Lamberto di Toscana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lamberto di Toscana, o di Tuscia (IX secolo938), conte e duca di Lucca, fu marchese di Toscana dall'929 all'931.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lamberto fu il secondogenito di Adalberto II di Toscana e di Berta di Lotaringia (863-925), figlia di Lotario II di Lotaringia. Succedette alla morte di suo fratello maggiore, Guido, avvenuta nel 928 o nel 929 senza lasciare eredi, come conte e duca di Lucca e margravio di Toscana.

Nell'anno 931, prima del 17 ottobre, Ugo, Re d'Italia, rimosse Lamberto, e dette la Toscana e i possessi familiari di Lucca a suo fratello, Boso. Ugo era fratellastro di Guido e Lamberto, in quanto ebbero la stessa madre. Quando Guido morì, Ugo ne sposò la vedova, Marozia, senatrice ed esponente della potente famiglia di origine longobarda dei Tuscolo. Furono uniti in matrimonio[1], a Roma, dal papa Giovanni XI, figlio di Marozia e del defunto papa Sergio III.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per poter celebrare il matrimonio, Ugo fece dichiarare che i suoi due fratellastri Guido (la legge di quel tempo non permetteva di sposare la vedova del proprio fratellastro) e Lamberto non erano figli di Berta, la loro comune madre.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Margravio di Toscana Successore
Guido di Toscana 929-931
Boso di Toscana