Laelia albida

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Laelia albida
Laelia albida - Curtis' 68 (N.S. 15) pl. 3957 (1842).jpg
Infiorescenza
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Orchidales
Famiglia Orchidaceae
Sottofamiglia Epidendroideae
Tribù Epidendreae
Sottotribù Laeliinae
Genere Laelia
Specie L. albida
Classificazione APG
Ordine Asparagales
Famiglia Orchidaceae
Nomenclatura binomiale
Laelia albida
Bateman ex Lindl., 1839
Sinonimi

vedi testo[1]

Laelia albida Bateman ex Lindl., 1839 è una pianta della famiglia delle Orchidaceae[1].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

L. albida è un'orchidea di medie dimensioni che cresce su alberi epifita o su rocce coperte di muschio (litofita), con pseudobulbi a grappolo, a forma conico-ovoidale, eretti che si piegano con l'età, parzialmente coperti da guaine di forma triangolare un po' ruvide e recanti all'apice due o tre foglie lineari coriacee e un po' carnose, di colore verde scuro. Fiorisce in autunno-inverno con da 2 a 9 racemi compressi tra loro, eretti alti da 12 a 60 cm che si dipartono dall'apice dello pseudobulbo e portano ciascuno da 3 fino a 10 fiori profumati e grandi da 5 a 7.5 centimetri, di colore bianco col labello anch'esso bianco, ma tendente al viola.[2].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

L. albida è una pianta originaria del Messico occidentale, dove cresce in foreste di latifoglie o pinete dai 1000 ai 2000 metri sul livello del mare[2].

Sinonimi[modifica | modifica sorgente]

Amalia albida (Bateman ex Lindl.) Heynh., 1846
Cattleya albida (Bateman ex Lindl.) Beer, 1854 Bletia albida (Bateman ex Lindl.) Rchb.f. ,1862
Laelia discolor A.Rich. & Galeotti, 1845
Laelia candida Lodd. ex W.H.Baxter, 1850
Laelia maryaniae B.S.Williams,1862
Laelia albida var. brunnea Rchb.f.,1868
Laelia albida var. ochracea Rchb.f., 1868
Laelia albida var. tuckeri Rchb.f., 1868
Laelia albida var. maryaniae (B.S.Williams) B.S.Williams, 1871
Laelia albida var. stobartiana Rchb.f., 1877
Laelia albida var. sulphurea Rchb.f., 1884
Laelia albida f. sulphurea (Rchb.f.) M.Wolff & O.Gruss, 2007

Coltivazione[modifica | modifica sorgente]

Questa specie richiede notti invernali fresche con poca acqua; gradisce la mezz'ombra e temperature medio-basse. Gradisce nebulizzazioni nel periodo vegetativo[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Laelia albida in World Checklist of Orchidaceae, Board of Trustees of the Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 10 marzo 2014.
  2. ^ a b c Laelia albida in Internet Orchid Species Photo Encyclopedia. URL consultato il 10 marzo 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica