Landing Craft, Mechanized

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lcm-8 1972.jpg
Descrizione generale
Tipo mezzo da sbarco a motore
Classe LCM(8)
Entrata in servizio 1959
Caratteristiche generali
Stazza lorda 113,2 tsl
Lunghezza 22,5 m
Larghezza 6,4 m
Pescaggio 1,23-1,6 m
Propulsione diesel:
  • 2 motori Detroit 12V-71 da 680hp
  • 2 eliche
Velocità 12 nodi
Autonomia 190 miglia a 9 nodi
Equipaggio 5 uomini
Armamento
Armamento artiglieria:

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

I Landing Craft, Mechanized (LCM) sono stati i più diffusi mezzi da sbarco dell'intera storia, non soltanto della seconda guerra mondiale. Erano goffi 'scatoloni' metallici, con motore diesel e rampa di carico anteriore. Potevano trasportare squadre di fanteria o un carro medio. L'acronimo LCM nasce per il primo modello britannico e venne usato anche come hull classification symbol (simbolo di classificazione di scafo) della US Navy.

Dopo i primi modelli, LCM (modello 1) costruito in Gran Bretagna e il suo omologo LCM (modello 2) costruito negli USA, il modello LCM(3) venne riprogettato per una capacità doppia rispetto ai primi, prodotto per i Marines USA in 8600 esemplari. Dopo di che arrivarono in produzione LCM(modello 4) e LCM(modello 6) in 2700 esemplari, mentre il modello LCM(5) risultò invece un fallimento. Il modello LMC(7) era invece l'ultimo della serie, costruito dalla Gran Bretagna con dimensioni aumentate.

Infine il modello LCM-8 fu realizzato a partire dal 1959.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

LCM (1)[modifica | modifica sorgente]

Il Landing Craft Mechanical Mark I fu il primo modello britannico, testato nel 1920 e utilizzato a partire dal 1924 in esercitazioni.[1]

I Landing Craft Mechanical Mark I, costruiti in 600 esemplari, furono utilizzati durante la Campagna Norvegese e nel Raid su Dieppe.

LCM (2)[modifica | modifica sorgente]

  • Dislocamento: 29 tonnellate
  • Lunghezza: 14 metri
  • Larghezza: 4,3 metri
  • Pescaggio: 4 metri
  • Velocità: 8,5 Nodi
  • Armamento: 2 mitragliatrici pesanti Browning M2
  • Equipaggio: 6 uomini
  • capacità: 100 uomini o 1 carro armato da 13,5 tonnellate o 15 tonnellate di materiali se usato come mototrasporto/cargo

Furono circa 150 gli esemplari costruiti.

LCM (3)[modifica | modifica sorgente]

Sono stati due i tipi costruiti:

  • BUREAU

Capacità di trasporto 54000 kg di cargo.

  • Higgins

In apparenza molto simili agli LCVP con il vano di carico largo 3 metri e una leggera corazzatura poppiera sopra il locale motore, erano capaci di trasportare un singolo carro armato da 30 tonnellate come uno M4 Sherman), 60 uomini, 27000 kg di carico. Un LCM-3 è preservato come museo a Fall River nel Massachusetts.[4]

LCM (4)[modifica | modifica sorgente]

modello britannico di LCM

LCM (5)[modifica | modifica sorgente]

modello britannico di LCM

LCM (6)[modifica | modifica sorgente]

Gli LCM Mark VI erano degli LCM Mark III) allungati di 1,8 metri a metà imbarcazione.

  • Propulsione: 2 motori diesel Detroit 6-71 da 348hp con doppia elica o 2 motori diesel Detroit 8V-71 da 460hpcon doppia elica.
  • Dislocamento: 64 tonnellate
  • Lunghezza: 17,1 metri
  • Larghezza: 4,3 metri
  • Velocità: 9 Nodi
  • Displacement: 64 tons (65 metric tons) full load
  • Autonomia: 130 miglia a 9 nodi
  • Equipaggio: 5 uomini
  • capacità: 80 uomini, o 34 tonnellate da cargo

LCM (7)[modifica | modifica sorgente]

modello britannico di LCM

LCM (8)[modifica | modifica sorgente]

Gli LCM-8 ("Mike Boat") sono delle imbarcazioni utilizzate dalla US Navy nel corso della guerra del Vietnam. Attualmente vengono utilizzati per organizzazioni sia governative che private in tutto il mondo. Possono trasportare 200 uomini o un carico di 54,5 tonnellate o un carro armato medio M48 o M60.

I primi esemplari sono entrati in servizio nel 1959. Esiste una versione modificata, per trasporto di Lanciafiamme, denominata Zippo. Oltre che nel Vietnam queste imbarcazioni sono stati utilizzate nell'invasione statunitense di Panama, nelle operazioni Desert Shield e Desert Storm, nella missione UNITAF in Somalia, nella missione UNMIH ad Haiti.

L'Australia dispone di una versione modificata di queste imbarcazioni, che hanno preso parte alla invasione dell'Iraq e in missioni di Peacekeeping nella Regione autonoma di Bougainville e nelle Isole Salomone.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ William F. Buckingham, D-Day the First 72 hours Tempus Publishing, Stroud. 2004
  2. ^ The Boats : French riverine craft
  3. ^ Norman Friedman U.S. Amphibious Ships and Craft: An Illustrated Design History Naval Institute Press, 2002 9781557502506
  4. ^ Exhibits at Battleship Cove

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina