Laccaria laccata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Laccaria
Lacc.lacc.jpg
Laccaria laccata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Tricholomataceae
Genere Laccaria
Specie laccata
Nomenclatura binomiale
L. laccata
(Scop.) Cooke, 1884

Laccaria laccata (Scop.) Cooke, Grevillea 12(no. 63): 70 (1884)[1] è un fungo di piccola taglia, abbastanza comune, appartenente alla famiglia Tricholomataceae.

Descrizione della specie[modifica | modifica sorgente]

Cappello[modifica | modifica sorgente]

1-4,5 di diametro, convesso poi appianato e spesso depresso al centro

margine
in curvato da giovane poi rivolto in alto e spesso eroso, ondulato, striato in trasparenza, dentellato
cuticola
igrofana, di colore bruno-arancio assume colorazioni più chiare per la siccità, fibrillosa, finemente forforacea

Lamelle[modifica | modifica sorgente]

Adnate, a volte subdecorrenti, larghe, spaziate, rosastre-vinacee, con il filo intero, intercalate da lamellule.

Gambo[modifica | modifica sorgente]

3-6 x 0,2-0,6 cm, cilindrico, a volte leggermente ingrossato alla base, cartilagineo, con la superficie fibrillosa-striata negli esemplari giovani, concolore al cappello, con micelio bianco alla base, velo assente.

Carne[modifica | modifica sorgente]

Sottile, leggermente tenace ed elastica, concolore al cappello, immutabile.

Odore
leggermente fruttato
Sapore
leggermente rafanoide.

Habitat[modifica | modifica sorgente]

Simbionte, stabilisce micorrize con latifoglie o conifere; cresce solitario o in gruppi.

Reazione chimica[modifica | modifica sorgente]

KOH
negativo sul cappello.

Microscopia[modifica | modifica sorgente]

Spore
bianche in massa, 7-10 x 7-9 µm, da subglobose a globose, ornate di spine lunghe 1-2 µm, non amiloidi, apicolate
Basidi
tetrasporici, clavati
Cheilocistidi
generalmente presenti, filamentosi, cilindrici o subclavati, 55 x 7,5 µm.

Commestibilità[modifica | modifica sorgente]

Commestibile, ma di scarso valore alimentare.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Dal persiano lak = vernice, cioè attinente alla vernice.

Nomi comuni [2][modifica | modifica sorgente]

  • (FR) Clitocybe laqué
  • (EN) Deceiver, Lackluster laccaria
  • (DE) Rötlicher Lacktrichterling
  • (ES) Lacaria lacada
  • (EU) Lakaria arrunt
  • (CA) Pentinella rosada, Pimpinella morada

Specie simili[modifica | modifica sorgente]

Si può confondere con la mortale Galerina marginata, che ha però le lamelle più ravvicinate, e con alcune specie di Cortinarius di piccola taglia.

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica sorgente]

  • Agaricus amethysteus Bull., Herb. Fr. 5: tab. 198 (1785)
  • Agaricus farinaceus Huds., Fl. Angl., Edn 2 2: 616 (1778)
  • Agaricus incanus Bull., Herb. Fr. 6: tab. 570, fig. L-M (1786)
  • Agaricus janthinus Batsch, Elench. fung. (Halle): 79, tab. 5:20 (1783)
  • Agaricus laccatus Scop., Fl. carniol., Edn 2 (Wien) 2: 448 (1772)
  • Agaricus rosellus Batsch, Elench. fung., cont. prim. (Halle): 121 (1786)
  • Camarophyllus laccatus (Scop.) P. Karst., Hattsvampar: 231 (1882)
  • Clitocybe laccata (Scop.) P. Kumm., Führ. Pilzk. (Zwickau): 122 (1871)
  • Collybia laccata (Scop.) Quél., Flore mycologique de la France et des pays limitrophes: 237 (1888)
  • Laccaria affinis (Singer) Bon, Docums Mycol. 13(no. 51): 49 (1983)
  • Laccaria amethystea (Bull.) Murrill, N. Amer. Fl. (New York) 10(1): 1 (1914)
  • Laccaria anglica (Singer) Bon & Haluwyn, Docums Mycol. 11(no. 44): 22 (1981)
  • Laccaria bicolor var. subalpina (Singer) Pázmány, Notulae Botanicae, Horti Agrobotanici Cluj-Napoca 20-21: 14 (1991) [1990-1991]
  • Laccaria farinacea (Huds.) Singer, in Singer & Moser, Beih. Sydowia 7: 8 (1973)
  • Laccaria scotica (Singer) Bon & Haluwyn, Docums Mycol. 11(no. 44): 23 (1981)
  • Laccaria tetraspora var. scotica Singer, Bull. trimest. Soc. mycol. Fr. 83: 114 (1967)
  • Omphalia amethystea (Bull.) Gray, Nat. Arr. Brit. Pl. (London) 1: 614 (1821)
  • Omphalia farinacea (Huds.) Gray, Nat. Arr. Brit. Pl. (London) 1: 616 (1821)
  • Omphalia laccata (Scop.) Quél., Enchir. fung. (Paris): 26 (1886)
  • Omphalia rosella (Batsch) Gray, Nat. Arr. Brit. Pl. (London) 1: 613 (1821)
  • Russuliopsis laccata (Scop.) J. Schröt., in Cohn, Krypt.-Fl. Schlesien (Breslau) 3.1(33–40): 622 (1889)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Laccaria laccata in Index Fungorum, CABI Bioscience.
  2. ^ Laccaria laccata. URL consultato il 31/10/2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Kuo, M., Laccaria laccata in MushroomExpert.Com, dicembre 2010. URL consultato il 31/10/2012.
  • Carlo Papetti, Giovanni Consiglio e Giampaolo Simonini (a cura di), Atlante fotografico dei Funghi d'Italia Vol.I, Associazione micologica Bresadola, 1999.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia