Calvatia gigantea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Langermannia gigantea)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Calvatia gigantea
Riesenbovist auf Susten.jpg
Calvatia gigantea
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Agaricomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Agaricaceae
Genere Calvatia
Specie C. gigantea
Nomenclatura binomiale
Calvatia gigantea
(Batsch) LLoyd, 1904
Sinonimi
  • Bovista gigantea (Batsch) Gray, 1821
  • Calvatia gigantea (Batsch) G. Cunn., 1926
  • Globaria gigantea (Batsch) Quél, 1873
  • Langermannia gigantea (Batsch) Rostk., 1839
  • Lasiosphaera gigantea (Batsch) F. Šmarda, 1958
  • Lycoperdon giganteum Batsch, 1786
Caratteristiche morfologiche
Calvatia gigantea
Cappello no disegno.png
Cappello no
Smooth icon.png
Imenio liscio
No gills icon.svg
Lamelle no
Brown spore print icon.png
Sporata marrone
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Immutabile icona.png
Carne immutabile
Mycorrhizal ecology icon.png
Micorrizico
Foodlogo.svg
Commestibile

Calvatia gigantea (Batsch) Lloyd, 1904 è un fungo appartenente alla famiglia Agaricaceae[1] che può raggiungere dimensioni ragguardevoli. Sono stati ritrovati esemplari fino a 20-25 kg e raggiungenti 1 m di diametro.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Da gigantea = "gigante", per le dimensioni enormi che può raggiungere.

Descrizione della specie[modifica | modifica wikitesto]

C. gigantea

Corpo fruttifero[modifica | modifica wikitesto]

Subgloboso, tondeggiante, 10-50 cm di diametro; parte esterna (esoperidio) liscia, fragile, biancastra, fugace; parte interna (endoperidio) fragile, biancastra o grigio-giallastro, frammentandosi evidenzia la gleba.

Carne[modifica | modifica wikitesto]

Bianca nel fungo giovane, pulverulenta e giallo-verdognola nel fungo maturo.

  • Odore: forte, fungino, non da tutti apprezzato.
  • Sapore: gradevole, fungino.

Caratteri microscopici[modifica | modifica wikitesto]

Spore

Globose o tondeggianti, brevemente apicolate, verrucose, di colore bruno-tabacco in massa, 3-5,5 x 3-5 µm.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Si riproduce in estate-autunno, tra l'erba di giardini, parchi, luoghi incolti e pascoli.

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Buona da giovane, quando la carne (gleba) è ancora soda e bianca.
Si presta bene ad essere consumato tagliato a fette alla piastra, oppure impanato.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica wikitesto]

  • Bovista gigantea (Batsch) Gray, A Natural Arrangement of British Plants (London) 1: 583 (1821)
  • Calvatia gigantea (Batsch) G. Cunn., Trans. Proc. N.Z. Inst. 57: 192 (1926)
  • Globaria gigantea (Batsch) Quél., Mém. Soc. Émul. Montbéliard, Sér. 2 5: 370 (1873)
  • Langermannia gigantea (Batsch) Rostk., in Sturm, Deutschl. Fl., 3 Abt. (Pilze Deutschl.) 3: 23 (1839)
  • Lasiosphaera gigantea (Batsch) F. Šmarda, Fl. ČSR, Gasteromycet.: 308 (1958)
  • Lycoperdon giganteum Batsch, Elenchus fungorum, cont. prim. (Halle): 237 (1786)[2]
Esemplare di forma irregolare

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Calvatia gigantea in Index Fungorum, CABI Bioscience.
  2. ^ Calvatia gigantea. URL consultato il 13 febbraio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia