Lady Lovely

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lady Lovely
serie TV cartone
Titolo orig. Lady Lovely Locks and the Pixietails
Lingua orig. inglese
Paese Stati Uniti
Character design Picha
Studio
Rete Syndication
1ª TV settembre 1987 – giugno 1988
Episodi 20 (completa)
Durata 12 min
Durata ep. 12 min
Rete it. Italia 1
1ª TV it. 12 settembre 1988 – 3 novembre 1988
Episodi it. 20 (completa)
Durata ep. it. 12'

Lady Lovely (Lady Lovely Locks and the Pixietails) è una serie televisiva a cartoni animati prodotta da Mattel e DiC Entertainment. È stata trasmessa per la prima volta all'interno dei programmi per ragazzi Bim bum bam (nella primavera del 1988 ogni domenica) e Ciao Ciao di Italia 1 (da lunedì 12 settembre 1988 a giovedì 3 novembre dello stesso anno, andando in onda il lunedì, mercoledì e venerdì abbinata a Che famiglia è questa Family, alternata al martedì, giovedì e sabato, con Hilary e Magica Magica Emi.) Data la breve durata di ogni episodio (10 minuti circa) ne venivano trasmessi due consecutivi. Arrivato direttamente dagli USA, dove aveva ottenuto un discreto successo, nacque per pubblicizzare le bambole e i giocattoli della serie; nel 1989 fu creato anche un fumetto made in Italy apparso su Magic Girl e sul Corriere dei piccoli.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Lady Lovely è la principessa del regno di LovelyLocks, regno in cui riesce a mantenere la pace grazie alla magia contenuta nei suoi capelli. La magia, che riesce a rifortificare quando vuole immergendovi un cristallo magico, le permette di ristabilire l'ordine e la serenità quando i suoi nemici intervengono per distruggere il paese. La sua nemica più agguerrita è Neronda, una duchessa che trascorre il suo tempo rinchiusa in un'alta torre a spiare le mosse della principessa dal suo grande telescopio. L'unico desiderio di Neronda è conquistare il regno di Lock e, per farlo, ha bisogno di una ciocca dei magici capelli di Lady Lovely. Viene aiutata dal suo scagnozzo Sacco di peli un folletto malvagio dedito alle arti oscure ma che con le sue pozioni riesce combinare solo guai. Tenterà più volte di rapire la principessa ma Lovely riuscirà sempre a salvarsi grazie all'aiuto dei suoi magici folletti. I folletti amici della principessa, i Ciuffetti, sono dotati di magici poteri contenuti nella loro lunga coda colorata. Anche i Pettignomi, due malvagi aiutanti di Neronda, insieme a Sacco di pelo, erano folletti prima di passare dalla parte del male. Nel castello della principessa vivono anche le sue due fidate amiche, le dame Cioccabella e Ricciolina, senza dimenticare i due animali Cucciolo di seta (un buffo cagnolino rosa) e Criniera di seta (il suo cavallo lilla). Pronti ad aiutare le tre ragazze nel momento del pericolo ci sono il mago Raggiante (che diviene cieco fuori dal suo castello) e il principe Cuorforte, costretto da un maleficio a rimanere chiuso nel castello del mago pena la trasformazione in un cane bianco appena abbandonate le sue mura. Per brevi istanti, durante le notti di luna piena, Cuorforte può assumere sembianze umane anche all'esterno del castello di Raggiante, ma per nessuna ragione può incrociare lo sguardo della principessa: pena il ritorno immediato alla forma animale. La serie animata non ha un vero e proprio finale, lasciando presagire, forse, l'esistenza di una seconda serie in fase di pianificazione.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

  1. Per salvare il mio regno
  2. Crudele pretendente
  3. Svaniti
  4. L' osso del desiderio
  5. Il lago dei riflessi
  6. Il ciuffo
  7. La scoperta
  8. La minaccia del lago dello specchio
  9. Il cuore spezzato di principe
  10. Nel regno del ghiaccio
  11. La nobile azione
  12. Il dubbio
  13. L' albero dei draghi
  14. La cattura
  15. Luna blu
  16. La gara
  17. Il potere e la gloria
  18. Il custode
  19. La palla di fuoco
  20. Per prendere un castello

Sigla[modifica | modifica wikitesto]

La sigla TV è Lady Lovely, cantata da Cristina D’Avena ed incisa negli album: Cristina D'Avena e i tuoi amici in TV 2 (1988), Fivelandia 7 (1989) e Principi e principesse (2007).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

animazione Portale Animazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animazione