Lacerta bilineata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ramarro occidentale
Lacerta viridis (Zingaro) 02.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Squamata
Sottordine Sauria
Infraordine Scincomorpha
Famiglia Lacertidae
Genere Lacerta
Specie L. bilineata
Nomenclatura binomiale
Lacerta bilineata
Daudin, 1802

Il ramarro occidentale (Lacerta bilineata Daudin, 1802) è un sauro della famiglia dei Lacertidi[2], di colore verde brillante, rapidissimo nei movimenti.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La forma del corpo è quella tipica delle lucertole, ma di dimensioni maggiori. Gli esemplari adulti possono raggiungere i 45 cm di lunghezza, compresa la coda. La livrea del maschio è verde con striature nero-brunastre sul dorso e gialle sul ventre; nella stagione riproduttiva la gola diventa di colore azzurro intenso. La femmina è di colore dal verde al beige. Le zampe sono dotate di cinque dita munite di piccoli artigli.[3]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

I ramarri sono animali territoriali. I maschi lottano tra loro, soprattutto nella stagione riproduttiva.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutrono principalmente di artropodi, larve, molluschi e talora anche di vegetali come frutta o bacche.[3]

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

La maturità sessuale viene raggiunta intorno ai due anni. I maschi che sono sedentari e territoriali, nel periodo dell'accoppiamento in primavera, dopo il letargo invernale, sono molto aggressivi: si affrontano alzando la testa, mostrando il sottogola azzurro all'avversario e frustando l'aria con la coda. Il maschio vincitore potrà accoppiarsi con la femmina. Durante l'accoppiamento il maschio trattiene la femmina mordendola su un fianco. Dopo alcune settimane, la femmina scava un nido profondo una decina di centimetri e vi depone tra le 5 e le 25 uova, lunghe circa 18 mm, che si schiudono dopo circa 3 mesi.[3]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

██ Lacerta viridis

██ Lacerta bilineata

██ Punti di ibridazione

Questa specie è presente in Portogallo, Spagna, Francia, Andorra, Austria, Croazia, Germania, Monaco, Slovenia, Svizzera, Regno Unito(Isole del Canale) e Italia.
In Italia è presente in tutta la penisola ed in Sicilia. In Sardegna è assente. Il suo areale si sovrappone parzialmente a quello della Lacerta viridis, diffusa in Europa orientale in Friuli Venezia Giulia e nella parte orientale del Veneto. È stata introdotta in Kansas negli Stati Uniti[1].

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

Ne esistono cinque sottospecie:[2]

  • Lacerta bilineata bilineata Daudin, 1802
  • Lacerta bilineata chloronota Rafinesque-Schmaltz, 1810
  • Lacerta bilineata chlorosecunda
  • Lacerta bilineata indet (Elbing 2001)
  • Lacerta bilineata fejervaryi Vasvary 1926

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Valentin Pérez-Mellado et al. 2008, Lacerta bilineata in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ a b Lacerta bilineata in The Reptile Database. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  3. ^ a b c Ramarro Occidentale - Lacerta bilineata Daudin 1802 in Atlante della Fauna selvatica italiana - Rettili. URL consultato il 20 dicembre 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili