Lago di Cadagno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lago di Cadagno
Lago Cadagno1.jpg
Parte del lago di Cadagno
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Ticino Ticino
Distretto Leventina
Comune Quinto
Coordinate 46°32′59″N 8°42′41″E / 46.549722°N 8.711389°E46.549722; 8.711389Coordinate: 46°32′59″N 8°42′41″E / 46.549722°N 8.711389°E46.549722; 8.711389
Altitudine 1921 m s.l.m.
Dimensioni
Superficie 0.26 km²
Lunghezza 0,842 km
Larghezza 0,423 km
Profondità massima 20 m
Idrografia
Emissari principali Riale di Murinascia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Lago di Cadagno
Karte Ritomsee.png

Il lago di Cadagno è un lago naturale sito nella regione di Piora, nel comune di Quinto, canton Ticino, a un'altitudine di 1921 metri.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La sua meromissi crenogenica ne fa un unicum in tutta la regione europea. Questa caratteristica, di avere praticamente nello stesso specchio d'acqua due laghi sovrapposti che non si mescolano mai, ne fa oggetto di una costante osservazione da parte del Centro di biologia alpina di Piora [1] sorto nelle vicinanze del lago. In questo centro si alternano annualmente più di 2000 ricercatori provenienti da tutta Europa e dagli USA, per studiare il fenomeno in loco.

Il lago ha una profondità di circa venti metri, la parte superiore è composta da acque limpide e dolci profonde circa 8 metri. La parte inferiore è composta da acqua a forte concentrazione salina che non permette praticamente lo sviluppo di alcuna forma di vita per presenza di acido solfidrico (H2S) e altri composti altamente tossici. Tra i due strati, cioè al chemoclino, per uno spessore di circa due metri vi è uno strato di acqua dalla forte colorazione rossa. La colorazione è data dalla presenza in questo strato del batterio Chromatium okenii.

Questo organismo assieme ad altri, trova le sue condizioni ideali di vita in presenza di luce e acido solfidrico e assenza di ossigeno. In queste condizioni il batterio trasforma i composti chimici velenosi e rende l'acqua della parte superiore perfettamente potabile e atta allo sviluppo di vita acquatica tipica dei laghi di altitudine. Esso in pratica è un perfetto depuratore naturale e per questo motivo oggetto di importanti studi. Il lago non è alimentato da immissari di superficie importanti ma da sorgenti d'acqua sulfurea poste sul fondo del lago.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Centro Biologia Alpina, cadagno.ch. URL consultato il 16 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Raffaele Peduzzi, Il lago Cadagno: un modello di meromissi crenogenica, Mem., Società Ticinese di Scienze Naturali, 1993, 87-94.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]