Lage Raho Munna Bhai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lage Raho Munna Bhai
Lage Raho.jpg
Titolo originale मुन्नाभाई
Lingua originale Hindi
Paese di produzione India
Anno 2006
Durata 144 m
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Rajkumar Hirani
Soggetto Rajkumar Hirani, Vidhu Vinod Chopra
Sceneggiatura Rajkumar Hirani, Abhijat Joshi
Produttore Vidhu Vinod Chopra
Casa di produzione Vinod Chopra Productions
Fotografia C. K. Muraleedharan
Montaggio Rajkumar Hirani
Musiche Shantanu Moitra
Interpreti e personaggi

Lage Raho Munna Bhai (Hindi: लगे रहो मुन्नाभाई) è un film indiano del 2006 diretto da Rajkumar Hirani e prodotto da Vidhu Vinod Chopra. È il secondo capitolo della popolare serie bollywoodiana Munna Bhai. Sanjay Dutt è il protagonista del film nel ruolo di Munna Bhai, un mafioso di Mumbai, che è in grado di vedere lo spirito di Mahatma Gandhi. Attraverso le sue interazioni con l'immagine di Gandhi, Munna Bhai inizia a paraticare ciò che lui chiama Gandhigiri (Satyagraha, la pratica di Gandhi della non violenza e della verità) per aiutare la gente comune a risolvere i propri pproblemi. Il suo braccio destro, Circuit, è interpretato dall'attore Arshad Warsi. Il film è stato distribuito in India il 1º settembre 2006[1].

Lage Raho Munna Bhai ha avuto un forte impatto culturale in India, rendendo popolare il gandhismo attraverso le nozioni di Gandhigiri di Munna Bhai.[2][3][4] Come notato dalla critica[4][5], il film ha "scatenato la fantasia popolare", portando ad un numero di proteste basate sul Gandhigiri in India e negli Stati Uniti: "Per le generazioni nate dopo l'assassinio di Mahatma Gandhi, Munna Bhai, l'eroe del film, ha reso il gandhismo antiquato. La nuova parola d'ordine è Gandhigiri, un valore, ed un bene, aggiunto al lessico di una cultura soffusa da ogni genere abominevole di 'Dadagiri' e 'Goondagiri.' "[5]

Il film è stato generalmente ben ricevuto sia dalla critica che dal pubblico. È stato un grosso successo ai box office ed è stato elevato al ragno di "blockbuster" da Box Office India dopo aver incassato oltre 720 milioni di rupie indiane. Ha inoltre guadagnato numerosi riconoscimenti cinematografici, inclusi quattro National Film Awards.[6][7] Lage Raho Munna Bhai è il primo film in lingua hindi ad essere mostrato alle Nazioni Unite[8][9], ed anche proiettato in una platea gremita di studenti per lo più francesi che "hanno applaudito sino alla fine dei titolo di coda" durante la sezione Tous Les Cinema du Monde del Festival di Cannes 2007.[10][11] Il Primo Ministro dell'India, Manmohan Singh, ha lodato il film, dichiarando che esso "cattura il messaggio di Bapu relativo al potere della verità e dell'umanità."[12]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Moviefone, Moviefone: Lage Raho Munna Bhai in movies.aol.com, AOL LLC. URL consultato il 3 maggio 2007.
  2. ^ Harjeet Kaur Allagh, Bole tho… Gandhigiri in The Hindu, The Hindu, 31 gennaio 2009. URL consultato il 2 marzo 2009.
  3. ^ Mridula Chunduri, Gandhigiri, a cool way to live in timesofindia.com, Times Internet Limited, 29 settembre 2006. URL consultato il 29 settembre 2006.
  4. ^ a b Swati Gauri Sharma, How Gandhi got his mojo back in boston.com, The New York Times Company, 13 ottobre 2006. URL consultato il 13 ottobre 2006.
  5. ^ a b Shastri Ramachandaran, Jollygood Bollywood:Munnabhai rescues Mahatma in tribuneindia.com, The Tribune Trust, 23 settembre 2006. URL consultato il 28 aprile 2007.
  6. ^ Box Office 2006 (Figures in Ind Rs), boxofficeindia.com. URL consultato il 3 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 2008-01-21).
  7. ^ Munna Bhai sweeps National Film Awards in Times of India, 10 giugno 2008. URL consultato il 2 marzo 2009.
  8. ^ UN all praise for Lage Raho Munnabhai in Times of India, The Times of India, 11 novembre 2006. URL consultato il 2 marzo 2009.
  9. ^ Indo-Asian News Service, UN members laughed and applauded at 'Lage Raho... in glamsham.com, Fifth Quarter Infomedia Pvt. Ltd., 14 novembre 2006. URL consultato il 14 novembre 2006.
  10. ^ Rajeev Masand, Lage Raho ... is hot at Cannes in ibnlive.com, CNN, 20 maggio 2007. URL consultato il 20 maggio 2007.
  11. ^ Taran Adarsh, 'Lage Raho Munnabhai' stuns Cannes in indiafm.com, Bollywood Hungama, 22 maggio 2007. URL consultato il 22 maggio 2007.
  12. ^ Manmohan watches Munnabhai in hinduonnet.com, The Hindu, 26 ottobre 2006. URL consultato il 26 ottobre 2006.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]