Larix sibirica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Larice siberiano
Siberian-larch.jpg
Larice siberiano ai Giardini Botanici di Moltreal
Stato di conservazione
Status iucn2.3 LC it.svg
Basso rischio (lc)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Pinophyta
Classe Pinopsida
Ordine Pinales
Famiglia Pinaceae
Genere Larix
Specie L. sibirica
Nomenclatura binomiale
''Larix sibirica''
Ledeb.

Il Larice Siberiano o Larice Russo (Larix sibirica; sin. L. russica) è un albero molto resistente al freddo nativo della Russia orientale, dai confini con il territorio finlandese fino alla valle del fiume Enisej nella Siberia centrale, ove tende a formare esemplari ibridi incrociandosi con la specie affine Larix gmelinii della Siberia orientale; questo ibrido è conosciuto come Larix × czekanowskii.

Morfologia e portamento[modifica | modifica wikitesto]

È una conifera decidua con portamento medio-grande raggiungendo altezze comprese fra i 20 ed i 40 metri, con diametro del tronco anche superiore al metro. La chioma, conica negli esemplari giovani, diviene cilindrica negli adulti; i rami principali si trovano a livello del suolo, mentre i rami secondari sono spesso pendenti. Le gemme sono dimorfe, dando origine a macroblasti della lunghezza di 10–50 cm ricoperti da numerose gemme e brachiblasti lunghi appena uno o due millimetri e portanti una sola gemma.
Può essere facilmente distinto dal Larice Europeo (Larix decidua) dalla lanuggine che ricopre i rametti (assente nelle altre specie). Gli aghi sono lunghi 2–4 cm e diventano di colore giallo acceso prima di cadere in autunno, lasciando i pallidi rametti giallastri spogli fino alla primavera successiva.

Strobili[modifica | modifica wikitesto]

I coni maschili e femminili nascono separatamente sulla stessa pianta; l'impollinazione avviene all'inizio della primavera. I coni maschili sono solitari, gialli, da globosi ad oblunghi, di 4–8 mm di diametro, e producono granuli di polline privi di vele. I coni femminili maturi sono eretti, conici-ovoidali, lunghi 2–4 cm; verdi con sfumature rosse quando immaturi, tendono al marrone a maturità; si aprono rilasciando i semi alati 4-6 mesi dopo la fecondazione. I vecchi coni tipicamente rimangono appesi all'albero per molti anni, divenendo grigio scuro. La produzione di semi inizia all'età di 10-15 anni.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Il legno molto resistente alla muffa viene utilizzato per la produzione di pali e traversine ferroviarie.
Viene coltivato anche in Canada e nel nord degli Stati Uniti in quantità limitata, piantato per la prima volta nel 1806. Cresce più rapidamente di molte altre conifere nelle regioni fredde, ma richiede altre sì una piena illuminazione. Quando cresce in piantagioni, gli alberi richiedono molto spazio ed è sempre richiesto un intensivo diradamento.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica