Laugh-O-Gram Studio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Laugh-O-Gram Studio
Laugh-o-gram 2010.JPG
Il Laugh-O-Gram Studio nell'agosto 2010
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Fondazione 1922 a Kansas City (Missouri)
Fondata da Walt Disney
Chiusura 1923
Persone chiave Walt Disney
Settore cinema
Newman Laugh-O-Gram
Jack the Giant Killer

Il Laugh-O-Gram Studio è stato uno studio cinematografico situato al secondo piano del McConahay Building alla 1127 East 31st in Kansas City, Missouri.

Lo studio svolse un ruolo importante nei primi anni dell'animazione: fu la patria di molti dei pionieri dell'animazione, portati lì da Walt Disney, e si dice che sia il posto che fornì a Disney l'ispirazione per creare Topolino.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel maggio 1922, Disney fondò la Laugh-O-Gram Films con 15,000 dollari. La società ottenne un contratto da 11.000 dollari per produrre sei favole a cartoni per la Pictorial Clubs Inc., che andò in bancarotta; una settima favola venne loro venduta separatamente. Tra i dipendenti di Disney sulla serie c'erano diversi pionieri dell'animazione: Ub Iwerks, Hugh Harman, Rudolph Ising, Carmen Maxwell e Friz Freleng.

La società ebbe dei problemi di quadratura del bilancio: alla fine del 1922, Disney viveva in ufficio e faceva il bagno una volta a settimana alla Union Station.

Thomas McCrum, un dentista di Kansas City, lo salvò dal fallimento totale quando commissionò a Disney per 500 dollari per Tommy Tucker's Tooth,[1] un cortometraggio che mostra i vantaggi di lavarsi i denti.[2]

Dopo aver creato un ultimo cortometraggio, Il Paese delle Meraviglie di Alice (che univa animazione e live-action), lo studio presentò istanza di bancarotta nel luglio 1923. Disney si trasferì a Hollywood e vendette la sua macchina da presa per guadagnare abbastanza soldi per un biglietto di sola andata in treno, portando con sé una bobina incompiuta de Il Paese delle Meraviglie di Alice.

La sorte dell'edificio[modifica | modifica sorgente]

Il Laugh-O-Gram Studio nel 2004

L'edificio dello studio è caduto in rovina e un gruppo non-profit chiamato "Thank You, Walt Disney." sta facendo degli sforzi per ripristinarlo. La famiglia Disney ha promesso 450.000 dollari in fondi per il restauro. Nel 2009 l'esterno venne restaurato e l'edificio stabilizzato. "Thank You, Walt Disney" sta attualmente raccogliendo soldi per metterci dentro un museo (per mostrare ciò che gli animatori usavano per fare le Laugh-O-Grams, esporre altre cose di Disney e per raccontare la storia della vita di Walt Disney a Kansas City), un cinema (per rieditare vecchie Laugh-O-Grams) e un centro di educazione (per parlare alla gente e ai bambini dell'animazione e insegnare loro fare le proprie animazioni).

Ispirazione per Topolino[modifica | modifica sorgente]

Disney in seguito disse agli intervistatori di essersi ispirato per disegnare Topolino da un topo addomesticato sulla sua scrivania al Laugh-O-Gram Studio a Kansas City, Missouri.

"Erano soliti lottare per le briciole nel mio cestino dei rifiuti, quando lavoravo da solo a tarda notte. Io li tirai su e li tenni in gabbie di filo sulla mia scrivania. Mi affezionai particolarmente a un topo domestico marrone. Era un tipo un po' timido. Toccandolo sul naso con la matita, lo addestrai a correre all'interno di un cerchio nero che avevo disegnato sul mio tavolo. Quando lasciai il Kansas per tentare la fortuna a Hollywood, mi dispiacque lasciarlo. Così lo portai in un cortile, facendo attenzione che fosse un bel quartiere, e il piccoletto domato corse verso la libertà".[3]

Nel 1928, durante un viaggio in treno a New York, Disney mostrò il disegno a sua moglie Lillian, dicendo che stava per chiamarlo "Mortimer Mouse". Ella gli rispose che il nome suonava "troppo effeminato" e propose di sostituirlo con "Mickey Mouse".[3]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Delle sette originali favole Laugh-O-Grams, quattro sono presenti come contenuti speciali nel Blu-ray Disc de La bella e la bestia: Cappuccetto Rosso, I musicanti di Brema, Il gatto con gli stivali e Cenerentola (tutti del 1922). A causa della loro data di pubblicazione, tutti i 10 cortometraggi prodotti dallo studio sono di pubblico dominio.

Le favole mancanti erano Jack and the Beanstalk, Jack the Giant Killer e Goldie Locks and the Three Bears (tutti del 1922). Il 14 ottobre 2010 lo storico dell'animazione David Gerstein ha annunciato che copie di tutti e tre i cortometraggi sono state trovate.[4][5] Per moti anni si è creduto che i due cartoni di Jack fossero lo stesso, finché il ricercatore John Kenworthy non trovò dei vecchi fogli di attività dello studio che confermarono che erano due corti separati.[6]

Year Film
1921 Newman Laugh-O-Grams
1922 Cappuccetto Rosso (Little Red Riding Hood)
1922 I musicanti di Brema (The Four Musicians of Bremen)
1922 Jack and the Beanstalk
1922 Jack the Giant Killer
1922 Goldie Locks and the Three Bears
1922 Il gatto con gli stivali (Puss in Boots)
1922 Cenerentola (Cinderella)
1922 Tommy Tucker's Tooth
1923 Il Paese delle Meraviglie di Alice (Alice's Wonderland)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tommy Tucker's Tooth at The Encyclopedia of Disney Animated Shorts
  2. ^ Capturing the Disney Magic Every Day of Your Life by Pat Williams ISBN 0-7573-0231-9
  3. ^ a b Walt Disney: Conversations (Conversations With Comic Artists Series) by Kathy Merlock Jackson with Walt Disney " ISBN 1-57806-713-8 page 120
  4. ^ Ramapith: David Gerstein's Prehistoric Pop Culture Blog: Lost Laugh-O-Grams Found—And Shown
  5. ^ Lost Disney “Laugh-O-Grams” at MoMA | Cartoon Brew
  6. ^ The Hand Behind the Mouse by John Kenworthy ISBN 978-0-7868-5320-5 page 18