Lazzaro Hrebeljanović

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santo Stefano Lazzaro
Ritratto di Stefano Lazzaro in un dipinto del 1857 del pittore serbo Đura Jakšić.
Ritratto di Stefano Lazzaro in un dipinto del 1857 del pittore serbo Đura Jakšić.
Nascita 1329
Morte 1389
Venerato da Chiesa ortodossa serba
Ricorrenza 28 giugno

Stefano Lazzaro Hrebeljanović (in serbo Стефан Лазар Хребељановић, Stefan Lazar Hrebeljanović; Prilepac, 1329Kosovo Polje, 28 giugno 1389) è stato un nobile serbo, principe della Serbia Moravica, figura eroica per la Serbia, nonché santo per la Chiesa ortodossa.

Chiamato anche Knez Lazar (in serbo Кнез Лазар) o Zar Lazar, morì nella storica Battaglia della Piana dei Merli contro gli ottomani.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel villaggio di Prilepac (nei pressi di Novo Brdo), era figlio di Pribac Hrebeljanović, cancelliere imperiale alla corte del sovrano serbo Stefano Uroš IV Dušan.[1] Per questo motivo ricevette una adeguata educazione a corte, e intorno al 1353 sposò la principessa di casa Nemanjić Milica[2].

Dopo la morte di Vukašin Mrnjavčević, divenne uno dei più potenti esponenti dell'aristocrazia serba, tanto da contrapporsi a Sigismondo di Ungheria (1385-1388).[1]

Con altri principi cristiani (come il Re di Bosnia Tvrtko I) prese parte nel giugno 1389 alla Battaglia della Piana dei Merli (o Battaglia di Cossovo) contro l'esercito ottomano, ma fu fatto prigioniero e ucciso.[1]

È stato santificato dalla Chiesa ortodossa serba, ed è noto in diversi canti e delle ballate guerriere sulla Battaglia di Cossovo.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d AA.VV.
  2. ^ C. P. Hankey, Lives of the Serbian Saints

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Principe di Serbia Successore
Stefano Uroš V 1371-1389 Stefan Lazarević

Controllo di autorità VIAF: 76368092 LCCN: n88271278