Lauro De Bosis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Tu non temi la morte? / - Non mi tocca. / Finché c'è vita si combatte; e poi... / pace! Il mio fato, quale sia, io voglio! »
(Lauro De Bosis, Icaro[1])
Lauro De Bosis
Lauro De Bosis4.jpg
Lauro De Bosis
Dati biografici
Nome Adolfo Lauro De Bosis
Nazionalità bandiera Italia
Arte Nuvola apps kcoloredit.png
Dati agonistici
Specialità Letteratura
Palmarès
Giochi olimpici 0 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Adolfo Lauro De Bosis (Roma, 9 dicembre 1901Mar Tirreno, 3 ottobre 1931) è stato uno scrittore, poeta e antifascista italiano.

Il suo nome è indissolubilmente legato all'impresa propagandistica che lo condusse alla morte, il celebre volo su Roma del 1931, in cui, sorprendendo l'efficiente Regia Aeronautica comandata dal gerarca fascista Italo Balbo, gettò sulla capitale migliaia di manifesti antifascisti inneggianti alla libertà e alla lotta contro il regime. Inseguito dalle forze aeree, l'aeroplano su cui viaggiava scomparve in mare al largo della Corsica, probabilmente caduto e inabissatosi per mancanza di carburante. L'Università di Harvard, dove insegnò per alcuni anni, gli dedicò la cattedra di letteratura italiana e un premio conferito annualmente.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La Torre Clementina a Portonovo

Nato a Roma nel 1901, Adolfo Lauro De Bosis[2] (a volte scritto de Bosis[3]) era di famiglia anconetana che, trasferita a Roma per affari, conservava nella città di origine un'antica torre di guardia posta sulla riva del mare, al di sotto delle rupi del Monte Conero: la Torre Clementina di Portonovo. Questa torre era un luogo di ritrovo per amanti della poesia (vi era stato ospite anche Gabriele D'Annunzio), e anche Lauro vi si recava per cercare ispirazione. Il padre di Lauro, Adolfo De Bosis (1863-1924), poeta e dirigente d'azienda, fu il fondatore della rivista «Il Convito», nella quale pubblicarono anche Giovanni Pascoli[4] e Giosuè Carducci, che vi fece comparire per la prima volta la Canzone di Legnano. La madre, Lilian Vernon (1865-1952), scrittrice, figlia di un importante pastore metodista, era di origine statunitense ed amante anch'essa della letteratura e della poesia in particolare.[5] L'ambiente domestico - di cui fece parte anche la sorella Virginia De Bosis, arabista e islamista assai apprezzata in Italia e all'estero - indirizzò Lauro verso la passione per le lettere, e già da ragazzo scrisse alcuni versi.[5] Era l'ultimo di sette figli, tra cui Valente, pilota decorato alla memoria, caduto in un'azione aerea durante la Grande Guerra.[1]

Poesia e politica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver terminato gli studi classici, Lauro De Bosis si laureò in chimica nel 1922 all'Università di Roma, ma i suoi interessi erano eminentemente letterari. Nel 1923 fu rappresentato allo stadio del Palatino l'Edipo re di Sofocle su sua traduzione, pubblicata nel 1924. Ottimo conoscitore della lingua inglese, alla fine del 1924 si recò negli Stati Uniti su invito della Italy America Society di New York per tenere un ciclo di conferenze sulla situazione politica, storica e letteraria italiana. Da allora la sua vita trascorse tra New York e Roma, dove nel 1925 pubblicò una traduzione ridotta de Il ramo d'oro di Frazer, mentre nel 1926 tornò ancora negli Stati Uniti per insegnare italiano alla Harvard University di Cambridge (Massachussets); in questa Università gli sono ancora dedicate una borsa di studio e un ciclo annuale di lezioni.[5] Rimane indignato dalla propaganda dei filofascisti all'estero, che intendono far passare il regime come un governo illuminato.[1]

Lauro De Bosis

Di sentimenti liberali ma sostanzialmente conservatore, oltre che monarchico[2], De Bosis maturò in questo periodo la sua opposizione al fascismo, che egli aveva inizialmente valutato in termini non negativi, quale baluardo al «sovversivismo» e «risveglio del sentimento nazionale offeso».[6] La sua traduzione dell'Antigone di Sofocle, pubblicata nel 1927, è espressione del suo mutato indirizzo politico: Antigone rappresenta infatti la ribellione morale del cittadino alle crudeli leggi dello Stato, raffigurate dal dispotico sovrano Creonte.[5]

Nel 1927 scrisse Icaro, la sua unica opera poetica. Questo dramma in versi, che nel 1928 ottenne la medaglia d'argento (di fatto il primo premio, poiché l'oro non fu assegnato) alle Olimpiadi di Amsterdam 1928 nella categoria letteratura drammatica (al tempo i giochi comprendevano anche competizioni artistiche e non solo sportive), e fu pubblicato nel 1930, è singolarmente profetico del gesto che concluse la sua vita. Il soggetto gli venne suggerito dalla madre, che conosceva il sonetto Icare est cheut icy le jeune audacieux del poeta francese Philippe Desportes, reso attuale dalla recente trasvolata di Lindbergh, ma anche dal sonetto Icaro di Jacopo Sannazaro. Nell'opera di De Bosis, Icaro è un poeta che in un gesto eroico sacrifica la vita per la libertà, negata dal tiranno Minosse.[5] La figura di Icaro era stata trattata e celebrata, in epoca recente, anche dal D'Annunzio, come simbolo di eroismo assoluto e titanismo.[7]

Nel 1928 De Bosis divenne segretario della Italy America Society, nella quale erano tuttavia operanti persone legate al fascismo, e la circostanza gli procurò la diffidenza di molti antifascisti italiani emigrati negli Stati Uniti, già scettici sulla sua politica di fondo, intesa ad alleare contro il fascismo i monarchici, i liberali e i cattolici. Egli si guadagnò tuttavia la simpatia del socialista Salvemini.[8]

In questo periodo si legò sentimentalmente all'attrice Ruth Draper, che aveva 17 anni in più di lui, e continuò la sua attività di traduttore con La vita privata di Elena di Troia di John Erskine, Il ponte di San Luis Rey di Thornton Wilder e il Prometeo incatenato di Eschilo. Per quanto riguarda lo stile, De Bosis è un poeta dallo stile aulico ed elevato, come i suoi modelli classicisti e dannunziani.[5]

L'Alleanza Nazionale per la Libertà[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1930 prese contatto a Londra con don Luigi Sturzo, e in luglio, a Roma, fondò con Mario Vinciguerra una associazione patriottica segreta denominata Alleanza Nazionale per la Libertà[9]. L'associazione intendeva sensibilizzare l'opinione pubblica italiana sul valore della libertà attraverso la diffusione per posta di volantini antifascisti, invitando i riceventi a diffonderli a loro volta nello stesso modo. L'obiettivo politico era la costituzione di un'alleanza politica della monarchia, del Vaticano e della destra liberale contro il fascismo, dalla quale dovevano essere esclusi repubblicani e socialcomunisti.

Con tali presupposti, l'iniziativa ottenne l'approvazione di personalità quali Giovanni Antonio Colonna di Cesarò, Umberto Zanotti Bianco, il banchiere Romolo Ferlosio e il gesuita padre Enrico Rosa, dell'Azione Cattolica.[10] Successivamente si rivolse anche ai socialisti riformisti, ovvero coloro che nel PSI si erano staccati dai comunisti, per imboccare la strada contraria alla rivoluzione armata marxista, in stile sovietico. L'Alleanza giunge a comprendere - come affermerà Giovanni Spadolini - quella che fu la secessione dell'Aventino, e quello che sarà il Comitato di Liberazione Nazionale, con l'esclusione dei comunisti e di Giustizia e Libertà, che agive nella concentrazione antifascista con cui De Bosis ebbe sempre rapporti non ottimali.[3] Anche Sandro Pertini e Piero Calamandrei celebreranno, in futuro, De Bosis come un eroe di libertà.[3]

De Bosis era idealmente vicino anche alle posizioni di Benedetto Croce (anche se non risulta tra i firmatari del Manifesto degli intellettuali antifascisti), laico e liberale ma non ostile a nessuna forza che avesse potuto combattere efficacemente il fascismo. La divisione è infatti un nemico interno, e l'anti-monarchismo e l'anticlericalismo esplicito di alcuni antifascisti vengono usati da Mussolini come propaganda per presentare il fascismo come l'unica alternativa alla rivoluzione comunista.[1] Questi argomenti saranno, come detto, anche quelli del CLN nel 1944, che metterà da parte questioni politiche e religiose per dedicarsi innanzitutto alla cacciata del fascismo.[1]

