Le Lavandou

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le Lavandou
comune
Le Lavandou – Stemma
Localizzazione
Stato Francia Francia
Regione Blason région fr Provence-Alpes-Côte d'Azur.svg Provenza-Alpi-Costa Azzurra
Dipartimento Blason département fr Var.svg Varo
Arrondissement Tolone
Cantone Collobrières
Territorio
Coordinate 43°08′N 6°22′E / 43.133333°N 6.366667°E43.133333; 6.366667 (Le Lavandou)Coordinate: 43°08′N 6°22′E / 43.133333°N 6.366667°E43.133333; 6.366667 (Le Lavandou)
Superficie 29,61 km²
Abitanti 5 837[1] (2009)
Densità 197,13 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 83980
Fuso orario UTC+1
Codice INSEE 83070
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Le Lavandou
Il porto di Le Lavandou ripreso al mattino

Le Lavandou è un comune francese di 5.837 abitanti situato nel dipartimento del Varo della regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra.

Il Comune è situato sulle rive del Mar Mediterraneo, di fronte alle cosiddette Isole d'Oro (Port-Cros, l'isola del Levante e Porquerolles) e ai piedi del Massiccio dei Maures. Gli abitanti di Lavandou sono chiamati Lavandouraines (femminile) e Lavandourains (maschile).

Dall’autonomia amministrativa del comune a oggi[modifica | modifica sorgente]

Le Lavandou non era originariamente che una frazione del Comune di Bormes-les-Mimosas. Il processo amministrativo che condusse alla separazione dei due Comuni prese avvio nel 1909. D'altronde è proprio a partire dall'inizio del XX secolo che pittori, letterati e musicisti famosi resero rinomata questa stazione di villeggiatura. La relativa legge - adottata dal Conseil d'État, approvata il 27 marzo 1913 dalla Camera dei deputati e il successivo 20 maggio dal Senato – fu promulgata dal Presidente della Repubblica Raymond Poincaré il 25 maggio 1913.

Da allora il Comune ha saputo coniugare sapientemente lo charme segreto di un tranquillo villaggio di pescatori con i divertimenti e le distrazioni di una moderna località balneare. Le Lavandou offre ben 12 spiagge di sabbia fine ripartite sulle cinque frazioni del Paese: L'Anglade, La Grande Plage du Lavandou, Saint-Clair, La Fossette, Aiguebelle, l'Eléphant, Jean Blanc, Rossignol, Le Layet, Cavalière, Cap Nègre, Pramousquier.

Nella località hanno trovato rifugio dopo l'indipendenza della Tunisia gli ultimi abitanti dell'isola di La Galite, pescatori di aragoste originari dell'isola di Ponza e di Carloforte la cui presenza era stata tollerata dalle autorità coloniali francesi.

L'origine del nome Lavandou[modifica | modifica sorgente]

Il nome Lavandou sembrerebbe richiama anzitutto la lavanda, pianta ampiamente diffusa in Provenza. Una varietà peculiare di lavanda cresce infatti sulle colline retrostanti Lavandou (Lavandula stoechas). Tale pianta è tuttavia denominata "Queirélé" in lingua provenzale, idioma che, fino a sessant’anni fa, era l’unico idioma parlato in questo villaggio delle coste provenzali. Ciò esclude, dunque, l’etimologia più evidente.

Una soluzione più attendibile è stata data, invece, da Frédéric Mistral, famoso poeta provenzale e premio Nobel, il quale nel Trésor du Félibrige scrive che Lavadou - Lavandou (Var) è sinonimo di «lavoir», ossia lavatoio. D’altronde nel Municipio di Lavandou è conservato un quadro del 1736 di Charles Ginoux che rappresenta quello che allora era solo un sobborgo e nel quale compare un lavatoio in cui le mogli dei pescatori lavano i loro panni.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti

Persone legate[modifica | modifica sorgente]

  • Henri-Edmond Cross (1856-1910) Pittore francese, trascorse gli ultimi anni nella frazione di Saint-Clair, dove morì. Fu sepolto a Lavandou.
  • Théo van Rysselberghe (1862-1926) Pittore belga, visse e lavorò diversi anni nella frazione di Saint-Clair, dove morì. Fu sepolto a Lavandou.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia