco e della Freccia, un misterioso artefatto con il potere di risvegliare il potere stand di chi ne viene trafitto (pare che fosse in possesso della vecchia Enya nella terza serie, il che spiega come Dio abbia potuto mettere assieme in breve tempo un così vasto numero di portatori di stand), per evitare che rimanga nelle mani sbagliate: infatti molti cittadini di Morio-cho cominciano a sviluppare poteri che si fanno sempre più bizzarri. L'intera serie si svolge nella cittadina di Morio, e il più delle volte gli eroi e i nemici si incontrano e si scontrano mentre sono alle prese con la vita di tutti i giorni. Il principale antagonista della serie è Yoshikage Kira, un serial killer dotato di stand (battezzato "Killer Queen") che non vuole assolutamente rinunciare alla sua esistenza tranquilla e ha inscenato per tutta la vita una falsa mediocrità per essere "lasciato in pace".

Parte 5 Vento Aureo (黄金の風 Ōgon no kaze?)

Questa serie è completamente ambientata in Italia. Giorno Giovanna, figlio che Dio Brando ha concepito usando il corpo di Jonathan Joestar, ha ereditato i valori e lo spirito dei Joestar. La sua aspirazione è quella di diventare il più importante boss mafioso (una "gangStar", come dice lui) per controllare la criminalità e porre fine a molte ingiustizie che coinvolgono innocenti, come il traffico di droga. Diventa membro di "Passione", un'organizzazione mafiosa molti dei cui esponenti possiedono uno stand. In un primo momento Giorno e il suo gruppo obbediscono agli ordini del Boss con il compito di proteggere sua figlia, Trish Una, dai membri della "Squadra Esecuzioni", poi tradiscono l'intera organizzazione quando si oppongono all'intenzione del boss di uccidere la figlia, in quanto la ragazza può ricondurre al passato del boss e permettere di rintracciarlo. Giorno, Trish e i loro compagni devono così scappare dal boss e dai suoi sicari che cercano di ucciderli. La storia vede i protagonisti in viaggio attraverso alcune delle principali città italiane (Napoli, Venezia, Firenze) alla ricerca del boss, le cui tracce sembrano sparire nel nulla. Aiutati da un personaggio proveniente dal passato, lo trovano infine a Roma. Protagonisti della serie sono ancora l'Arco e la Freccia: viene svelato che di questo artefatto esistono diversi esemplari e si scopre più approfonditamente il potere che esso dona quando uno Stand viene colpito.

Parte 6 Stone Ocean (ストーンオーシャン Sutōn ōshan?)

La vicenda è ambientata in Florida e racconta di come Jolyne Kujo, figlia di Jotaro Kujo, rimanga invischiata in un complotto ordito da un vecchio alleato di Dio Brando e venga imprigionata nel carcere di massima sicurezza di Green Dolphin Street, conosciuto anche come "L'Acquario". Si scopre l'esistenza di un diario scritto da Dio Brando che spiega come raggiungere il Paradiso. Il cappellano del carcere, Padre Enrico Pucci, finisce con l'impossessarsi del potere che Dio tanto agognava. Dopo numerosi combattimenti tra stand, nella prigione e fuori, si arriva allo scontro finale nel quale il prete riesce con il suo nuovo potere ad accelerare il tempo per creare un universo alternativo dove ogni essere umano avrà una completa consapevolezza del proprio destino e dove tutto sarà perfetto.

Parte 7 Steel Ball Run (スティール・ボール・ラン Sutīru bōru ran?)

La storia si svolge negli Stati Uniti d'America di fine XIX secolo durante una folle corsa a cavallo chiamata "Steel Ball Run". La gara parte da San Diego e arriva a New York per una lunghezza totale di circa seimila chilometri, si svolge a tappe e propone un ricchissimo premio di 50 milioni di dollari per il vincitore. Fra coloro che vi prendono parte figurano anche un certo Johnny Joestar, ex fantino ora paraplegico, e J.Lo Zeppeli, rampollo di una stirpe nobiliare del Regno di Neapolis, in Italia. Nel corso dell'opera vengono scoperti gli interessi reali per i quali è stata finanziata la gara: attraverso di essa, infatti, il Presidente degli USA Funny Valentine intende recuperare tutte le parti di una reliquia sacra dai grandi poteri. Nella storia ci sarà lo zampino della controparte di Dio Brando, Diego.

Parte 8 Jojolion (ジョジョリオン Jojorion?)

Ambientata nel 2011 nella città di Morioh Cho, nell'universo alternativo di Steel Ball Run. In seguito al terremoto di Sendai sono spuntate dal sottosuolo a un centinaio di metri dalle coste della città, dei muri di terra denominati dagli abitanti "Wall Eyes". Una ragazza di nome Yasuho Hirose soccorre un misterioso ragazzo mezzo sepolto dalla terra. Il ragazzo, nudo e confuso, ha una voglia a forma di stella sulla spalla sinistra, circondato da quello che sembra essere un morso umano, ancora sanguinante e la presenza di quattro testicoli. In seguito Yasuo aiuta il ragazzo a ricordare la sua identità, trovando il luogo dove apparentemente abita e scoprendo il suo nome: Yoshikage Kira. Ma nell'appartamento i due trovano solo una ragazza in ostaggio, in quella che è una trappola. Il protagonista scopre di non essere Yoshikage Kira, il cui presunto corpo viene ritrovato senza vita nel luogo in cui Yasuho ha incontrato il protagonista. Privo di casa e ricordi, quest'ultimo viene adottato nella famiglia Higashikata, con il nome Josuke.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi di Le bizzarre avventure di JoJo.

I protagonisti di ogni arco narrativo sono accomunati dal soprannome JoJo (ジョジョ?), che deriva direttamente da contrazioni del loro nome di battesimo: Jonathan Joestar, Joseph Joestar, Jotaro Kujo, Giorno Giovanna, Jolyne Kujo e Johnny Joestar. Nel caso di Josuke Higashikata, il suo nomignolo "JoJo" è giustificato dal secondo kanji del suo nome, normalmente pronunciato suke ma che in alcuni casi può essere pronunciato jo. Araki ha coniato il soprannome ispirandosi al testo della canzone dei Beatles Get Back. Allo stesso modo, data la passione dell'autore per la musica occidentale, alcuni nomi dei personaggi della serie sono ripresi da nomi di famosi gruppi rock e pop[1].

