Larache

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Larache
città
العراىش
Larache – Veduta
Localizzazione
Stato Marocco Marocco
Regione Tangeri-Tétouan
Provincia o prefettura Larache
Amministrazione
Sindaco Mohamed Aït Si Mbarek
Territorio
Coordinate 35°11′N 6°09′W / 35.183333°N 6.15°W35.183333; -6.15 (Larache)Coordinate: 35°11′N 6°09′W / 35.183333°N 6.15°W35.183333; -6.15 (Larache)
Abitanti 107 371 (2004)
Altre informazioni
Cod. postale 92000
Fuso orario UTC+0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Marocco
Larache

Larache (in arabo: العراىش, al-ʿArāʾish) è una città del Marocco, capoluogo della provincia omonima nella regione di Tangeri-Tétouan, nel Nord del Marocco. È ad 86 km da Tangeri, ed ha un importante porto fluviale. Larache è anche conosciuta come al-Araish o El Araïch.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nei pressi di Larache si trovano le rovine di Lixus, porto punico e romano, dall'altra parte del fiume Loukos. Nel Basso Medioevo, Larache venne fondata a seguito della conquista araba.

Documenti portoghesi del XV secolo citano Larache come del maggiore porto del Marocco. Ma nel 1491 i portoghesi provenienti da Arzila e Tangeri evacuarono la città, che rimase disabitata finché il Sultano di Fes, Muḥammad al-Saʿīd al-Shaykh la ripopolò costruendo una fortezza sopra il fiume Loukos e fortificando il porto.

Per parecchio tempo i tentativi di portoghesi, spagnoli e francesi di conquistare la città non diedero frutti. La Kasbah, costruita nel 1491 da Mulay al-Nasser, si trasformò in una roccaforte pirata. Nel 1610 Larache venne conquistata dagli spagnoli che rimasero fino al 1689 limitandosi però al controllo del porto senza mai amministrarla veramente. Mulay Isma'il infine la riportò sotto il controllo musulmano nel 1689 e resse ai successivi attacchi. Dal 1911 al 1956 Larache ritornò sotto il controllo spagnolo all'interno del Marocco spagnolo.

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Oggi la città conta una popolazione di circa 117.000 abitanti.

La parte centrale è tipicamente araba, con la medina costruita nel 1491, mentre la parte più nuova risente delle influenze architettoniche andaluse.

Numerosi quartieri sono apparsi alla periferia della città. Il più grande oggi in costruzione è il quartiere di "al-Maghrib al-jadīd" ("il nuovo Marocco"), che offre ampie prospettive di sviluppo alla città.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il luogo più animato della città è il quartiere attorno alla Plaza de Espana, o Place de la Libération, di stile andaluso, bordata di numerosi caffè. Sulla piazza, la porta di Bab el Khemis (porta del mercato del giovedì) delimita una delle entrate della vecchia medina, e da sulla piazza del mercato, lunga e stretta, lo Zoco de la Alcaiceria.

A duecento metri da Plaza de Espagna,in direzione contraria rispetto alla medina, si trova il mercato coperto, in stile arabo-andaluso, ristrutturato a partire dal 2002.

Nel cimitero spagnolo, nei pressi del faro, si trova la tomba di Jean Genet (1910-1986), scrittore francese, cittadino onorario di Larache.

Larache è circondata da foreste di pini, eucalipti e querce da sughero. Un'ampia area, frutto di un rimboschimento iniziato negli anni '60, copre il settore a sud della città, parallelo al mare, tra i terreni liberati dall'ex-bidonville e i quartieri dell'interno.

La spiaggia, situata sull'altra riva del fiume, è accessibile a piedi, con un transito in barca a remi dal porto, o in bus/auto passando sul ponte sul Loukkos (10 km).

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

La città di Larache ospita ogni anno il "Triathlon di Larache", attorno a metà giugno.

Associazioni[modifica | modifica wikitesto]

Più di trecento associazioni lavorano in città. Tra queste:

  • l'Association d'Ecrivains Marocains en Langue Espagnole (AEMLE)
  • l'Association DECOL
  • l'Association ECODEL
  • Acharif al-Idrissi
  • Larache al-Mada
  • Arrisala
  • la compagnia teatrale Lixa,
  • Association Jeunesse Scolaire larache,
  • Association Education developpement A.T.T,
  • Espace des Jeunes sans Frontiere J.E.S.A.F
  • Union General des Etudiants marocains

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]