Laura Bassi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto eseguito da Carlo Vandi

Laura Maria Caterina Bassi Veratti, nota anche semplicemente come Laura Bassi (Bologna, 31 ottobre 1711Bologna, 20 febbraio 1778), è stata una fisica italiana.

Fu la seconda donna laureata d'Italia[1], la prima donna ad intraprendere una carriera accademica e scientifica in Europa e la prima donna al mondo ad ottenere una cattedra universitaria[2]

Laura Bassi
Ritratto di Laura Bassi

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Bologna, allora territorio dello Stato Pontificio, da Giuseppe Bassi, “dottore di legge” e Maria Rosa Cesari. Date le sue eccezionali doti intellettuali la famiglia riuscì ad impartirle un'educazione privata; fu infatti lo stesso medico Gaetano Tacconi[3] che richiese di prepararla in logica, metafisica, fisica e psicologia, materie che studiavano i coetanei maschi nei collegi e nelle università, che lei in quanto donna non poteva frequentare.

Il 12 maggio 1732[4], su decisione del Senato accademico e grazie ai buoni uffici del cardinale Prospero Lambertini (futuro Papa Benedetto XIV), l'Università di Bologna le conferirì la laurea in Filosofia[5] e le assegnò per la stessa materia una libera docenza. Sempre nello stesso anno venne aggregata al collegio dei Dottori di Filosofia. Il 27 giugno discusse la tesi di Filosofia Naturale[6] con lo scopo di ottenere un'altra libera docenza. Il 29 ottobre ricevette del Senato la cattedra onoraria di filosofia con uno stipendio di 500 lire. Causa sexus poté insegnare solo su permesso dei superiori, in speciali occasioni come ad esempio le visite di principi e alti prelati. Il 17 dicembre del memorabile anno 1732 Laura Bassi tenne una solenne prima lezione nel'anfiteatro di anatomia dell'Archiginnasio di Bologna.

Dal 1734 venne invitata a partecipare all'annuale cerimonia dell'Anatomia Pubblica.

Nel 1738 si sposò con il medico Giuseppe Veratti, lettore di fisica particolare nell'università, scelto anche perché le promise che non avrebbe ostacolato i suoi studi. Dalla coppia nacquero otto figli (di cui solo cinque sopravvissuti).

Nel 1745 venne nominata da Papa Benedetto XIV accademica benedettina (nonostante l'opposizione dei colleghi), con una pensione di 100 lire l'anno; il pontefice istituì per lei un 25º posto, originariamente non previsto.

Nel 1749 avviò con grande successo corsi di Fisica sperimentale. Le lezioni si tennero in casa propria, nel laboratorio allestito insieme al marito. Dal momento che a Bologna era l'unico corso sulla disciplina ed era frequentato soprattutto da studenti dell'Università, il Senato accademico ne riconobbe l'utilità pubblica e assegnò a Laura Bassi uno stipendio di 1000 lire, uno dei più alti dell'università felsinea.

Laura Bassi era una seguace delle teorie newtoniane e cercò di applicarle in molteplici campi di ricerca, in particolare alla fisica elettrica, di cui divenne, assieme con il marito, uno dei principali cultori italiani. Era inoltre a stretto contatto con Giovanni Battista Beccaria, l'abate Jean Antoine Nollet, Felice Fontana e Alessandro Volta.

Dal 1766 cominciò ad insegnare fisica sperimentale agli alunni del Collegio di Montalto delle Marche.

Grazie alla stima che si era procurata con le sue ricerche e la sua attività didattica riuscì a farsi assegnare la cattedra di professore di fisica sperimentale nell'Istituto delle Scienze finalmente senza alcuna limitazione dovuta al sesso.

Morì a Bologna nel 1778.

Presso la Biblioteca comunale dell'Archiginnasio nel fondo speciale «Laura Bassi e famiglia Veratti» sono conservati documenti relativi a Laura Bassi (lettere, dissertazioni, una medaglia d'argento e il relativo punzone) e una raccolta di documenti manoscritti che appartennero alle famiglie Veratti e Bassi.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Padroneggiava perfettamente il francese, che usava per discutere con i suoi visitatori e nelle dimostrazioni sperimentali a benficio di stranieri.

Intitolazioni e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Le è stato dedicato un cratere di 31 km su Venere[7].
  • A Bologna le è dedicato un liceo (linguistico, delle scienze sociali e musicale) già istituto magistrale e una via della città.
  • In Austria le sono stati dedicati il Quality Engineering Centre of Expertise presso l'Università di Innsbruck[8] e il Centre of Visual Analytics Science and Technology presso l'Università Tecnica di Vienna[9].
  • A Sant'Antimo (Na) nel 2012 le è stato dedicato un Liceo Scientifico, Linguistico, delle scienze umane: «Liceo Laura Bassi». Nel 2014 verranno aggiunti gli indirizzi classico, scienze applicate e socio-economico.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Dissertazioni presentate (con i relativi esperimenti) nelle sedute dell’Accademia delle scienze:

  • Sopra la compressione dell’aria (1746);
  • Sopra le bollicelle che si osservano nei fluidi (1747 e 1748);
  • Sopra l’uscita dell’acqua dai fori di un vaso (1753 e 1754);
  • Sopra alcune esperienze d’elettricità (1761);
  • Prodromo di una serie di esperienze da fare per perfezionare l’arte della tentura (1769);
  • Sopra l’elettricità vindice(1771);
  • Sopra il fuoco e la facilità dei vari fluidi di riceverlo (1775);
  • Su la relazione della fiamma all’aria fissa (1776);
  • Sopra la proprietà che hanno molti corpi, che ritenendo più degli altri il calore, ritengono più degli altri ancora l’elettricità (1777).
  • De aëris compressione;
  • De problemate quodam idrometrico;
  • De problemate quodam mecanico;
  • De immixto fluidis aëre:
  • De Bononiensi Scientiarum et Artium Instituto atque Academia Commentarii, Bononiae, L. a Vulpe, 1731-1791,

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Studi recenti:

  • Elio Melli, Laura Bassi Verati: ridiscussioni e nuovi spunti, in Alma Mater studiorum. La presenza femminile dal XVIII al XX secolo. Ricerche sul rapporto donne/cultura universitaria nell’Ateneo bolognese, Bologna, CLUEB, 1988, pp. 71-80;
  • Marta Cavazza, Riflessi letterari dell’opera di Newton: Algarotti, Manfredi e Laura Bassi, in Radici, significato, retaggio dell’opera newtoniana, a cura di G. Tarozzi e M. Van Vloten, Bologna, Società italiana di Fisica, 1989, pp. 352-366;
  • Alberto Elena, “In lode della filosofessa di Bologna”. An Introduction to Laura Bassi, “Isis”, 82 (1991), pp. 510-518;
  • Paula Findlen, Science as a Career in Enlightenment Italy. The Strategies of Laura Bassi, “Isis”, 84, (1993), pp. 441-469;
  • Gabriella Berti Logan, The Desire to Contribute: An Eighteenth Italian Woman of Science, “American Historical Review”, 99 (1994), pp. 785-812;
  • Beate Ceranski, Il carteggio tra Giovanni Bianchi e Laura Bassi, 1733-1745, “Nuncius”, 9 (1994), pp. 207-231;
  • Marta Cavazza, Laura Bassi e il suo gabinetto di fisica sperimentale: realtà e mito, “Nuncius”, 10 (1995), pp. 715-753;
  • Beate Ceranski, “Und Sie fürchet sich vor niemanden”. Über die Physikerin Laura Bassi (1711-1778), Frankfurt-New York, Campus Verlag, 1996;
  • Marta Cavazza, “Dottrici” e lettrici dell’Università di Bologna nel Settecento, “Annali di storia delle università italiane”, 1 (1997), pp. 109-125.
  • Ead., Laura Bassi “maestra” di Spallanzani, in Il cerchio della vita. Materiali di ricerca del Centro studi Lazzaro Spallanzani di Scandiano sulla storia della scienza del Settecento, a cura di W. Bernardi e P. Manzini, Firenze, Olschki, 1999, pp. 185-202.
  • Ead., Laura Bassi, in Un mondo di donne. Trecento ritratti celebri, a cura di Luise E. Pusch e Susanne Gretter, edizione italiana a cura di Maria Gregorio, Milano, Pratiche Editrice (Gruppo editoriale Il Saggiatore), 2003, p. 32.
  • Ead., Les femmes à l’académie: le cas de Bologne, in Daniel-Odon Hurel , Gérard Laudin (eds.), Académies et societés savantes en Europe (1650-1800). Paris, Honoré Champion, 2000, pp. 61-75.
  • Ead. , Bologna 1732: The Birth of a Filosofessa’ in Marta Cavazza and Paola Bertucci (eds), Laura Bassi, Miscellanea 1732, Bologna science classics online, 2003, 1-15 (con allegata versione in italiano dell’introduzione).

http://137.204.24.205/cis13b/bsco3/intro_opera.asp?id_opera

  • Paula Findlen, The Scientist’s Body: The Nature of a Woman Philosopher in Enlightenment Italy, in Lorraine Daston, Gianna Pomata (eds.), The Faces of Nature in Enlightenment Europe, Berlin, BWV – Berliner Wissenschafts Verlag, 2003, pp. 211-236.
  • Marta Cavazza, Una donna nella Repubblica degli scienziati: Laura Bassi e i suoi colleghi, in Raffaella Simili (ed.), Scienza a due voci, Firenze: Olschki, 2005, pp. 61-85.
  • Ead., Between Modesty and Spectacle: Women and Science in Eighteenth-Century Italy, in Findlen, Paula, Catherine Sama and Wendy Roworth (eds) Gender and Culture in Italy in the Age of the Grand Tour. Stanford: University of Stanford Press, 2009, pp. 275-302.
  • Bartomeu Pou I Puigserver, Bassis. A Laura Caterina Bassi, (Edició, estudi preliminar, tradució y notes: Alexandre Font Jaume), Palma (Mallorca), Lleonard Montaner, 2009.
  • Paula Findlen, Tra uomini. Laura Bassi nell’Istituto delle scienze di Bologna (1732-1778)/ Always among men: Laura Bassi at the Bologna Academy of Sciences (1732-1778), in Laura Bassi. Emblema e primato nella scienza del Settecento/Laura Bassi. Emblem and primacy in Settecento science a cura di L. Cifarelli e R. Simili, Bologna, Editrice Compositori, 2012, pp. 71-88 e 189-206.
  • Marta Cavazza, Il laboratorio di casa Bassi Veratti/ The home laboratory of the couple Bassi and Veratti, in Laura Bassi. Emblema e primato nella scienza del Settecento/Laura Bassi. Emblem and primacy in Settecento science a cura di L. Cifarelli e R. Simili, Bologna, Editrice Compositori, 2012, pp. 103-120; 217-223.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dopo la veneziana Elena Lucrezia Cornaro che, nata nel 1646 da padre di famiglia dogale, si addottorò a Padova in Filosofia il 25 giugno del 1678 ed ebbe il primato di essere la prima donna laureata al mondo.
  2. ^ Laura Bassi compie trecento anni
  3. ^ docente di Biologia, Storia naturale e Medicina
  4. ^ Scheda di dettaglio in ASFE, database della popolazione studentesca e della "peregrinatio academica", Università di Bologna.
  5. ^ Laura Bassi fu la seconda donna ad ottenere questo onore: la prima fu Lucrezia Cornaro Piscopia addottorata dell'Università di Padova nel 1678.
  6. ^ Sull'acqua come corpo e come parti di altri corpi.
  7. ^ (EN) Venus: Bassi
  8. ^ (EN) Quality Engineering Laura Bassi Centre of Expertise.
  9. ^ (EN) Centre of Visual Analytics Science and Technology.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 42647435 LCCN: n85824830 SBN: IT\ICCU\TO0V\400279