Laura Antonelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Laura Antonelli (Sessomatto, 1973)

Laura Antonelli, vero nome Laura Antonaz (Pola, 28 novembre 1941), è una attrice italiana. Ha raggiunto l'apice della popolarità negli anni settanta e ottanta, lavorando dapprima in pellicole erotiche e poi in film d'autore.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Laura Antonelli in una scena del film Le malizie di Venere.
Laura Antonelli in una scena del film Malizia.
Laura Antonelli e Turi Ferro in una scena del film Malizia.
Laura Antonelli e Alessandro Momo in una scena del film Malizia.
Laura Antonelli e i quattro membri della famiglia La Brocca in una scena del film Malizia.
Laura Antonelli nel film Sessomatto.
Laura Antonelli nel film Sessomatto.
Laura Antonelli nel film Mio Dio come sono caduta in basso!.
Laura Antonelli nel film Divina creatura.

Laura Antonelli nasce il 28 novembre 1941 a Pola, città dell'Istria, attualmente in Croazia, in una famiglia istriana. Insieme alla quasi coetanea Femi Benussi e alle più anziane Alida Valli e Sylva Koscina fa infatti parte delle "bellissime quattro" dalmato-istriane[senza fonte]. Da bambina con la sua famiglia è profuga durante l'esodo istriano. Compie gli studi superiori a Napoli, presso il Liceo Scientifico "Vincenzo Cuoco", ed in seguito si diploma presso il locale I.S.P.E.F (Istituto Superiore Pareggiato di Educazione Fisica). Trasferitasi a Roma con la propria famiglia, per un breve arco di tempo svolge l'attività d'insegnante di Educazione Fisica presso il Liceo Artistico sito in Via di Ripetta.

Dopo aver girato alcuni Caroselli per la Coca Cola ed interpretato numerosissimi fotoromanzi, diffusi anche all'estero, esordisce nel cinema interpretando piccoli ruoli in vari film, a cominciare da Il magnifico cornuto di Antonio Pietrangeli del 1964 e Le sedicenni di Luigi Petrini del 1965. La sua prima parte importante le viene offerta, nel 1969, dal regista Massimo Dallamano che la sceglie come protagonista del film Venere in pelliccia, ispirato al romanzo di Leopold von Sacher-Masoch. Ma l'occasione sfuma a causa della feroce censura del tempo, che blocca l'uscita del film, il quale sarà riproposto sei anni più tardi con il titolo Le malizie di Venere.[1] Nel 1971 raggiunge una certa notorietà, recitando nel film Il merlo maschio, interpretato al fianco di Lando Buzzanca e diretto da Pasquale Festa Campanile.

Il successo di Malizia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1973 interpreta il ruolo di una sensuale cameriera in Malizia di Salvatore Samperi, accanto a Turi Ferro ed al giovane Alessandro Momo. Il film, campione di incassi con 6 miliardi di lire, divenne un vero cult movie, entrando prepotentemente nell'immaginario erotico degli italiani e innalzando l'attrice a "icona sexy" del Belpaese, oltre a farle ottenere il Nastro d'Argento alla migliore attrice protagonista, conferitole dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani e il Globo d'oro alla miglior attrice rivelazione, premio della stampa estera.

« Sono bassina, un po' tondetta e ho le gambe piuttosto corte: chissà perché piaccio ? »
(Laura Antonelli[1])

Per Laura Antonelli si spalancarono le porte della notorietà e del guadagno e il suo cachet lievitò da 4 a 100 milioni di lire per film[2]. Nel frattempo alterna interpretazioni in film d'autore come Trappola per un lupo di Claude Chabrol, dove conosce Jean-Paul Belmondo con il quale avrà una discussa e turbolenta relazione, Sessomatto di Dino Risi e Mio Dio, come sono caduta in basso! di Luigi Comencini (per il quale vince un secondo Globo d'oro), a film totalmente centrati su di lei, come Peccato veniale sempre di Salvatore Samperi o Divina creatura di Giuseppe Patroni Griffi (in quest'ultimo la Antonelli interpreta una scena di nudo integrale della durata di ben sette minuti, un'eternità per quell'epoca).

Nel 1976 inizia a lavorare con registi che svelano il lato personale dell'attrice fino ad allora nascosto dalla sua prorompente fisicità, con il personaggio di Giuliana ne L'innocente di Luchino Visconti, nel 1977 in Gran bollito di Mauro Bolognini e nel 1981 in Passione d'amore di Ettore Scola. In seguito lavora principalmente in commedie come nel Malato immaginario e nell'Avaro, entrambi di Tonino Cervi con Alberto Sordi protagonista. Intanto prosegue anche nel filone erotico, sempre diretta da Samperi in Casta e pura (1981), al fianco di Massimo Ranieri, che tuttavia non riesce a ripetere il successo di Malizia.

Anni ottanta: Grandi Magazzini[modifica | modifica sorgente]

Per tutti gli anni ottanta lavora in film comici o sexy: è nel cast all star di Grandi magazzini di Castellano e Pipolo e al fianco di Diego Abatantuono in Viuuulentemente mia di Carlo Vanzina. Interpreta - nel 1985 - La Venexiana, tratta dall'omonima commedia del '500, accanto a Monica Guerritore ed a Jason Connery (figlio del più noto Sean Connery). Sul finire del decennio approda sul piccolo schermo con due mini-serie televisive, che riscuotono il gradimento del pubblico: Gli indifferenti (1988) e Disperatamente Giulia (1989), dirette rispettivamente da Mauro Bolognini ed Enrico Maria Salerno.

Il declino[modifica | modifica sorgente]

La parabola ascendente di Laura Antonelli si interrompe la notte del 27 aprile 1991, quando nella sua villa di Cerveteri vengono trovati 36 grammi di cocaina. L'attrice è arrestata dai Carabinieri della locale stazione ed associata alla casa circondariale di Rebibbia (Roma), dove però resta solo qualche giorno, a seguito della concessione degli arresti domiciliari.

È condannata in primo grado a tre anni e sei mesi di carcere per spaccio di stupefacenti. Nove anni dopo, nel 2000, è invece assolta dalla Corte d'appello di Roma, che la riconosce consumatrice abituale di stupefacenti, ma non spacciatrice. La legge italiana sulla droga è nel frattempo cambiata e l'assunzione di sostanze stupefacenti per uso personale, entro i limiti stabiliti dalla legge, non è più considerata reato. Ciò determina il proscioglimento di Laura Antonelli dalle accuse formulate nei suoi confronti e la non punibilità per i reati a lei ascritti.

Il desiderio di rivedere Laura Antonelli sul grande schermo, dopo le disavventure personali e giudiziarie per i fatti di droga, si concretizza nella realizzazione nel 1991 di Malizia 2000, séguito della pellicola che l'aveva resa famosa quasi venti anni prima. Il film è ancora una volta diretto da Salvatore Samperi e prodotto da Silvio Clementelli. Il commento musicale è di nuovo affidato a Fred Bongusto. L'operazione commerciale, però, non sortisce l'effetto sperato ed il film si rivela un fiasco al botteghino. I contraccolpi di questo insuccesso, unitamente alle vicende giudiziarie di cui è suo malgrado protagonista, spingono l'attrice ad abbandonare definitivamente il mondo dello spettacolo.

Nel corso della lavorazione di Malizia 2000 si sottopone alle cure di un chirurgo estetico, il quale le pratica delle iniezioni di collagene al viso, per nascondere alcuni inestetismi tipici dell'età, ma l'infausto effetto delle iniezioni al viso hanno come risultato quello di deturparne i lineamenti. Tale episodio è in seguito al centro di un processo civile, che vede contrapposta l'attrice al produttore ed al regista del film, rei di averla costretta a sottoporsi al trattamento anti-rughe, nonché al chirurgo plastico, per avere materialmente eseguito le iniezioni di collagene. Secondo i legali di Laura Antonelli i trattamenti estetici avrebbero sfigurato la propria assistita, deturpandone i lineamenti del viso, a seguito di una reazione allergica alle sostanze iniettatele. In conseguenza di ciò, ai tre viene chiesto un risarcimento di trenta miliardi di lire.

Dopo tredici anni di attesa, sulla base della relazione tecnica redatta da un pool di esperti, il Tribunale di Roma respinge la richiesta di maxi risarcimento e sentenzia che le alterazioni dermatologiche patite da Laura Antonelli non vanno ascritte alle sostanze iniettatele, bensì ad una reazione allergica nota come edema di Quincke, che non ha nulla a che vedere con il trattamento estetico praticatole. Di conseguenza, il chirurgo plastico è scagionato da ogni accusa, così come il produttore ed il regista citati in giudizio dai legali dell'attrice.

Le ripercussioni del processo per droga e l'eccessiva lentezza di quest'ultimo fanno scivolare Laura Antonelli in una condizione di profonda sofferenza psichica, che ne determina il ricovero presso il centro d’igiene mentale di Civitavecchia in più di un'occasione. Ciò spinge i legali dell'attrice a citare in giudizio il Ministero di Grazia e Giustizia, chiedendo un adeguato risarcimento da parte dello Stato italiano per la propria assistita.

Nel 2003, al termine del processo di primo grado, a Laura Antonelli viene riconosciuto un risarcimento forfettario di diecimila euro. Una somma per nulla adeguata al danno subito, sostengono i legali dell'attrice, che sottopongono il caso giudiziario ed umano della propria assistita anche alla Corte Suprema dei Diritti dell'Uomo di Strasburgo. L'estenuante iter processuale si conclude con esito favorevole per Laura Antonelli, alla quale la Corte d'Appello di Perugia, con decreto del 23 maggio 2006, riconosce un risarcimento di 108 000 euro, più gli interessi, per i danni di salute e di immagine patiti a seguito della sua odissea giudiziaria, protrattasi per nove anni.

Fondamentale ai fini della sentenza è la consulenza tecnica di Francesco Bruno, noto psichiatra specializzato in psicopatologie, il quale nella propria relazione dichiara che l'abnorme durata del procedimento giudiziario ha «senz'altro influito in modo determinante sulla destabilizzazione morale e psichica» dell'attrice. La legittimità di tale sentenza ed il conseguente risarcimento in denaro a favore di Laura Antonelli sono ribaditi e confermati in via definitiva anche dalla Corte di Cassazione, con ordinanza nr. 22280 (5 giugno - 24 ottobre 2007).

Omaggi[modifica | modifica sorgente]

Nel 2013 il cantante Simone Cristicchi le dedica una canzone chiamata per l'appunto Laura che sta a sottolineare la sua vita adesso dimenticata.

L'appello di Lino Banfi[modifica | modifica sorgente]

Il 3 giugno 2010 il popolare attore Lino Banfi lancia un appello dalle pagine del Corriere della Sera scrivendo all'allora presidente del consiglio Silvio Berlusconi e al ministro per i Beni e le Attività Culturali Sandro Bondi, chiedendo aiuto per l'amica, che si trova in una situazione di difficoltà.[3] Sebbene il ministro abbia risposto positivamente alla richiesta di Banfi, auspicando l'applicazione della legge Bacchelli, l'attrice ha fatto sapere, tramite il suo legale di non aver mai ricevuto il vitalizio e che la pratica di avviamento non risulta allo Stato istruita dal ministro.[4][5][6][7][8][9][10][11][12][13][14]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Enrico Giacovelli, La commedia all'italiana, Gremese Editore, Roma, 1995, pag.228
  2. ^ Pino Corrias, Laura Antonelli, solitudine di una stella caduta in Corriere della Sera, 28 aprile 2003. URL consultato il 1 giugno 2009.
  3. ^ L'appello di Lino Banfi: aiutiamo Laura Antonelli, dimenticata da tutti
  4. ^ Laura Antonelli, cocaina con malizia, Repubblica.it, 28 aprile 1991.
  5. ^ La Antonelli " schiava per droga ", Corriere.it, 19 febbraio 1993.
  6. ^ Laura Antonelli apre la villa di Cerveteri agli emarginati, Corriere.it, 22 aprile 1993.
  7. ^ Antonelli, in aula muore una stella, Corriere.it, 7 maggio 1993.
  8. ^ Dal set alla follia - Il viale del tramonto di Laura Antonelli, Repubblica.it, 31 ottobre 1996.
  9. ^ Crisi di nervi: Laura Antonelli in ospedale, sempre più sola, Corriere.it, 31 ottobre 1996.
  10. ^ «Processo lungo» Risarcimento per Laura Antonelli, Corriere.it, 26 ottobre 2007.
  11. ^ I titoli dei film di Laura Antonelli sembrano i capitoli della sua vita, Il Tempo.it, 15 agosto 2008.
  12. ^ Laura Antonelli: dimenticatevi di me, Corriere.it, 3 giugno 2010.
  13. ^ Laura Antonelli: dimenticatemi "Voglio solo vivere serena", Repubblica.it, 3 giugno 2010.
  14. ^ Laura Antonelli, la sua vita diventa un film, Il Messaggero.it, 30 gennaio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 90301702 LCCN: no95042206 SBN: IT\ICCU\RAVV\091242