I personaggi sono stati descritti dalla critica come ingombranti e muscolosi, ma allo stesso tempo in grado di rendersi agili e flessibili. In effetti Araki, come altri mangaka attivi negli anni ottanta, è stato influenzato dai film di Rambo e Terminator[2]. Con il passare del tempo lo stile di Araki si è modificato, rendendo i personaggi più magri, sinuosi e sgargianti[3].

Albero genealogico[modifica | modifica sorgente]

 
 
 
 
 
 
Mary Joestar
Flag of England.svg
 
 
 
George Joestar I
Flag of England.svg
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Erina Pendleton
Flag of England.svg
 
Jonathan Joestar
Flag of England.svg
 
 
 
Dio Brando
Flag of England.svg
 
?
Flag of Japan.svg
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
George Joestar II
Flag of England.svg
 
Lisa Lisa
Flag of England.svg
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Suzi Q
Flag of Italy.svg
 
 
 
Joseph Joestar
Flag of England.svgFlag of the United States.svg
 
Tomoko Higashikata
Flag of Japan.svg
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Sadao Kujo
Flag of Japan.svg
 
Holly Joestar
Flag of England.svgFlag of the United States.svg
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
?
Flag of the United States.svg
 
Jotaro Kujo
Flag of Japan.svg
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Shizuka Joestar
Flag of Japan.svg
 
Josuke Higashikata
Flag of Japan.svg
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Giorno Giovanna
Flag of Italy.svg
 
 
 
 
Jolyne Kujo
Flag of the United States.svg
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Dall'origine a Stardust Crusaders[modifica | modifica sorgente]

L'idea di base per Le bizzarre avventure di JoJo nasce dalla passione di Hirohiko Araki per il cinema. Negli anni ottanta erano molto popolari in Giappone i film di Sylvester Stallone e Arnold Schwarzenegger, da cui l'autore prese ispirazione per i personaggi della sua serie, resi molto muscolosi[4]. Araki desiderava scrivere una storia che trattasse dell'immortalità, della vita e della giustizia, e questi temi, uniti alla ricerca di una risposta alla domanda su chi fosse l'uomo più forte del mondo, diedero inizio a Phantom Blood. Per lo stile cercò di ispirarsi alla rappresentazione della figura umana nell'arte italiana, da cui era rimasto affascinato durante un viaggio in Italia qualche anno prima[5]. La cura per l'abbigliamento dei personaggi, invece, gli deriva dall'irruzione in Giappone della moda occidentale, soprattutto Christian Dior e Gianni Versace, verificatasi in quegli anni[6].

I due protagonisti, Jonathan e Dio, vennero rappresentati come idealizzare i valori assoluti del bene e del male. Araki scelse un'ambientazione occidentale, nonostante all'epoca fosse una sorta di tabù introdurre come protagonista di un manga uno straniero. A proposito dell'origine del nome "JoJo", l'autore ha affermato che voleva usare il nome "Jonathan" per il suo personaggio e al tempo stesso un cognome che creasse un'assonanza, quindi "Joestar" venne quasi in automatico. La nemesi di Jojo, Dio, è un personaggio arrogante e desideroso di essere al di sopra di tutti, quasi una divinità; per questo Araki scelse di chiamarlo con il termine italiano per "Dio" e anche in riferimento a Ronnie James Dio dell'heavy metal[5]. Dal manga Babil Junior di Mitsuteru Yokoyama Araki prese l'idea di combattimenti che seguono delle regole precise, da cui sviluppò le onde concentriche che appaiono in JoJo. Egli notò inoltre che si adattavano bene ad un manga, in quanto sono poteri psichici, ma si prestano ad essere rappresentati graficamente[5], come "una goccia che perturba uno specchio d'acqua"[4].

Araki era interessato a quelle storie che proseguono per generazioni, come La valle dell'Eden, la serie TV Radici e Il padrino, dove i personaggi principali cambiano ma la storia avanza[4]. Si rendeva conto che questa narrazione usciva dagli schemi tipici di un prodotto Jump, ma desiderava percorrere una strada dove nessun altro si era ancora spinto[5]. Decise quindi, in accordo con i suoi editori, di far morire Jonathan e di passare il testimone a uno dei suoi discendenti[4]. Desiderando far ritornare Dio ad un certo punto della serie, Araki cominciò a pianificare una storia divisa in tre parti, ognuna in qualche modo differente dalle altre. La terza parte, in particolare, ha il sapore di un gioco di ruolo, ed è stata ispirata dal film Il giro del mondo in 80 giorni[5].

Deciso ad abbandonare l'idea delle onde concentriche già vista nelle prime due parti, Araki si sforzò di creare un nuovo potere che non funzionasse solo a distanza, ma che fosse in grado di colpire direttamente. La sua prima rappresentazione di quello che poi sarebbe diventato lo Stand, uno "spirito guardiano che appare e sferra un pugno"[5], è stata influenzata dallo shintoismo[4]. Sebbene gli Stand si riferiscano inizialmente agli arcani maggiori dei tarocchi, durante lo sviluppo della terza serie stessa e nelle serie successive l'autore progressivamente elimina tale vincolo. Infatti, il mangaka si rendeva conto che con l'introduzione degli Stand poteva creare una serie virtualmente infinita di personaggi, variazioni e poteri, perciò ha descritto la scoperta degli Stand come la sua "miniera d'oro". La difficoltà nell'introduzione di queste nuove abilità fu legata soprattutto nel farla accettare agli editori e spiegarla ai lettori[5].

Proseguo della serie[modifica | modifica sorgente]

Conclusa la "trilogia" iniziale, le storie di JoJo continuano in modo più slegato, dando ad Araki la possibilità di concentrarsi su idee non utilizzate nelle prime parti o di sperimentare nuove forme narrative all'interno dell'universo fantastico da lui creato[7][5]. Nella terza parte si era assistito a dei portatori di Stand che aspettano fermi in un posto l'arrivo dei protagonisti, nel loro viaggio verso l'Egitto. Giocando con quest'idea di persone come "ragni appostati nella loro tana", Araki sviluppò il concetto per la quarta parte, in cui decise di inserire un gran numero di portatori di Stand tutti in un'unica città, in modo che in ogni casa potesse esserci un potenziale avversario[5]. Il modello per la città di Morio-Cho venne da Sendai, la città natale dell'artista. Secondo Araki la forte urbanizzazione avvenuta a partire dagli anni 80 portò inizialmente un senso di sfiducia dei residenti più anziani nei confronti dei nuovi venuti[7]. Quest'idea unita alla notizia di un serial killer attivo in Giappone in quel periodo, gettò le basi per un racconto più cupo e carico di mistero, in cui gli antagonisti dei protagonisti sono i loro stessi concittadini e vicini di casa. Con la parte quattro si passò inoltre a descrivere eventi contemporanei e della vita di tutti i giorni, in contrapposizione alle prime storie dall'ambientazione mitica e fantastica[5].

In un colloquio con il suo editore era emersa l'assenza di tristezza negli archi narrativi precedenti, nonostante la varietà di altre emozioni rappresentate. Araki decise quindi, nella quinta parte, di mostrare "la tristezza di essere contrastati dalla società ma avere comunque un senso di giustizia personale", che attribuisce a dei mafiosi italiani. Anche in questa parte continua la tendenza a disegnare personaggi più magri e sinuosi, come si era già visto nella precedente[5].

La sesta parte nasce dal pensiero di una donna "tosta", che sia in grado di battersi alla pari con un uomo. Per questo Araki ambientò la serie in una prigione. Lo Stand di Enrico Pucci, l'antagonista principale, venne sviluppato per cercare di avvicinarsi e superare quello di Dio. Araki temeva infatti di aver raggiunto il limite di forza di un potere, dando a Dio la possibilità di fermare il tempo, ma desiderava immaginare qualcosa di più forte che potesse stupire i fan. Pensò quindi ad uno Stand in grado di accelerare il tempo così tanto da far ripartire tutto l'universo dall'inizio[5]. Mentre tutti i precedenti archi narrativi erano raccolti sotto il titolo comune de Le bizzarre avventure di JoJo, questo racconto venne intitolato Part 6 Kūjō Jolyne: Stone Ocean, generando confuzione se fosse parte integrante della saga o costituisse un capitolo spin-off. Dopo l'ufficializzazione come sesta parte della serie, sulla falsa riga di Stone Ocean, ognuna delle parti precedenti venne rinominata con un sottotitolo, poi usato per ogni successiva ristampa del manga[7].

Media[modifica | modifica sorgente]

Manga[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Capitoli de Le bizzarre avventure di JoJo.

Il manga ha iniziato la serializzazione a cadenza settimanale sulla rivista Weekly Shōnen Jump nel 1987. I singoli capitoli sono raccolti in volumi tankōbon editi da Shueisha, con il primo che è stato pubblicato il 10 agosto 1987. L'opera è divisa in archi narrativi o parti, che trattano le avventure di altrettanti membri della casata dei Joestar dalla fine del XIX secolo fino ai giorni nostri. La prima parte del manga si intitola Phantom Blood (ファントムブラッド Fantomu buraddo?) e copre i primi cinque volumi dell'opera, pubblicati dal 1987 al 1988[8][9]. La seconda parte, Battle Tendency (戦闘潮流 Sentō chōryū?), comprende sette tankōbon pubblicati dal 1988 al 1989[10][11]. Stardust Crusaders (スターダストクルセイダース Sutādasuto kuruseidāsu?) costituisce la terza parte della storia e si compone di 16 volumi pubblicati dal 1989 al 1993[12][13]. È inoltre considerato l'arco narrativo più popolare del manga e quello ad aver ricevuto il maggior numero di adattamenti[3].

La quarta parte si intitola Diamond is Unbreakable (ダイヤモンドは砕けない Daiyamondo wa kudakenai?) e comprende 18 albi, pubblicati dal 1992 al 1996[14][15]. Il quinto arco narrativo è Vento Aureo (黄金の風 Ōgon no kaze?), che comprende 17 volumi usciti tra il 1996 e il 1999[16][17]. La parte numero sei, Stone Ocean (ストーンオーシャン Sutōn ōshan?), è stata pubblicata dal 2000 al 2003 per un totale di 17 volumi[18][19]. Stone Ocean è la prima parte ad introdurre come protagonista un personaggio femminile[20] e a proporre una numerazione indipendente per i suoi volumi. La settima parte, Steel Ball Run (スティール・ボール・ラン Sutīru bōru ran?), è stata pubblicata in 24 volumi dal 2004 al 2011[21][22]. Essa è ambientata in un universo alternativo rispetto alle parti precedenti. Durante la realizzazione di questo arco narrativo, la serie si è spostata sulle pagine di Ultra Jump ed è passata da settimanale a mensile. L'ottava parte, Jojolion (ジョジョリオン Jojorion?), è iniziata nel 2011 ed è ancora in corso di pubblicazione[23].

Una versione deluxe delle prime tre parti intitolata JoJonium è stata lanciata da Shueisha a partire dal 4 dicembre 2013. I 17 volumi formato A5 che comporranno la serie presenteranno tutte le pagine a colori create da Araki per JoJo e apparse sulle pagine di Weekly Shōnen Jump, oltre ad extra sui retroscena alla creazione della serie[24].

Edizioni estere[modifica | modifica sorgente]

L'editore Viz Media aveva in progetto di esportare il manga in Nord America nei primi anni novanta con il titolo The Strange Adventures of Jojo. Il piano sfumò, tuttavia, dopo che Baoh, altra opera di Araki, si rivelò un flop nel mercato nordamericano. Nel 2002 si riprese a parlare di una possibile pubblicazione seriale di JoJo, ma anche questo progetto non andò in porto[3]. Solo l'8 novembre 2005 venne pubblicato il primo volume in inglese dell'opera, il primo della terza parte originale, per cercare di sfruttare la notorietà derivante dalla serie OAV uscita qualche anno prima[25]. Il 7 dicembre 2010 è stato pubblicato l'ultimo dei 16 volumi della terza parte[26] senza che la serie ottenesse il successo sperato[3].

Un'edizione in lingua francese è stata curata inizialmente dall'editore J'ai lu, che ha pubblicato le prime quattro parti per poi interrompere la serie. Tonkam ha rilevato i diritti dell'opera e ripreso la pubblicazione a partire dalla quinta parte nell'aprile 2007[27][28]. Da febbraio 2013 è in corso la ripubblicazione della terza parte[29]. A Taiwan il manga è pubblicato da Daran Culture Enterprise e Tong Li Publishing, in Malesia da Comics House.

L'opera è edita in italiano da Star Comics, che ha pubblicato le prime sei serie sul mensile Action ininterrottamente dal novembre 1993 all'aprile 2004 con un'unica pausa tra agosto 2001 e marzo 2002. Il formato ridotto dell'edizione italiana ha fatto sì che gli 80 volumi originali diventassero 121. Da marzo 2006 a febbraio 2012, sempre su Action, è stata pubblicata la settima serie Steel Ball Run, mentre l'ottava, JoJolion, viene pubblicata da aprile 2013. Nell'ottobre 2009 è partita la riedizione di tutte le serie, sempre ad opera di Star Comics. Questa nuova versione è basata sull'edizione bunko giapponese del 2002; i volumi perciò sono più corposi, con più di 300 pagine ad albo[24][30].

Anime[modifica | modifica sorgente]

Serie OAV e film[modifica | modifica sorgente]

Nel 1993 lo Studio APPP creò Le bizzarre avventure di JoJo (ジョジョの奇妙な冒険 Jojo no kimyō na bōken?), una serie OAV di sei episodi tratti dalla terza parte del manga. Le 6 puntate rispecchiano solo la parte finale della storia, ambientata già in Egitto, e trattano gli ultimi combattimenti degli eroi contro Vanilla Ice e Dio Brando. Così nel 2000 fu realizzata una nuova serie Le bizzarre avventure di JoJo: Adventure (ジョジョの奇妙な冒険 ADVENTURE JoJo no kimyō na bōken adobenchā?) di sette episodi, che fungono da prequel alla prima serie OAV.

La regia dell'opera è di Hidei Futamura, Norobu Furuse, Yasuhito Kikichi e Yasunori Urata, il character design di Junichi Hayama, la fotografia di Hideo Okazaki; le musiche sono dell'italiano Marco D'Ambrosio e gli effetti sonori della Skywalker Sound di George Lucas. In Italia tutti e 13 gli episodi sono stati riordinati cronologicamente e raccolti in 6 DVD editi da Yamato Video dal 2004[31].

Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
In onda
Giappone
1 Lo spirito maligno
「悪霊」 - Akuryō
5 maggio 2000
2 Hierophant Green
「法皇の緑(ハイエロファントグリーン)」 - Hōō no midori (haierofantogurin)
25 agosto 2000
3 Silver Chariot e Strength
「銀の戦車&力(シルバーチャリオッツ&ストレングス)」 - Gin no sensha & chikara (shirubachariottsu & sutorengusu)
27 ottobre 2000
4 The Emperor e The Hanged-Man
「皇帝と吊られた男(エンペラーとハングドマン)」 - Kōtei to tsura reta otoko (enpera to hangudoman)
27 aprile 2001
5 Il giudizio
「裁き」 - Sabaki
27 luglio 2001
6 Le nebbie della vendetta
「報復の霧」 - Hōfuku no kiri
28 settembre 2001
7 Justice
「正義(ジャスティス)」 - Seigi (jasuteisu)
25 gennaio 2002
8 Iggy the Fool e N'Dour di Geb (parte 1)
「「愚者」のイギーと「ゲブ神」のンドゥール 前編」 - (Gusha) no igi to (gebu kami) no ndōru zenpen
19 novembre 1993
9 Iggy the Fool e N'Ddour di Geb (parte 2)
「「愚者」のイギーと「ゲブ神」のンドゥール 後編」 - (Gusha) no igi to (gebu kami) no ndōru kōhen
17 dicembre 1993
10 D'Arby the Gambler
「ダービー・ザ・ギャンブラー」 - Dabi. za. gyanbura
21 luglio 1994
11 Dio e The World - Vannila Ice, il delirio del vuoto
「DIOの世界 亜空の瘴気ヴァニラ・アイス」 - Dio no sekai a sora no shōki vanira. aisu
9 agosto 1994
12 Dio e The World - Kakyoin: scontro mortale dentro la barriera mistica
「DIOの世界 花京院 結界の死闘」 - Dio no sekai kakyōin kekkai no shitō
21 ottobre 1994
13 Dio e The World - Addio, amici miei!
「DIOの世界 さらば友よ」 - Dio no sekai saraba tomo yo
18 novembre 1994

Nel febbraio 2007, solo nei cinema giapponesi, è uscito il film di animazione Phantom Blood, ambientato nella prima serie de Le bizzarre avventure di JoJo, che narra la lotta tra Johnathan Joestar e Dio Brando, ripercorrendo il mistero della "Maschera di Pietra"[32]. Il film, creato per celebrare il ventennale del manga di Hirohiko Araki in patria, è ancora inedito in Occidente e nel mercato home video.

Serie televisiva[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Le bizzarre avventure di JoJo.
Poster promozionale (in basso a sinistra) per la serie anime del 2012.

Nel 2012 è stato prodotto un nuovo anime che si propone come obiettivo ambizioso di coprire tutte e 8 le serie. La serie è prodotta da David Production e diretta da Kenichi Suzuki, con Kazuyuki Okitsu a doppiare Jonathan e Takehito Koyasu nei panni di Dio[33]. I 26 episodi dell'anime, che coprono i primi due archi narrativi del manga: Phantom Blood e Battle Tendency, sono stati trasmessi su Tokyo Metropolitan Television dal 5 ottobre 2012 al 5 aprile 2013[34][35]. La sigla introduttiva della prima parte è JoJo (Sono chi no sadame) (ジョジョ~その血の運命~?) di Hiroaki "Tommy" Tominaga, mentre quella della seconda è Bloody Stream del gruppo Coda[36]. La sigla di chiusura adottata è il singolo del 1972 degli Yes Roundabout[37].

Il 18 ottobre 2013 la Warner Bros. Japan ha annunciato sul volume 5 di JoJolion e con un inserto speciale in Weekly Shōnen Jump che nel 2014 sarebbe iniziata la trasmissione di una nuova stagione che avrebbe coperto la terza parte: Stardust Crusaders[38]. Come per le prime due stagioni, i produttori hanno voluto effettuare dei cambi nello stile grafico dell'animazione[39]. L'inizio della trasmissione della terza serie è avvenuto dunque il 4 aprile 2014, con il titolo di Stardust Crusaders[40]. La sigla introduttiva si intitola Stand Proud, cantata da Jin Hashimoto, mentre la sigla di chiusura adottata è il singolo del 1986 Walk Like an Egyptian delle The Bangles.

Light novel[modifica | modifica sorgente]

Sono state pubblicate diverse light novel basate su Le bizzarre avventure di JoJo, ognuna scritta da un autore diverso ma tutte contententi illustrazioni di Hirohiko Araki. La prima, basata sulla terza parte e intitolata semplicemente Le bizzarre avventure di JoJo (ジョジョの奇妙な冒険 Jojo no kimyō na bōken?), è stata scritta da Mayori Sekijima e Hiroshi Yamaguchi e pubblicata in Giappone il 4 novembre 1993[41]. Un'edizione italiana del romanzo è stata pubblicata in italia da Kappa Edizioni il 5 dicembre 2003[42]. La seconda light novel, Le bizzarre avventure di JoJo - Golden Heart, golden Ring (ジョジョの奇妙な冒険 II ゴールデンハート/ゴールデンリング JoJo no Kimyō na Bōken Tsū Gōruden Hāto/Gōruden Ringu?), scritta da Gichi Ōtsuka e Miya Shōtarō e basata sulla quinta parte è stata pubblicata il 28 maggio 2001[43]. L'adattamento italiano è uscito per conto di Kappa Edizioni a novembre 2004[44].

Nel 2000 è stata data la notizia che l'autore Otsuichi avrebbe scritto un romanzo basato sulla quarta parte dell'opera. Il racconto si dimostrò difficile da completare; nell'edizione 2004 di Kono Mystery ga Sugoi!, Otsuichi dichiarò di aver scritto oltre 2000 pagine, ma di averle buttate tutte via[45]. Deciso a scrivere una light novel che potesse essere all'altezza del manga, riuscì a completare la stesura del testo solo nel 2007. L'opera è stata intitolata The Book: JoJo's bizarre adventure 4th another day ed è stata messa in commercio il 26 novembre 2007[46].

Nell'aprile 2011 è stato annunciato che Nisio Isin, Kouhei Kadono e Ōtarō Maijō erano impegnati ognuno nella stesura di un adattamento de Le bizzarre avventure di JoJo in occasione dell'anniversario dei 25 anni dall'inizio dell'opera[47]. Il romanzo di Kadono, intitolato Purple Haze Feedback (恥知らずのパープルヘイズ Hajishirazu no pāpuru heizu?) è stato pubblicato il 16 settembre 2011 ed è basato sulla quinta parte[48]. Quello di Isin è uscito il 16 dicembre 2011, basato sulla terza parte e intitolato JOJO'S BIZARRE ADVENTURE OVER HEAVEN[49]. L'adattamento di Maijō, JORGE JOESTAR, è stato pubblicato il 19 settembre 2012[50]. Racconta la storia di George Joestar II, figlio di Jonathan e padre di Joseph, durante la sua infanzia a La Palma dove è conosciuto come "Jorge Joestar" e di Joji Joestar, che vive in Giappone ed è impegnato nel risolvere il mistero di un'isola mobile.

Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

Sono stati prodotti numerosi videogiochi su Le bizzarre avventure di JoJo. Il primo è stato un gioco di ruolo basato sulla terza serie e pubblicato per Super Nintendo Entertainment System nel 1993. Sempre dalla terza serie, la Capcom ha sviluppato nel 1993 un picchiaduro arcade intitolato JoJo's Bizarre Adventure e distribuito come JoJo's Venture al di fuori del Giappone. JoJo's Bizarre Adventure: Heritage for the Future, una versione aggiornata del gioco, è stata pubblicata l'anno seguente. Il videogioco arcade originale è stato poi trasposto per console PlayStation e Sega Dreamcast nel 1999 e un'edizione in alta definizione è stata pubblicata per PlayStation Network e Xbox Live Arcade nell'agosto del 2012[51]. Un terzo videogioco Capcom, basato sulla quinta serie ed intitolato Jojo no kimyō no bōken ōgon no kaze (ジョジョの奇妙な冒険 黄金の旋風? lett. "Le bizzarre avventure di GioGio: Vento Aureo"), è stato messo in commercio per PlayStation 2 il 25 luglio 2002[52][53]. Questo gioco non è stato esportato in Europa per via degli espliciti riferimenti a nomi di gruppi musicali e il rifiuto di Araki di modificare i nomi in questione per evitare provvedimenti legali. Anche l'annuncio della pubblicazione del gioco negli Stati Uniti non è stato seguito da azioni concrete.

In previsione dell'uscita nelle sale cinematografiche giapponesi del film JoJo's Bizarre Adventure: Phantom Blood (ジョジョの奇妙な冒険 ファントムブラッド?) è stato distribuito dal 26 ottobre 2006 un videogioco tie-in per PlayStation 2. Esso consiste in un gioco che mescola elementi d'azione e di avventura, con una storia basata sul primo arco narrativo[54]. Araki ha verificato di persona la qualità del gioco e la sua fedeltà alla storia originale. L'uscita del videogioco è coincisa con il 25º anniversario dall'inizio della carriera di Hirohiko Araki e il gioco include un disco extra per le celebrazioni del 20º anno di pubblicazione di JoJo. Per il venticinquesimo anniversario della serie è stato sviluppato un picchiaduro per PlayStation 3 intitolato JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle, prodotto da CyberConnect2 e pubblicato da Bandai Namco Holdings[55]. Per promuovere l'uscita del videogioco in Giappone è stato allestito un treno speciale lungo la linea Yamanote, con interni ed esterni decorati in stile Le bizzarre avventure di JoJo e video promozionali del gioco trasmessi sugli schermi interni[56]. Il videogioco è stato pubblicato in patria il 29 agosto 2013, mentre la sua uscita europea è avvenuta il 25 aprile 2014[57].

Alcuni personaggi di JoJo — Joseph Joestar, come personaggio giocabile; Santana e Speedwagon, in ruoli cameo — sono comparsi nel gioco del 1989 Famicom Jump: Hero Retsuden (ファミコンジャンプ 英雄列伝 Famikon Janpu Hīrō Retsuden?), un crossover di Bandai sulle serie di Weekly Shōnen Jump. Il suo seguito Famicom Jump II: Saikyō no Shichinin (ファミコンジャンプII 最強の7人 Famikon Janpu Tsū Saikyō no Shichinin?), pubblicato nel 1991, presenta Jotaro Kujo tra i personaggi giocabili, mentre Joseph, Avdol, Kakyoin e Polnareff fanno delle apparizioni. Altre apparizioni dei personaggi della serie si sono ripetute nel videogioco crossover Jump Super Stars del 2005 e nel suo sequel Jump Ultimate Stars. Tra i personaggi giocabili compaiono infatti Jotaro Kujo e Dio Brando. Ultimo in ordine di tempo, il videogioco del 2014 J-Stars Victory Vs permette al giocatore di vestire i panni di Jonathan o Joseph Joestar[58].

Altre opere derivate[modifica | modifica sorgente]

Esistono almeno due racconti brevi di Araki dedicati a JoJo: Dead Man's Question (ambientata in un "bizzarro" aldilà, il protagonista è il defunto Yoshikage Kira della quarta serie) e Thus Spoke Rohan Kishibe (ambientata in Italia; il protagonista è Rohan Kishibe, personaggio sempre della quarta serie), contenuti in Under execution, under jailbreak.

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Araki trae ispirazione dall'arte occidentale, come le opere di Paul Gauguin, che gli hanno dato l'idea di usare colori inusuali nella sua opera[59].

Le bizzarre avventure di JoJo ha venduto oltre 80 milioni di copie nel solo Giappone[60] e costituisce una delle serie di maggior successo commerciale mai pubblicata su Weekly Shōnen Jump[61]. Il sito IGN ha dichiarato la serie un must read e lo stile di uno «standard virtualmente scomparso nella maggior parte dei manga prodotti al giorno d'oggi»[62]. Alla decima edizione del Japan Media Arts Festival, nel 2006, il pubblico giapponese ha eletto Le bizzarre avventure di JoJo al secondo posto nella lista dei migliori 10 manga di tutti i tempi[63]. JoJo si è classificato al decimo posto nel sondaggio condotto da Oricon sulle serie manga di cui i fan desiderano maggiormente un adattamento live action[64].

Jason Thompson gli assegna quattro stelle su quattro e lo definisce "il capolavoro di un artista altamente originale". Egli sottolinea inoltre che lo stile del manga, pur non potendo essere definito "bello", evita la rigidità tipica di altre opere degli anni ottanta. Altri aspetti che hanno ricevuto elogi da parte del critico sono il clima di suspense e di vero e proprio "terrore" che pervade la storia, i dialoghi e la trama sostenuta[1].

L'edizione di ottobre 2012 di Ultra Jump aveva in allegato un opuscolo speciale intitolato 25 Years With JoJo, per il 25º anniversario della serie, che contiene messaggi e disegni dedicati a JoJo, realizzati da altri mangaka di successo, come Akira Toriyama, Yoshihiro Togashi, Eiichiro Oda, CLAMP e molti altri[65].

Controversie[modifica | modifica sorgente]

Nel maggio del 2008 Shueisha e Studio APPP interruppero la distribuzione del manga e degli OAV de Le bizzarre avventure di JoJo a livello mondiale per via di una serie di proteste da parte del pubblico musulmano. In particolare veniva accusata una scena del sesto episodio dell'anime, "Le nebbie della vendetta", in cui Dio Brando tiene in mano e legge dei passi da una copia del Corano mentre dà ordine di uccidere Jotaro Kujo. Tale scena è presente solo negli OAV, mentre nel manga originale il testo in questione presenta dei caratteri illeggibili[66]. In un comunicato rilasciato il 22 maggio Shueisha e Studio APPP si scusarono per l'accaduto e si impegnarono a rimuovere le parti incriminate da tutte le pubblicazioni successive[67]. Nonostante il manga non contenesse questa scena, ad Araki venne chiesto comunque di ridisegnare alcune scene in cui i personaggi combattono in prossimità di moschee, danneggiandole[67]. Stardust Crusader venne dunque ristampato e pubblicato in Giappone a partire da febbraio 2009[68]. Linterruzione delle pubblicazioni del manga a livello internazionale ha influenzato anche l'edizione italiana, facendo slittare l'uscita della ristampa Star Comics delle prime tre parti, di diversi mesi[69][70].

Influenza culturale[modifica | modifica sorgente]

Le caratteristiche e l'originalità dell'opera di Araki — soprattutto il concetto di poteri come gli Stand — hanno profondamente influenzato molte opere successive[1]. Elementi riconducibili a Le bizzarre avventure di JoJo sono presenti in:

  • Yu degli spettri di Yoshihiro Togashi: durante la saga del capitolo oscuro alcuni personaggi fanno uso di un potere detto "Territorio" che richiama il funzionamento tipico di uno Stand.
  • Blue Dragon: ogni personaggio principale ha con sé un'ombra di forma animale, veri e propri Stand.
  • Shaman King di Hiroyuki Takei: gli Over Soul sono una forma similare agli Stand.
  • Bleach di Tite Kubo: nella saga dei Bounts Jin Kariya usa poteri molto simili agli Stand.
  • Street Fighter Alpha 2 annovera tra i combattenti l'italiana Rose. La stessa Capcom ha più volte dichiarato che Rose è in realtà una copia di Lisa Lisa, personaggio della seconda serie di JoJo. Sempre in un altro picchiaduro di marca Capcom, Darkstalkers, il personaggio di Donovan Baine usa attacchi avvalendosi di spiriti, che sembrano ispirarsi al concetto di Stand.
  • Toriko: i personaggi di questo manga hanno un'aura molto simile allo Stand chiamato "Intimidazione".

Le "pose JoJo"[modifica | modifica sorgente]

I personaggi de Le bizzarre avventure di JoJo assumono spesso posizioni insolite e innaturali, diventate oggetto di numerose imitazioni e parodie da parte dei fan, che hanno iniziato a riferisi ad esse come "pose JoJo" (ジョジョ立ち JoJo Dachi?). Le pose JoJo hanno guadagnato rapidamente una grande popolarità in Giappone, dove gli appassionati organizzano periodicamente raduni e flash mob parodiando le pose più disparate. Il termine stesso è stato incluso nell'Enciclopedia delle parole contemporanee (現代用語の基礎知識 Gendai yōgo no kiso chishiki?) e anche Araki ha partecipato al fenomeno, scattando una foto che lo ritrae in una posa JoJo[71]. Tra le celebrità che hanno omaggiato la serie interpretando pose JoJo vi sono: Kyary Pamyu Pamyu, grande appassionata del manga che ha addirittura chiamato il proprio cane "Jojo"[72]; Shōko Nakagawa, cha ha partecipato ad un'intervista ad Hirohiko Araki, vestita da Jotaro Kujo[73]; Yuka Kashino delle Perfume, che ha dichiatato di essere una fan di JoJo e che ha coinvolto le sue compagne nel creare coreografie ispirate a pose JoJo durante i loro video e spettacoli[71].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Jason Thompson, Manga: The Complete Guide, Random House, 2012, ISBN 978-0345539441.
  2. ^ (EN) Hirohiko Araki Lecture Part 3: Questions and Answers with Araki-Sensei, Comipress.com, 29 aprile 2007. URL consultato il 9 maggio 2014.
  3. ^ a b c d (EN) Jason Thompson, Jason Thompson's House of 1000 Manga - Jojo's Bizarre Adventure, Anime News Network, 23 dicembre 2010. URL consultato il 9 maggio 2014.
  4. ^ a b c d e (FR) Araki Hirohiko: Exposed, AnimeLand, 1º giugno 2003. URL consultato il 10 maggio 2014.
  5. ^ a b c d e f g h i j k l  (JA) Araki Hirohiko Interview. Dailymotion, 25 gennaio 2012. URL consultato in data 10 maggio 2014.
  6. ^ (FR) Araki Hirohiko: Jojo, De Vinci et moi, AnimeLand, 1º giugno 2003. URL consultato il 10 maggio 2014.
  7. ^ a b c Marco Foti, Generazioni eccentriche: Hirohiko Araki e le bizzarre avventure di JoJo, Lospaziobianco.it, 14 luglio 2010. URL consultato il 21 maggio 2014.
  8. ^ (JA) ジョジョの奇妙な冒険 1, Shueisha. URL consultato l'8 maggio 2014.
  9. ^ (JA) ジョジョの奇妙な冒険 5, Shueisha. URL consultato l'8 maggio 2014.
  10. ^ (JA) ジョジョの奇妙な冒険 6, Shueisha. URL consultato l'8 maggio 2014.
  11. ^ (JA) ジョジョの奇妙な冒険 12, Shueisha. URL consultato l'8 maggio 2014.
  12. ^ (JA) ジョジョの奇妙な冒険 13, Shueisha. URL consultato l'8 maggio 2014.
  13. ^ (JA) ジョジョの奇妙な冒険 28, Shueisha. URL consultato l'8 maggio 2014.
  14. ^ (JA) ジョジョの奇妙な冒険 29, Shueisha. URL consultato l'8 maggio 2014.
  15. ^ (JA) ジョジョの奇妙な冒険 46, Shueisha. URL consultato l'8 maggio 2014.
  16. ^ (JA) ジョジョの奇妙な冒険 47, Shueisha. URL consultato l'8 maggio 2014.
  17. ^ (JA) ジョジョの奇妙な冒険 63, Shueisha. URL consultato l'8 maggio 2014.
  18. ^ (JA) ストーンオーシャン 1, Shueisha. URL consultato l'8 maggio 2014.
  19. ^ (JA) ストーンオーシャン 17, Shueisha. URL consultato l'8 maggio 2014.
  20. ^ (EN) Helen McCarthy, 500 Manga Heroes and Villains, Collins & Brown, 2006, p. 46, ISBN 1843402343.
  21. ^ (JA) STEEL BALL RUN スティール・ボール・ラン 1, Shueisha. URL consultato l'8 maggio 2014.
  22. ^ (JA) STEEL BALL RUN スティール・ボール・ラン 24, Shueisha. URL consultato l'8 maggio 2014.
  23. ^ (JA) ジョジョリオン 1, Shueisha. URL consultato l'8 maggio 2014.
  24. ^ a b Jojonium: nuove info sull'edizione deluxe de Le Bizzarre Avventure di JoJo, Mangaforever.net, 18 settembre 2013. URL consultato l'8 maggio 2014.
  25. ^ (EN) JoJo's Bizarre Adventure, Volume 1, Viz Media. URL consultato il 9 maggio 2014.
  26. ^ (EN) JoJo's Bizarre Adventure, Volume 16, Viz Media. URL consultato il 9 maggio 2014.
  27. ^ (FR) Nouveau et renouveau, Manga-news.com, 2 gennaio 2007. URL consultato l'8 maggio 2014.
  28. ^ (FR) Golden Wind, Manga-news.com, 7 marzo 2007. URL consultato l'8 maggio 2014.
  29. ^ (FR) Le come back de Jojo daté!, Manga-news.com, 17 luglio 2012. URL consultato l'8 maggio 2014.
  30. ^ JoJo - Phantom Blood, Star Comics. URL consultato l'8 maggio 2014.
  31. ^ Le bizzarre avventure di Jojo, Yamato Video. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  32. ^ (JA) Le Bizzarre Avventure di JOJO – Phantom Blood, aggiornamento, AnimeClick.it, 26 gennaio 2007. URL consultato il 7 maggio 2014.
  33. ^ (EN) New Jojo's Bizarre Adventure Anime's Cast, Staff Revealed, Anime News Network, 16 agosto 2012. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  34. ^ (EN) JoJo's Bizarre Adventure TV Anime Slated for October 6, Anime News Network, 11 settembre 2012. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  35. ^ (EN) JoJo's Bizarre Adventure Anime Teases Part 3, Anime News Network, 5 aprile 2013. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  36. ^ (EN) Tomokazu Sugita Leads JoJo's Bizarre Adventure Part 2 Cast, Anime News Network, 14 novembre 2012. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  37. ^ (EN) UK Band Yes, Singer Tommy Perform Jojo's Bizarre Adventure Themes, Anime News Network, 14 settembre 2012. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  38. ^ JoJo: il trailer dell’anime di Stardust Crusaders, Mangaforever.net, 22 dicembre 2013. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  39. ^ Le Bizzarre Avventure di Jojo. La terza serie avrà delle differenze, AnimeClick.it, 20 novembre 2013. URL consultato il 7 maggio 2014.
  40. ^ (EN) JoJo's Bizarre Adventure Part 3 Anime to Air in Spring With Differences From Parts 1/2, ASB Game - News, Anime News Network, 18 novembre 2013. URL consultato il 7 maggio 2014.
  41. ^ (JA) ジョジョの奇妙な冒険, Shueisha. URL consultato il 15 gennaio 2014.
  42. ^ Le bizzarre avventure di Jojo, Amazon.it. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  43. ^ (JA) ジョジョの奇妙な冒険 2, Shueisha. URL consultato il 15 gennaio 2014.
  44. ^ Golden heart, golden ring. Le bizzarre avventure di Jojo, Amazon.it. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  45. ^ (JA) Otsuichi struggling to complete novel, atmarkjojo.org, 9 dicembre 2004. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  46. ^ (JA) The Book―jojo's bizarre adventure 4th another day, Shueisha. URL consultato il 15 gennaio 2014.
  47. ^ (EN) Bakemonogatari, Boogiepop Authors Pen JoJo's Novels, Anime News Network, 4 aprile 2011. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  48. ^ (JA) 恥知らずのパープルヘイズ, Shueisha. URL consultato il 15 gennaio 2014.
  49. ^ (JA) JOJO’S BIZARRE ADVENTURE OVER HEAVEN, Shueisha. URL consultato il 15 gennaio 2014.
  50. ^ (JA) JORGE JOESTAR, Shueisha. URL consultato il 15 gennaio 2014.
  51. ^ (EN) 1st Jojo's Bizarre Adventure Fighting Game Remade in HD, Anime News Network, 14 luglio 2012. URL consultato il 7 maggio 2014.
  52. ^ Le Bizzarre Avventure di GioGio: Vento Aureo, Jigoku.it. URL consultato il 7 maggio 2014.
  53. ^ (EN) Jojo no Kimyō na Bōken: Ōgon no Kaze, MobyGames. URL consultato il 7 maggio 2014.
  54. ^ (JA) 「エクストラモード」公開!!, Bandai. URL consultato il 7 maggio 2014.
  55. ^ (EN) Jojo's Bizarre Adventure Gets Fall TV Anime & PS3 Game, Anime News Network, 5 luglio 2012. URL consultato il 7 maggio 2014.
  56. ^ (EN) JoJo-themed train makes laps around Tokyo's Yamanote Line, Asahi Shinbun, 5 settembre 2013. URL consultato il 7 maggio 2014.
  57. ^ JoJo’s Bizarre Adventure: All Star Battle ad aprile in Europa, AnimeClick.it, 20 marzo 2014. URL consultato il 7 maggio 2014.
  58. ^ (EN) Jojo's, Nube characters join J-Stars Victory Vs. Game, Anime News Network, 11 dicembre 2013. URL consultato il 7 maggio 2014.
  59. ^ (EN) Hirohiko Araki Lecture Part 2: Drawing Manga, Araki-Style, Comipress.com, 25 luglio 2006. URL consultato il 9 maggio 2014.
  60. ^ (EN) Hiroshi Ishida, 'JoJo' creator exhibits work at Gucci's Florence showroom, Asahi Shimbun, 13 luglio 2013. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  61. ^ (EN) Top 10 Shonen Jump Manga by All-Time Volume Sales, Anime News Network, 23 ottobre 2012. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  62. ^ (EN) JoJo's Bizarre Adventure Vol. 1 Review - Is it still bizarre enough 15 years later?, IGN, 1º dicembre 2005. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  63. ^ (EN) Top 10 Anime and Manga at Japan Media Arts Festival, Anime News Network, 4 ottobre 2006. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  64. ^ (EN) Survey: Slam Dunk Manga is #1 Choice for Live-Action, Anime News Network, 3 maggio 2009. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  65. ^ (EN) All-Star Creators Mark JoJo's Bizarre Adventure's 25th Year, Anime News Network, 17 settembre 2012. URL consultato il 9 maggio 2014.
  66. ^ Le bizzarre avventure di JoJo censurato per l'Islam, AnimeClick.it, 23 maggio 2008. URL consultato il 9 maggio 2014.
  67. ^ a b (EN) Comunicato ufficiale di Shueisha e Studio APPP sulle accuse di anti-islamismo, Shueisha, 22 maggio 2008. URL consultato il 9 maggio 2014.
  68. ^ JoJo: Stardust Crusaders, al via la ristampa giapponese censurata, AnimeClick.it, 29 gennaio 2009. URL consultato il 9 maggio 2014.
  69. ^ JoJo: Censure Islam bloccano anche ristampa Star Comics, AnimeClick.it, 2 luglio 2008. URL consultato il 9 maggio 2014.
  70. ^ JoJo, al via l'attesa ristampa Star Comics, AnimeClick.it, 18 ottobre 2008. URL consultato il 9 maggio 2014.
  71. ^ a b (EN) JoJo's Pose (ジョジョ立ち), Knowyourmeme.com. URL consultato il 21 maggio 2014.
  72. ^ (JA) 今日はCMの撮影をしてるよー!, Kyary Pamyu Pamyu, 11 settembre 2012. URL consultato il 21 maggio 2014.
  73. ^ (JA) ジョジョ立ち!!(バアーーン), Shōko Nakagawa. URL consultato il 21 maggio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga