Lagothrix cana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Scimmia lanosa grigia
Lagothrix cana
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Platyrrhini
Famiglia Atelidae
Sottofamiglia Atelinae
Genere Lagothrix
Specie L. cana
Nomenclatura binomiale
Lagothrix cana
E. Géoffroy, 1812
Sinonimi

Lagothrix lagotricha ssp. cana

La scimmia lanosa grigia o lagotrice grigia (Lagothrix cana E. Géoffroy, 1812) è un primate platirrino della famiglia degli Atelidi.

Veniva un tempo considerata una sottospecie di Lagothrix lagotricha (L. lagotricha cana).

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Con due sottospecie (Lagothrix cana cana e Lagothrix cana tschudii) vive a sud del Rio delle Amazzoni, dal Brasile centrale alla zona di confine fea Perù e Bolivia. Predilige le aree ricoperte da foresta pluviale primaria.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Misura circa un metro e venti di lunghezza, di cui metà spetta alla coda, per un peso che raggiunge i 10 kg, e può superarli in cattività.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Il pelo è grigio cenerino sul corpo, spesso tende ad inscurirsi su testa ed avambracci, arrivando fino a diventare nero. Anche la coda è nera nei due terzi distali: possono inoltre essere presenti sfumature rossastre su basso ventre e coda, specie fra gli esemplari della parte settentrionale dell'areale della specie.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Vive in gruppi comprendenti da 10 a 60 individui, formati da vari nuclei familiari, che possono nutrirsi e muoversi insieme oppure frazionarsi nell'ambito di un unico territorio, riunendosi di sera per dormire. A volte capita che i giovani esemplari, in particolare le femmine, passino dei periodi in altri gruppi diversi da quello natio, per poi ritornarvi. Nell'ambito dello stesso gruppo, i maschi possono manifestare fenomeni d'intolleranza reciproci, dando luogo a dimostrazioni di forza (scuotimento di rami) e di nervosismo (defecazione, vocalizzazioni).
Ha abitudini diurne e prevalentemente arboricole: è raro infatti vederla scendere a terra.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di animali essenzialmente frugivori: qualora la frutta non sia disponibile in grosse quantità, ripiegano su semi e foglie. Nella parte settentrionale del loro areale, durante la stagione secca spesso possono essere osservati mentre si nutrono d'insetti: in cattività, possono nutrirsi anche di piccoli vertebrati.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi