Latynka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scritta in polacco in una chiesa di Buchach, vicino Leopoli in Ucraina

Il Latynka è la lingua ucraina scritta coll'alfabeto latino. L'alfabeto latino ucraino si è sviluppato nell'occidente dell'Ucraina intorno a Leopoli (Lvov), città appartenuta storicamente all'Austria Ungheria ed alla Polonia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La lingua ucraina è stata scritta nell'alfabeto latino dal XVI secolo. Le prime versioni somigliavano molto all'alfabeto polacco, poiché l'Ucraina centro-occidentale fece parte della Polonia nel Seicento, assimilandone parzialmente la scrittura.

Nell'Ottocento un prete ucraino, Josyp Łozynski Ivanovyč, autore della pubblicazione "Ruskoje wesile", nel 1834 tentò di promuovere ufficialmente l'alfabeto latino in Ucraina.

Successivamente, quando l'Ucraina occidentale passò sotto l'Impero asburgico, gli Ucraini locali furono sottoposti ad un tentativo di occidentalizzazione condotto sotto la supervisione di Josef Jirecek nel 1859. Questo tentativo riguardava anche l'uso dell'alfabeto latino, ma fu un fallimento poiché originò il rigetto degli Ucraini che lo vedevano come uno strumento nazionalistico per farli diventare "Polacchi". Il fatto poi che i Polacchi e gli Austriaci che promuovevano l'alfabeto latino fossero cattolici, aumentò il rifiuto degli ortodossi -che erano la maggioranza degli Ucraini- ad accettare il Latynka al posto del cirillico.[1]

La "Repubblica Nazionale dell'Ucraina Occidentale" -in verde scuro nella mappa- nel 1919 ufficializzò l'alfabeto latino ucraino

Dopo la prima guerra mondiale fu creata nell' Ucraina occidentale la Repubblica Nazionale dell'Ucraina Occidentale, dove fu ufficializzato anche l'uso dell'alfabeto latino ucraino. Nel 1919 furono stampate nella capitale Leopoli (Lvov) i primi quattro francobolli della repubblica, coll'iscrizione "Zakhidno-Ukrainska Narodna Republika". Questa piccola repubblica scomparve dopo circa un anno, assimilata parzialmente dall'Unione Sovietica che reimpose il cirillico.

Nel 1927 i linguisti Tkačenko, Johansen e Nakonečnyj in una conferenza a Karkov proposero per l'ultima volta l'uso del Latynka per la lingua ucraina, ma ricevettero il rifiuto definitivo dal regime sovietico specialmente dopo l'ascesa al potere di Stalin.

Tra il 1941 ed il 1944, nei territori ucraini sottomessi ai Tedeschi ed ai Romeni fu favorito l'uso dell'alfabeto latino, anche se non fu ufficializzato il Latynka.

Una delle conseguenze della rivoluzione arancione dell' Ucraina nel 2004 è stata la discussione sulla possibilità di "occidentalizzare" vari settori ed aspetti dell' Ucraina post-sovietica.[2] Uno di questi aspetti promossi dal gruppo politico di Viktor Juščenko riguardava l'alfabeto della lingua ucraina, basato sul cirillico, usando al suo posto il Latynka oppure una versione molto simile chiamata "Euro-Ukranian".

Alfabeto Latynka[modifica | modifica wikitesto]

L'alfabeto Latynka è praticamente uguale a quello usato in Polonia ed è simile all'alfabeto della Bielorussia detto Lacinka.

Alfabeto latino ucraino (Latynka)
A a B b C c Ćć Czcz D d Ďď Ee Ff Gg
Hh Ii Jj Kk Ll Łł Mm Nn Ńń Oo
Pp Rr Ŕŕ Ss Śś Szsz Tt Ťť Uu Ww
Yy Zz Źź Žž

Esempio di scritto in alfabeto latino ucraino:

Latynka

Vsi ľudy narodžujuťśa viľnymy i rivnymy u svojij hidnosti ta pravach. (Deklaracija Zahaľnych Sprav Ľudyny, Statťa 1)

Cirillico

Всі люди народжуються вільними і рівними у своїй гідності та правах. (Від Декларації Загальних Справ Людини, Стаття 1)

Italiano

Tutti gli uomini nascono liberi ed uguali in dignità e diritti. (Dichiarazione Universale dei Diritti del'Uomo, articolo 1)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Alphabet War (la guerra dell'alfabeto)
  2. ^ L'Ucraina di Viktor Juschenko

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Chornovol, Ihor. The Latin alphabet in Ukrainian orthography: retrospective and perspective. "Ji" Magazine, # 23. Kiev, 2001.
  • Daniels, Peter. The World's Writing Systems. Oxford University Press. Oxford, 1996. ISBN 0-19-507993-0.
  • Kubijovyč, Volodymyr. Ukrainian Writing and Orthography (in "Ukraine: A Concise Encyclopædia", vol 1, pp 511–520). University of Toronto Press. Toronto, 1963. ISBN 0-8020-3105-6.
  • Pachlovska, O. Civiltà letteraria ucraina. Editoriale Carocci. Roma, 1998.
  • Pugh, Simon. Ukrainian: a Comprehensive Grammar. Routledge. London, 1999.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]