Lakenvelder

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lakenvelder
Lakenvelder cockerel.jpg
Informazioni generali
Stato conservativo Medio
Paese di origine Olanda o Germania
Classificazione internazionale
EE Riconosciuta
FIAV Riconosciuta
Caratteristiche
Peso femmine 1,800
Peso maschi 2,400
Colorazioni Bianco nera
Colore uova Bianco
Tipo di cresta Semplice
Note La sua colorazione non è presente in nessun'altra razza.

Lakenvelder è una vecchia razza leggera di pollo di origini nordeuropee, caratterizzata da un piumaggio parzialmente bianco e nero "a contrasto", colorazione presente solo in questa razza e che quindi la rende unica. Le origini della razza non sono molto chiare, e sia l'Olanda che la Germania rivendicano la sua paternità. È un classico pollo di tipo campagnolo, con una spiccata attitudine alla produzione di uova. Oggi la Lakenvelder viene allevata principalmente per le esposizioni avicole, e ne è stata creata anche una versione in miniatura.

Origini[modifica | modifica sorgente]

Le origini della razza sono piuttosto controverse, visto che polli caratterizzati dal piumaggio a contrasto bianco e nero sono menzionati sia dalla letteratura olandese che da quella tedesca, pertanto esistono varie versioni riguardanti la nascita della razza. Secondo una prima versione la razza sarebbe assolutamente olandese, in quanto il nome Lakenvelder deriverebbe da Lakervelt, un villaggio vicino Utrecht in cui sarebbe nata all'inizio del XVIII secolo. Un'altra opinione è quella secondo cui il nome sarebbe nato dalla descrizione del piumaggio, in quanto in olandese "laken" significa lenzuolo e "vel" significa pelle, quindi il nome significherebbe "pelle di lenzuolo". Un'altra versione afferma che la razza sia nata sia in Olanda che in Germania, essendo polli di questo tipo molti diffusi già a partire dai primi dell'800 sia nei Paesi Bassi che nella Vestfalia e nelle campagne intorno ad Hannover.

Lo studioso Brown invece propose una versione completamente diversa, affermando che la razza fosse stata importata da Gerusalemme, e in effetti inizialmente la razza fu denominata Lakenvelder de Jerusalem; i polli provenienti da Gerusalemme sarebbero poi stati accoppiati, secondo Brown, con polli di razza Campine. Altri studiosi sotengono invece che alla sua creazione hanno concorso la Braekel argento barrata nero, la Ostfriesische Mowen e il Gabbiano di Frisia Orientale. Inoltre esiste anche una razza di bovini chiamata con lo stesso nome che presenta lo stesso tipo di colorazione, e questo andrebbe a favore della tesi secondo cui il nome derivi dalla descrizione del piumaggio.

Caratteristiche morfologiche[modifica | modifica sorgente]

La Lakenvelder è un pollo di tipo campagnolo, snello ed elegante, di costituzione molto leggera e minuta. La testa è larga e di medie dimensioni, dotata di una cresta semplice a 5 punte poco sviluppata. Il becco è forte e poco ricurvo, mentre gli occhi sono grandi, rotondi e dall'iride bruno rossiccia. Gli orecchioni sono piccoli, oblunghi e bianchi; i bargigli sono arrotondati e di media lunghezza.

Il collo è mediamente lungo e dritto, e il dorso è di media lunghezza e abbastanza largo, portato orizzontalmente verso la coda. La coda è ricca, lunga e ben spiegata, dotata di falciformi particolarmente ricurve e allungate nel maschio, ed è portata abbastanza alta rispetto al dorso. Le zampe sono abbastanza basse, forti, con tarsi sottili di colore ardesia scuro ed unghie bianche.

L'addome è pieno, ben arrotondato e prominente. Il peso si aggira intorno ai 2,400 kg per il gallo e ai 1,800 kg per la gallina.

Colorazioni[modifica | modifica sorgente]

La razza è presente in un'unica varietà di colore, assente in tutte le altre razze e che quindi la rende un pollo unico. Il colore di base in entrambi i sessi è bianco puro, ad eccezione della mantellina (collo), della testa e della coda che sono totalmente nere a riflessi metallici verdastri. Le remiganti primarie hanno le barbe esterne bianche e quelle interne nere; le remiganti secondarie all'opposto, hanno le barbe esterne nere e quelle interne bianche.

Qualità[modifica | modifica sorgente]

La Lakenvelder è una tipica razza ovaiola, e come tale, non è utilizzata per produrre polli da carne. Grazie al suo piumaggio a contrasto e alle sue forme aggraziate ha conquistato le simpatie di molti allevatori amatoriali in tutto il mondo, che l'hanno resa popolare presso le mostre avicole, mentre come altre razze ovaiole nordeuropee non ha mai suscitato interessi industriali; è quindi allevata soprattutto a scopo sportivo. Le uova hanno guscio bianco rosato.

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli