Large Zenith Telescope

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Large Zenith Telescope (LZT) è un telescopio realizzato vicino a Vancouver in Canada ed è frutto di una collaborazione fra astronomi francesi e canadesi.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Il Large Zenith Telescope è un telescopio molto particolare, infatti esso è avviluppato da gas velenosi che causano danni progressivi del cervello e dei reni; può puntare solo verso l'alto, lungo la verticale, e se si rovesciasse, creerebbe immediatamente un disastro ecologico.

Tutto questo accade in quanto lo specchio, con un diametro di 6 metri, è realizzato interamente con il mercurio. Si tratta certamente di una soluzione molto particolare ma la sua validità è giustificata, in parte, dal bassissimo costo realizzativo, pari ad appena 500 000 dollari.

Principi di funzionamento[modifica | modifica sorgente]

Un liquido in rotazione assume naturalmente la forma di una parabola (anzi più precisamente di un paraboloide), mentre il vetro (utilizzato per gli specchi dei telescopi tradizionali) richiede una lavorazione costosa e supporti adeguati anche solo per approssimarla.

A partire dagli annì ottanta, gli astronomi hanno costruito numerosi telescopi estremamente economici usando il mercurio, l'elemento più riflettente che si conosca; il più grande di questi è appunto il Large Zenith Telescope. L'LZT contiene 28 litri di mercurio in un grande contenitore che ruota ogni 8,5 secondi. Dato che un tradizionale cuscinetto meccanico avrebbe avuto un movimento troppo irregolare e non esistono cuscinetti ad aria di simili dimensioni disponibili in commercio, il gruppo ha dovuto progettare i propri. Ciò nonostante, l'osservatorio sarebbe costato centinaia di volte di più se avesse avuto uno specchio di vetro.

Il fatto di poter puntare solo verso l'alto può sembrare una grave limitazione. Ma è una configurazione del tutto adeguata per studiare campioni rappresentativi di stelle, galassie e anche la "spazzatura spaziale" in orbita attorno alla Terra. Sincronizzando la velocità di uscita del CCD con la velocità di rotazione della Terra, il telescopio può inseguire elettronicamente gli oggetti mentre si muovono attraverso il campo visuale. Anche il mercurio non è un problema così grave come si potrebbe pensare. Esso si ossida a contatto con l'aria, intrappolando parzialmente i vapori velenosi. Per sicurezza, nessuno può avvicinarsi allo specchio durante il funzionamento, e l'edificio è sigillato per contenere ogni perdita.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

astronomia Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica