Lago di Caldaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lago di Caldaro
Kalterer See
KaltererSeePanoVonAltenburg.jpg
Vista del lago
Stato Italia Italia
Regione Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
Provincia Bolzano Bolzano
Comune Caldaro sulla strada del vino
Vadena
Coordinate 46°22′47.13″N 11°15′52.45″E / 46.379758°N 11.264569°E46.379758; 11.264569Coordinate: 46°22′47.13″N 11°15′52.45″E / 46.379758°N 11.264569°E46.379758; 11.264569
Altitudine 216 m s.l.m.
Dimensioni
Superficie 1,4 km²
Profondità massima 5,6 m
Idrografia
Origine alluvionale
Bacino idrografico 55,5 km²
Immissari principali alcuni piccoli immissari e sorgenti subacquee
Emissari principali Fossa Grande di Caldaro
Fossa Piccola di Caldaro
Mappa di localizzazione: Italia
Lago di Caldaro
Kalterer See

Il Lago di Caldaro (Kalterer See in tedesco) è il più grande specchio d'acqua naturale della provincia autonoma di Bolzano. È situato nell'Oltradige a 216 m nel comune di Caldaro sulla strada del vino (BZ), a circa 20 km da Bolzano.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

2011-04-07 15-52-11 Italy Trentino-Alto Adige Castelvecchio.jpg

Magnify-clip.png
Panorama sul lago dalla località di Castelvecchio.

Di origine alluvionale, il lago è alimentato da alcune sorgenti subacquee. Molto frequentato dai turisti, il lago di Caldaro ha lungo le sue rive impianti balneari, campeggi, alberghi e ristoranti, piccoli porti per le barche a vela. Per la sua ventilazione il lago di Caldaro favorisce l'esercizio di sport eolici quali il windsurf e la barca a vela.

Su una delle cime del monte di Mezzo (in ted. Mittelberg), che chiude la conca ad est, proprio all'altezza del lago sorgono le rovine di Castelchiaro (in ted. Leuchtenburg) e Castel Varco (in ted. Laimburg).

Il lago visto dalle rovine di Altenburg, con la chiesetta di san Pietro

A est del lago, in località Castelvecchio (Altenburg), sorge la chiesa più antica dell'Alto Adige: la basilica di san Pietro, raggiungibile anche attraversando la gola Rastenbachklamm, un sentiero che risale la montagna attraverso strette gole e cascate.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del lago è attestato nel 1257 come lacus Caldarii (in un documento latino), nel 1337 come Chaltner see, nel 1500 come See zu Kaltern e nel 1770 come Kalterer See.[1]

Leggenda[modifica | modifica wikitesto]

Una delle tante saghe dell'Alto Adige descrive la formazione del lago di Caldaro. Il Signore presentatosi sotto le spoglie di un vagabondo bussò alla porta del maso Klughammer domandando un pezzo di pane e dell'acqua. Il padrone del maso gli rifiutò il pane e gli disse che di acqua Dio ne manda poca. Il Signore iniziò a piangere per la cattiveria e per la durezza di quell'uomo, tanto che le sue lacrime andarono a formare pian piano una piccola sorgente, che prendendo vigore travolse tutto ciò che trovò, risparmiando però il maso Klughammer; ora sì che ce ne era di acqua.[2]

Biotopo[modifica | modifica wikitesto]

Biotopo del lago di Caldaro
Tipo di area Riserva naturale provinciale
Codifica EUAP EUAP0571
Stati Italia Italia
Regioni Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
Province Bolzano Bolzano
Comuni Caldaro sulla strada del vino
Superficie a terra 241,14 ha
Provvedimenti istitutivi D.P.G.P. 397/28.1, 09.09.1999
D.P.G.P. 413/28.1, 02.11.2000
Gestore Provincia autonoma di Bolzano
Sito istituzionale

Presso il lago di Caldaro si trova un'area naturale protetta (ZPS).[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 2, Bolzano, Athesia, 1995, p. 145. ISBN 88-7014-827-0
  2. ^ Lucillo Merci, Le più belle Leggende dell'Alto Adige, Vallagarina ed., 1973
  3. ^ Decreto 27 aprile 2010 del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Approvazione dello schema aggiornato relativo al VI Elenco ufficiale delle aree protette, ai sensi del combinato disposto dell'articolo 3, comma 4, lettera c), della legge 6 dicembre 1994, n. 394 e dall'articolo 7, comma 1, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281 (Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 125 del 31 maggio 2010 - Serie Generale)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige