Lazare de Baïf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lazare de Baïf (Manoir des Pins, 1496Parigi, 1547) è stato un umanista e religioso francese, abate nell'abbazia di Saint-Sauveur de Charroux (Charroux (Vienne)), e in quella di Notre-Dame de la Grainetière (Les Herbiers), consigliere nel Parlamento di Parigi e Maestro delle Suppliche.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il re Francesco I lo mandò come ambasciatore a Venezia nel 1530 e lo incaricò di varie commissioni importanti.

La sua opera principale è un libro in latino, riguardante l'abbigliamento degli antichi e l'arte della navigazione, stampato a Basilea nel 1541.

Tradusse l'Elettra di Sofocle nel 1537, e poi l'Ecuba. Scrisse versi in latino.

Fu padre del poeta Jean Antoine de Baïf.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 12351164