Lauren Reed

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lauren Reed
Alias reed.png
Universo Alias
Autore J. J. Abrams
1ª app. in Due
Ultima app. in Un uomo di parola
Interpretato da Melissa George
Voce italiana Barbara De Bortoli
Specie umana
Sesso femminile
Professione Spia
Affiliazione
Parenti

Lauren Reed è un personaggio immaginario della serie televisiva Alias. È interpretata da Melissa George.

Durante la terza stagione è la moglie di Michael Vaughn nonché una spia della Convenzione, un'organizzazione terroristica nemica degli Stati Uniti d'America. Alla fine, il suo doppio gioco verrà scoperto dal marito, che la ucciderà, durante l'ultimo episodio della terza stagione.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Sebbene venga rivelato fin dall'inizio che Lauren è stata addestrata come un'agente operativa della Central Intelligence Agency a Camp Peary, il padre di Lauren, ritenendo la carriera operativa troppo pericolosa, fece sì che alla figlia venisse assegnato un lavoro da scrivania. Così, Lauren divenne un'agente non operativo del CSN, incaricata della relazione con la CIA. L'ufficio in cui lavora Lauren è lo stesso in cui lavorano suo marito e Sydney Bristow, l'ex fidanzata di Vaughn. All'inizio della terza serie, la figlia di George e Olivia Reed viene subito presentata alla fine del secondo episodio della terza serie come la moglie di Vaughn, con cui si è sposata durante i due anni in cui Sydney era sparita, considerata da tutti morta.

Lauren e Sydney hanno una relazione antagonistica fin dall'inizio: soprattutto Lauren si sente minacciata dal ritorno dell'ex-ragazza di suo marito nella loro vita. Alla fine, le due donne cominciano a collaborare e finiscono per andare in missione assieme, durante una delle quali, Lauren spara ed uccide un uomo per salvare Sydney: apparentemente, l'atto la turba molto.

Comunque, è presto rivelato che Lauren in realtà è un'agente doppiogiochista al servizio della Convenzione, passandole informazioni, molte delle quali hanno come soggetto Sydney, ottenute da Vaughn. Lauren è anche, a dispetto della sua aria da innocente, una spietata killer a sangue freddo, come dimostra uccidendo Andrian Lazarey, un diplomatico russo, nella sua prima missione conosciuta per la Convenzione. Inoltre, viene costretta ad uccidere suo padre (il senatore George Reed) per far ricadere su di lui i sospetti della CIA sulla talpa della Convenzione e per cercare di ripristinare la sua relazione con Vaughn (che si era riavvicinato a Sydney). In realtà, commossa dalle parole del padre, Lauren non riesce a premere il grilletto. Alla fine, George Reed è ucciso dalla moglie, Olivia, che interviene, rimproverando la figlia e sparando al marito. Lauren intrattiene inoltre una relazione con il suo collega Julian Sark, sia professionale che amorosa. Per scalare i gradi della convenzione, seduce ed uccide tutti i capicellula della Convenzione, e viene nominata co-direttrice della cellula nordamericana. Viene scoperta dalla CIA, e sia Michael Vaughn che Sydney Bristow sono sulle sue tracce per ucciderla, ma questo non le impedisce di entrare alla CIA (travestita da Sydney), ferire Marshall Flinkman, uccidere molti agenti con delle bombe a distanza ed uccidere un innocente automobilista, con la cui macchina fugge.

Durante il finale della terza stagione, sconfigge Sydney durante un combattimento corpo a corpo, ma interviene Vaughn che uccide Lauren. Prima di morire, Lauren rivela a Sydney che delle informazioni della CIA su di lei sono nascoste in un deposito segreto a Wittenberg. Le informazioni in questione conteneva la richiesta di Jack Bristow per uccidere Irina Derevko, la madre di Sydney.

Per ragioni non pervenute, la CIA decide di secretare la morte di Lauren, e di conservare il suo cadavere in una cripta segreta. Nell'episodio Un uomo di parola, durante la quarta stagione, Sark richiede ed ottiene di poter vedere il corpo della sua donna. Lauren Reed fa così la sua ultima apparizione in Alias come donna morta.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione