Lago di Anterselva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lago di Anterselva
Antholzer See
Lago di Anterselva.jpg
Vista del lago da nord
Stato Italia Italia
Regione Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
Provincia Bolzano Bolzano
Comune Rasun Anterselva-Stemma.png Rasun Anterselva
Coordinate 46°53′07.04″N 12°10′03.15″E / 46.88529°N 12.167543°E46.88529; 12.167543Coordinate: 46°53′07.04″N 12°10′03.15″E / 46.88529°N 12.167543°E46.88529; 12.167543
Altitudine 1642 m s.l.m.
Dimensioni
Superficie 0,41 km²
Profondità massima 37 m
Volume 0,0027 km³
Idrografia
Origine sbarramento di frana
Bacino idrografico 19,5 km²
Immissari principali Rio Anterselva
Emissari principali Rio Anterselva
Mappa di localizzazione: Italia
Lago di Anterselva
Antholzer See

Il lago di Anterselva (Antholzer See in tedesco) è un piccolo lago alpino situato a 1642 m nella valle di Anterselva (una laterale della val Pusteria).

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Il lago, circondato da boschi di conifere, si è formato in seguito allo sbarramento del rio Anterselva a causa di frane staccatesi dai monti soprastanti; esso è situato all'interno del Parco naturale Vedrette di Ries-Aurina, nel territorio comunale di Rasun Anterselva (in provincia di Bolzano), a circa 97 km da Bolzano e 17 km dalla statale della Val Pusteria.

La strada che risale la Valle di Anterselva, superato il lago, prosegue verso il passo Stalle, un valico sullo spartiacque alpino che porta in Austria, nella valle di Defereggen (a causa della ristrettezza della carreggiata, il tratto tra il lago e il passo è aperto a senso unico alternato, regolato da un impianto semaforico: l’accesso in ciascuna direzione è consentito solo per un quarto d’ora ogni ora).

Attorno al lago sorgono alcuni bunker dello sbarramento Anterselva Mezzavalle-Lago di Anterselva del Vallo Alpino in Alto Adige costruiti per la difesa del territorio italiano da un'ipotetica invasione da parte delle truppe tedesche durante la seconda guerra mondiale.

La leggenda del lago, una delle tante saghe dell'Alto Adige racconta che un giorno un mendicante si fermò sui campi di tre ricchi contadini ai quali chiese dell'elemosina. I tre avari contadini si rifiutarono cacciandolo via a mani vuote. Il medicante arrabbiato disse: "entro tre giorni dietro alla vostra casa, apparirà una piccola fontana e vi si apriranno gli occhi!" Dopo che nei primi due giorni non accadde nulla, il terzo giorno dietro ad ogni maso si era formata una fontana che man mano incrementa la sua portata, fino a portare via i tre contadini e le loro famiglie. In quel posto si è formato il lago di Anterselva.[1][2]

Sulle rive del lago è stato girato un piccolo segmento (circa tre minuti) del film Il caso Mattei diretto da Francesco Rosi nel 1972. Il lago per alcuni anni Enrico Mattei era titolare della riserva di pesca e aveva un maso a pelo d'acqua senza luce elettrica e telefono. Mattei ci trascorreva i weekend,[3] talvolta in compagnia di importanti ministri del petrolio di paesi arabi, che rimasero affascinati dalla bellezza del luogo. Tra gli ospiti più assidui ci furono lo scià di Persia e l'allora consorte Soraya. La casa di Enrico Mattei fu poi trasformata in albergo-ristorante. Mattei raggiungeva Anterselva con l'aereo aziendale che aveva in uso, atterrando al campo volo di Dobbiaco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La leggenda del Lago di Anterselva
  2. ^ Lucillo Merci, Le più belle Leggende dell'Alto Adige, Vallagarina ed., 1973
  3. ^ Giuseppe Accorinti Quando Mattei...

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige