Lakka Souliou

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lakka Souliou
frazione
Λάκκα Σουλίου
Dati amministrativi
Stato Grecia Grecia
Periferia Epiro
Unità periferica Giannina
Comune Dodoni
Territorio
Coordinate 39°24′N 20°47′E / 39.4°N 20.783333°E39.4; 20.783333 (Lakka Souliou)Coordinate: 39°24′N 20°47′E / 39.4°N 20.783333°E39.4; 20.783333 (Lakka Souliou)
Superficie 158,935 km²
Abitanti 3 552 (2001)
Densità 22,35 ab./km²
Altre informazioni
Prefisso 26540
Fuso orario UTC+2
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Grecia
Lakka Souliou
Sito istituzionale

Lakka Souliou (in greco: Λάκκα Σουλίου) è un ex comune della Grecia nella periferia dell'Epiro (unità periferica di Giannina) con 6.502 abitanti secondo i dati del censimento 2001.[1]

È stato soppresso a seguito della riforma amministrativa, detta piano Kallikratis, in vigore dal gennaio 2011[2] ed è ora compreso nel comune di Dodoni.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Origini[modifica | modifica sorgente]

Il centro di Lakka Souliou è stato abitato sin dal neolitico, come testimoniano i reperti rinvenuti nell'area (asce in granito e pietra focaia, rame e ferro armi, vasi di argilla). Sono presenti diverse acropoli, antiche tombe e monete epiriote. Nel V secolo a.C., i Molossi ha iniziato a rafforzare e sotto il regno di Tharrhypas, nel 429 a.C., che ha calpestato e sicuramente parato il tesproti dalla regione. Durante il regno di Tharrypas e suo figlio Alcetas I (390 - 370 a.C. ), i molossi molosso fondato la Lega, nel 385 a.C., con l'unione delle Chaonians e tesproti. Questo campionato è cresciuto di essere la Lega epirota nel 325 a.C., parte del quale è stata la regione di Lakka Souliou.

Medioevo e età Moderna[modifica | modifica sorgente]

Durante la dominazione bizantina Lakka Souli ha subito le varie incursioni e dopo la quarta crociata e la conquista di Costantinopoli nel 1204, entrò a far parte del Despotato dell'Epiro. Nel 1449, la regione e tutto l'Epiro cadde sotto il dominio ottomano. Per gli abitanti iniziò una lotta incessante contro i turchi ottomani e poi, nel XVII secolo, hanno formato la Confederazione Souliota, una confederazione autonoma domina un gran numero di villaggi tra loro vicini, dove hanno opposto a lungo resistenza al dominio ottomano. Nel 1611, li abitanti di Laikka prendono parte a una rivolta contadina con l'obiettivo di liberare la Ioannina. Durante gli attacchi degli Ottomani contro Souli nel 1732 - 1778 e 1792 - 1803, Lakka Souliou fungeva da avamposto della confederazione dei Souliotes, e lo stesso Alì Pascià di Tepeleni ha voluto occupare quest'area proprio per la sua posizione strategica. Dopo la caduta di Suli, Alì Pashà concede alcune terre della regione ai suoi militi. Lakka Souliou è stata infine liberata nel 1913. Molti abitanti hanno partecipato alla guerra greco-turca (1919-1922) e alcuni sono stati decorati per il loro coraggio.

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Censimento 2001. URL consultato il 2 maggio 2011.
  2. ^ piano Kallikratis. URL consultato il 2 maggio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Grecia Portale Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Grecia