Laidleria gracilis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Laidleria
Laidleria1DB.jpg
Ricostruzione di Laidleria gracilis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Amphibia
Ordine Temnospondyli
Famiglia Rhytidosteidae
Genere Laidleria
Specie L. gracilis

La laidleria (Laidleria gracilis) è un anfibio estinto appartenente ai temnospondili. Visse nel Triassico inferiore (circa 248 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Sudafrica.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Lungo tra i 30 e i 40 centimetri, questo animale possedeva un cranio eccezionalmente piatto, che visto da sopra assomigliava a un triangolo equilatero. I denti erano aguzzi ed erano presenti vere e proprie zanne sulla mandibola. Il corpo era molto largo e piuttosto piatto, ricoperto da una serie notevole di scudi posti l'uno accanto all'altro, a formare una sorta di carapace simile a quello delle tartarughe odierne. Questa corazza, con tutta probabilità, poteva essere di aiuto all'animale per difendersi dai predatori come il terapside Cynognathus, rinvenuto negli stessi luoghi.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

La laidleria è stata considerata uno dei più primitivi fra i plagiosauroidi, un gruppo di anfibi estinti estremamente adattato alla vita acquatica. Questo animale, tuttavia, era ancora sprovvisto di adattamenti estremi, ed è possibile che parte del suo tempo lo passasse sulla terraferma.

Ricerche più recenti (Dias da Silva e Marsicano, 2011) hanno determinato che Laidleria era un rappresentante dei ritidosteidi, un gruppo diversificato di temnospondili tipici del Triassico, dalle caratteristiche intermedie tra i trematosauri e i brachiopoidi. Il suo più stretto parente potrebbe essere l'antico Trucheosaurus del Permiano.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Lista degli anfibi preistorici

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Warren, A.A. (1998), Laidleria uncovered: a redescription of Laidleria gracilis Kitching (1957), a temnospondyl from the Cynognathus Zone of South Africa. Zool. J. Linn. Soc. 122: 167-185.
  • Dias-da-Silva, S.; and Marsicano, C. (2011). "Phylogenetic reappraisal of Rhytidosteidae (Stereospondyli: Trematosauria), temnospondyl amphibians from the Permian and Triassic". Journal of Systematic Paleontology 9 (2): 305–325. doi:10.1080/14772019.2010.492664