Quanto al Vaticano, la sua considerazione non era ideologica: senza alcun clericalismo, considerava semplicemente il papato una forza importante ed attiva, da non sprecare lasciandola al fianco del Duce, soprattutto dopo i Patti lateranensi del 1929.[1]

In sostanza, l'ideale politico di Lauro era - né più né meno - che lo stato liberale risorgimentale, cavouriano e poi giolittiano, adattato ai tempi.[1]

Mentre Lauro De Bosis, nell'ottobre del 1930, era nuovamente in viaggio negli Stati Uniti, per compiere un giro di conferenze nelle più importanti università, l'associazione venne scoperta, e furono arrestati Mario Vinciguerra, il giornalista Renzo Rendi e la madre di De Bosis.[11] Nel processo, tenutosi il 22 dicembre, i primi due furono condannati a quindici anni di reclusione, mentre sua madre venne assolta, dopo aver scritto una lettera di sottomissione a Mussolini.

Fu divulgata anche una dichiarazione di fedeltà al regime fascista che Lauro De Bosis aveva scritto due mesi prima su richiesta dell'ambasciatore italiano negli Stati Uniti, Giacomo De Martino. De Bosis l'aveva redatta unicamente per poter svolgere la sua attività clandestina con maggiore tranquillità, ma la notizia suscitò nell'opinione pubblica anche l'idea che egli fosse un agente provocatore fascista. Quello che più lo amareggiò fu di sapere che su circa trenta aderenti all'Alleanza Nazionale, quindici - si scoprì - erano inflitrati dell'OVRA, la polizia politica del regime.[12] Dalla Svizzera, dove risiedeva, De Bosis pensò inizialmente di farsi arrestare in Italia, per tutelare la sua immagine dalle diffamazioni e condividere la sorte dei suoi amici, poi si trasferì a Parigi, dove s'impiegò come portiere d'albergo e meditò un nuovo piano d'azione.[13] Qui, isolato, frequenta alcuni intellettuali stranieri e Salvemini, che gli propone però di lasciar perdere la monarchia e il papa, che restavano al fianco del regime. De Bosis, però, volle fare ancora un tentativo di risvegliare la coscienza risorgimentale dei Savoia e dei monarchici[1], e la proposta di uno Stato libero e indipendente.[1]

Finanziato dal giornale liberale belga Le Soir, nell'aprile del 1931 cominciò a prendere lezioni di pilotaggio in un campo privato vicino a Versailles e il 24 maggio fece il primo volo. Siccome si sentiva spiato, emigrò a Londra e acquistò un piccolo aereo da turismo.[1] Il piano prevedeva che a luglio l'aereo, guidato da un pilota inglese, giungesse in Corsica, dove l'attendeva De Bosis che da lì l'avrebbe pilotato su Roma con un carico di volantini antifascisti da lanciare nella capitale. Ma l'11 luglio l'aeroplano si danneggiò atterrando in Corsica e tutti i fogli si sparpagliarono, rivelando il piano di Lauro.[14]

L'ultimo volo[modifica | modifica wikitesto]

« Il nuovo / mondo che sorge senza ceppi e senza / vincoli di muraglie e di frontiere
uno ed uguale per gli uguali libero / per i liberi che accerchia le diverse
genti sfatte dall'odio in una sola / azzurra patria, luminosa e immensa:
il cielo, o Fedra, il cielo, ecco il mio regno! »
(Lauro De Bosis, Icaro[1])

De Bosis riuscì a non perdersi d'animo: gli restava la Germania, come rifugio. Nonostante fosse monarchico, salutò con entusiasmo la nascita della Seconda repubblica spagnola.[1] In seguito, facendosi passare per un inglese di nome Morris, addusse a pretesto il proprio lavoro di agente d'affari per comprare un nuovo velivolo. Acquistò allora in agosto un nuovo aereo da turismo, un Klemm l25, esercitandosi con due istruttori tedeschi. Questi, il 2 ottobre, guidarono l'aereo fino a Cannes e di qui a Marignane (località nei pressi di Marsiglia), dove li attendeva De Bosis, che nel primo pomeriggio del 3 ottobre si levò in volo per Roma, giungendo sul cielo della capitale a sera e lanciando migliaia di manifestini. Come aveva già scritto nella relazione anticipata del suo viaggio - scritta nella notte tra il 2 e il 3 e inviata quella stessa mattina all'amico Ferrari e all'editore belga che la farà subito pubblicare su Le Soir -, l'Histoire de ma mort ("Storia della mia morte", redatta in lingua francese[15]), in cui presagisce la sua scomparsa e afferma «Varrò più da morto che da vivo»[1] -, erano due i testi diffusi sulle piazze di Roma e sopra il Quirinale, allora dimora reale: uno era rivolto al re Vittorio Emanuele III, al quale si chiedeva di essere degno dei suoi antenati fautori della libertà italiana, per non rischiare di alienare le simpatie che il popolo italiano aveva sempre avuto per i Savoia (Alessandro Cortese De Bosis la paragona a una di 100 anni prima, la famosa missiva indirizzata a Carlo Alberto da Giuseppe Mazzini e firmata "un italiano"[1]):

« Maestà, tra il re e il popolo v'è un patto sacro: Voi lo giuraste. Quando in nome di quel patto Voi ci chiamaste a difendere la libertà d'Italia ed i principi da Voi giurati, noi prendemmo le armi, in sei milioni e seicentomila morirono al Vostro comando. Oggi in nome di quegli stessi principi calpestati come non mai, in nome del Vostro onore di Re ed in nome dei nostri morti tocca a noi di rammentarVi quel patto. Seicentomila cittadini han dato a un Vostro cenno la vita per togliere il giogo da due città: è col Vostro consenso che un giogo infinitamente peggiore grava da anni sull'Italia intera? Accettate Voi veramente d'infrangere dopo Vittorio Veneto quel giuramento cui il Vostro Avo restò fedele dopo Novara? Son sette anni che Vi vediamo firmare i decreti di Radetzky con la penna di Carlo Alberto. (...) Maestà scegliete. Una terza via non esiste. Dal fondo della loro disperazione quaranta milioni d'Italiani Vi guardano.[1] »
Lauro De Bosis con il suo aeroplano (1931)

L'altro testo, tratto dal decalogo dell'Alleanza Nazionale, era invece diretto ai cittadini, sia ai monarchici che ai repubblicani[1], ai quali ricordava i valori risorgimentali e il primato della libertà:

« Roma, anno VII dal delitto Matteotti
Chiunque tu sia, tu certo imprechi contro il fascismo e ne senti tutta la servile vergogna. Ma anche tu sei responsabile colla tua inerzia. Non cercarti una illusoria giustificazione col dirti che non c’è nulla da fare. Non è vero. Tutti gli uomini di coraggio e di onore lavorano in silenzio per preparare l’Italia libera. (...) Abbi fede nell’Italia e nella libertà. Il disfattismo degli italiani è la vera base del regime fascista. Comunica agli altri la tua fede e il tuo fervore. Siamo in pieno Risorgimento. I nuovi oppressori sono più corruttori e più selvaggi di quelli antichi, ma cadranno egualmente. Essi non sono uniti che da una complicità e noi dalla volontà d'esser liberi. Gli spagnuoli han liberato la patria loro[16]. Non disperar della tua.[17][1] »

I volantini distribuiti furono 400.000; a parte le due lettere, lancia alcune copie del libro Il fascismo in Italia di Bolton King.[1] Emulò così l'impresa che nel 1918 aveva portato D'Annunzio alla ribalta delle cronache dopo il volantinaggio su Vienna, e quelle di alcuni antifascisti: la più celebre fu lancio di volantini su Milano del luglio 1930, ad opera di Giovanni Bassanesi e Gioacchino Dolci, organizzato da Randolfo Pacciardi e finanziato da Carlo Rosselli.[5]

Dopo aver sorvolato la città per circa mezz'ora, De Bosis si diresse verso il mare, dove probabilmente l'aereo, rimasto privo di carburante, precipitò. Sembra che, ai due tecnici tedeschi, De Bosis avesse detto che egli intendeva recarsi a Barcellona, e questi non avrebbero pertanto riempito tutti i serbatoi dell'aeroplano; nel testamento spirituale afferma di voler volare per gli ultimi chilometri a motore spento, consapevole del rischio di avere solo sette ore e mezza di esperienza di volo solitario.[1] Il relitto dell'aereo e il corpo del poeta non furono ritrovati, né dalla squadre d'aviazione fasciste di Italo Balbo, che lo inseguirono, né successivamente.[5][18] Per coprire l'insuccesso, l'aviazione nascose l'esito dell'azione e la morte del poeta.[1] Il volo farà enorme scalpore tra la stampa e la cultura internazionale, ma in Italia venne censurata la notizia.[1]

Nel 1956, nel luogo dove presumibilmente si inabissò il piccolo aeroplano "Pegaso", venne calata, da un'imbarcazione, l'urna con le ceneri della compagna Ruth Draper, morta quell'anno, che aveva espresso il desiderio di riunirsi a Lauro.[8]

Commemorazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • A Roma gli sono intitolate una piazza situata presso la sede del CONI e un busto marmoreo sul colle del Gianicolo, nei pressi del faro, vicino ai busti qui dedicati agli eroi garibaldini, ma da essi separato da una zona verde, quasi ad indicare che egli, per ciò che riguarda la disponibilità al sacrificio, fu un continuatore dell'eroismo risorgimentale, dal quale lo divide solo il mutato contesto storico.
Busto di De Bosis eretto al Gianicolo, Roma
  • A Viareggio è intitolata a De Bosis una strada nel centro della città.
  • In Ancona è ricordato da: una via del quartiere Adriatico, intitolata fino al 1945 a Francesco Crispi; un edificio scolastico, ora centro giovanile, nel rione degli Archi; un'iscrizione metallica, posta sulla scalinata del monumento alla Resistenza del Pincio, che ne ricorda il carattere e l'operato. Essa fa parte di una serie di scritte che riassumono le lotte per la libertà durante il ventennio fascista[19][20].
  • Nell'università statunitense di Harvard dal 1934 la cattedra di Civiltà Italiana è intitolata a De Bosis, che nel 1929 aveva tenuto cicli di lezioni in questo ateneo (la cattedra è chiamata «Lauro de Bosis lectureship», mentre il premio conferito ogni anno è il Lauro De Bosis fellowship[3]).
  • A Roma, in occasione del 75º anniversario del volo sulla capitale, si è tenuta la mostra Roma guarda Lauro De Bosis, a cura della Soprintendenza Speciale e del Polo museale romano[21].
  • Il quotidiano liberale belga Le Soir, il 3 ottobre 2011, ha ricordato l'80º anniversario della sua morte e del suo volo su Roma ricordando che fu il redattore capo del giornale, insieme ad alcuni esuli italiani e a simpatizzanti francesi e belgi a fornire i fondi per l'acquisto dell'aereo; dopo il volo del 1931 il giornale aveva pubblicato integralmente la "Storia della mia morte", testamento spirituale di De Bosis[3].
  • Anche negli Stati Uniti, nell'Università di Harvard, si è ricordato l'80º anniversario del volo su Roma[3].
  • Thornton Wilder dedicò a de Bosis la sua novella Le Idi di Marzo (1948), suggerendo un parallelo tra l'eroe e il poeta Catullo.
  • Una sua biografia, insieme a quella della sua fidanzata Ruth Draper ed a quelle di altri antifascisti italiani quali Ignazio Silone e Gaetano Salvemini, è raccolta nel libro della scrittrice anglo-irlandese-italiana Iris Origo Bisogno di testimoniare.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Opere letterarie[modifica | modifica wikitesto]

  • Icaro (1930), Alpes, 101 pagine
  • Storia della mia morte (Histoire de ma mort, 1931), Torino, ed. Passigli, 1948, prefazione di Gaetano Salvemini e contributi di Sibilla Aleramo (testo base per altre edizioni, l'ultima del 2009); edizione alternativa col titolo: Storia della mia morte: il volo antifascista su Roma, a cura di Alessandro Cortese De Bosis (ambasciatore e figlio di una delle sorelle di Lauro), con carte e documenti inediti, Mancosu edizioni, 1995

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Dal greco antico[modifica | modifica wikitesto]

Dall'inglese[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Il poeta volante (2008) di Angelo Ruta, con Pietro Pignatelli nel ruolo di De Bosis

Documentari televisivi[modifica | modifica wikitesto]

  • Lauro De Bosis. Storia del volo antifascista su Roma (2014) di Piergiorgio Curzi e Maurizio Carta, docu-fiction con ricostruzioni storiche con attori, a cura di Rai Storia, con la partecipazione di Giovanni De Luna

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u Introduzione a Storia della mia morte, a cura di A Cortese De Bosis
  2. ^ a b Lauro De Bosis in Treccani.it
  3. ^ a b c d e f Alessandro Cortese De Bosis, Lauro De Bosis, Un Eroe della Libertà, da secondorisorgimento.it
  4. ^ dalla rivista presero il nome i celebri Poemi conviviali
  5. ^ a b c d e f g h Biografia
  6. ^ M. Vigilante, De Bosis Adolfo Lauro, «DBI», 1987.
  7. ^ G. D'Annunzio, Ditirambo IV, da Alcyone, in Laudi del cielo, del mare, della terra, degli eroi
  8. ^ a b Lauro De Bosis, il poeta della Libertà
  9. ^ Il Tempo
  10. ^ M. Vigilante, cit.
  11. ^ P. Calamandrei, «Varrò più morto che vivo», ora in P. C., Uomini e città della Resistenza, Bari 2006, pp. 43-44
  12. ^ Come affermato da Giovanni De Luna, storico, nel documentario RAI dedicato a De Bosis e nella trasmissione Il tempo e la storia
  13. ^ P. Calamandrei, cit., p. 44
  14. ^ P. Calamandrei, cit., p. 45
  15. ^ riprende probabilmente il titolo dell'opera di Giacomo Casanova Histoire de ma vie
  16. ^ Riferimento all'effimera esperienza della Seconda repubblica spagnola del 1930-31, che sarà soppressa 8 anni dopo dalla reazione fascista, nel 1939.
  17. ^ Un gesto eclatante: Lauro De Bosis
  18. ^ Lauro de Bosis, morto nel Tirreno, vivo a Harvard
  19. ^ Scalinata del Monumento alla Resistenza
  20. ^ Il testo, riportato alla pagina [1] è il seguente: LAURO DE BOSIS ERA POETA, FIGLIO DI POETA, DI FAMIGLIA AN­CONITANA. EGLI CREÒ NEL 1928 UNA "ALLEANZA NAZIONALE". ALLO SCOPO DI SVOLGERE UNA PROPAGANDA DI NOTIZIE VERITIERE, DI PERSUASIONI, DI INCITAMENTI. ANCHE SE IL SUO PROGRAMMA POLI­TICO ERA FONDATO SU INGENUE SPERANZE E SU FATALI DISTINZIO­NI, IL SUO TENTATIVO DI TENERE DESTO E VIGILE IL PENSIERO CON­TRO IL FASCISMO CHE LO VOLEVA ANNIENTARE FU UN AMMIREVOLE ATTO DI CORAGGIO E DI FEDE. SCOPERTA LA SUA ORGANIZZAZIONE CLANDESTINA; IMPRIGIONATI ALCUNI SUOI COMPAGNI, EGLI, ASSENTE DALIA PATRIA, NON VOLLE SOTTRARSI ALLE SUE RESPONSABILITÀ E, BENCHÉ SOLO. ALL'IMPEGNO DI CONTINUARE LA LOTTA. IL 3 OT­TOBRE 1931 ANDÒ A VOLARE DALLA COSTA FRANCESE NEL CIELO DI ROMA A SFIDA DELL AVIAZIONE FASCISTA CHE FU COLTA DI SORPRE­SA. PENSAVA DEL PROPRIO DESTINO: "VARRÒ PIÙ MORTO CHE VIVO". LANCIÒ MANIFESTINI DATATI "ANNO VII DAL DELITTO MATTEOTTI". DICEVA AL RE: "DAL FONDO DELLA LORO DISPERAZIONE, QUARANTA MILIONI D'ITALIANI VI GUARDANO". DICEVA AI CITTADINI, CON MAGGIORE INTUIZIONE DELLA REALTÀ: "ANCHE TU SEI RESPONSABILE CON LA TUA INERZIA". SCOMPARVE IN MARE AL RITORNO, CADENDO DAL CIELO COME QUELL'ICARO CH'EGLI AVEVA CANTATO IN POESIA.
  21. ^ UnDo.Net - network per l'arte contemporanea
  22. ^ capitolo «L'opposizione al fascismo», incentrato su De Bosis, Camilla Ravera, don Minzoni, Giovanni Amendola - documentario della serie I giorni della nostra storia, ricostruzioni con attori non professionisti (realizzato dalla RAI, poi proiettato anche al cinema)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 19807028 LCCN: n83208430